Posts tagged ‘Musica’

luglio 21, 2016

“Musica: Fimi, 1/a volta sorpasso del digitale sul fisico”

Con il 51%, per la prima volta nel mercato discografico in Italia il digitale supera il fisico. Secondo i dati rilevati da Deloitte per Fimi, relativi al primo semestre del 2016, il digitale ha attuato il sorpasso grazie alla spinta dello streaming, che rappresentano il 40% del mercato totale e segnano un incremento del +51%. I cd invece vanno in picchiata, con -13%. Complessivamente, nei primi sei mesi dell’anno, il fatturato è salito dell’1%, attestandosi a 66,4 milioni di euro (65.550 nel 2015). Tenuto conto della particolare performance del 2015, i primi sei mesi del 2016 sono oltre il 23% in più del 2014. Sul fronte digitale continua la progressione dello streaming in abbonamento, cresciuto del 68%, con servizi come Spotify, Apple Music, Deezer e TIMmusic, contro il +19% di YouTube. Lo streaming ha fatturato 26,3 milioni e secondo i dati Fimi, il 20% dei consumatori di musica accede a servizi in streaming a pagamento. Continua anche la corsa del vinile (+43%)che rappresenta il 5% del mercato. Sempre forte il repertorio italiano che rappresenta il 44% contro il 38% del repertorio internazionale (comunque in salita del 7% rispetto allo stesso periodo del 2015).

Questo articolo lo trovate su sito ANSA

Tag:
aprile 1, 2016

“La musica è di Apple ‘distrattamente buona’ per Taylor Swift a New annuncio”

Apple ha debuttato un nuovo annuncio per il suo servizio di streaming musicale di Apple di musica, questa volta centratura intorno una sessione di allenamento dall’artista Taylor Swift. La cantante ha pubblicato il video di 1 minuto su Twitter questa mattina, sottotitoli come “basato su eventi realmente accaduti.”

TSwift Mela Musica
Nel commerciale, inizia la preparazione per un allenamento tapis roulant si naviga di Apple Musica per alcune canzoni di allenamento legate. Dopo la navigazione attraverso attività Playlist e atterraggio sulla gestione sotto-categoria raccomandati del servizio, Swift decide una playlist chiamata “#GYMFLOW” e inizia l’ascolto di canzone Drake & Future di “Jumpman”.

Come il video continua, Swift diventa veramente nella canzone e canta insieme ai testi, in ultima analisi, che l’ha portata a spazzare via sul tapis roulant con lo slogan di accompagnamento per il video che descrive di Apple musica come “distractingly bene.”

A differenza della sezione “For You” di Apple, musica, le playlist pre-impostati presenti sulla nuova scheda del servizio sono gli stessi per ogni utente e vengono appositamente curata per i diversi eventi – come un barbecue o di studio – da Apple dietro le quinte.

Questo articolo lo trovate su sito MacRumors

Tag:
luglio 1, 2015

“Beats 1, la radio di Apple Music si ascolta anche su Android in via non ufficiale”

Con Apple Music, da ieri disponibile per i dispositivi iOS aggiornati a iOS 8.4, Apple ha anche inaugurato Beats 1, la radio streaming che si può ascoltare in tutto il mondo, attraverso l’app Musica da iPhone e iPad. Apple Music, con Beats 1, arriverà anche su Android, ma non prima del prossimo autunno. In rete, però, c’è già il modo di ascoltare la radio in live streaming anche da Android. Ecco come fare.

Per ascoltare Beats 1 da Android è sufficiente cliccare su questo indirizzo. Il risultato è stato possibile grazie allo sviluppatore Benjamin Rumble, che ha scovato un indirizzo HTTP Live streaming non criptato e lo ha postato in rete sulla sua pagina personale. Non è il solo, dato che in molti hanno già rilasciato in rete codici embedded per ascoltare Beats 1 da numerosi player, compreso Chrome per Android. E’ possibile, però, ascoltare Beats 1 dall’indirizzo scoperto solo se si accedere alla rete da un IP proveniente da uno dei paesi in cui è stata lanciata Beats 1.

In Italia, utilizzando un dispositivo Android con sistema operativo 4.1 o superiore, è possibile ascoltare Beats 1 cliccando direttamente a questo indirizzo. Non si tratterà di una soluzione ufficiale appagante, ma nell’attesa che Apple Music varchi ufficialmente le porte del Google Play Store, è senza dubbio un primo modo per prendere subito contatto con il nuovo servizio radio di Apple.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

beats1

Tag:
giugno 25, 2015

“Apple Musica tasso di royalty in prova gratuita alla pari con Spotify 35% affare, a 0.2 centesimi per gioco”

Un rapporto che Apple avrebbe pagato musica etichette un tasso di royalty ridotta durante il periodo di prova di tre mesi di Apple, Musica è stata confermata da etichette che hanno parlato il New York Times. Apple aveva inizialmente previsto di pagare loro nulla prima di una lettera aperta di Taylor Swift e lamentele da parte degli altri ha portato ad un rapido cambiamento di programma.

Per ogni brano che viene streaming gratuito, Apple pagherà 0,2 cent per l’uso di registrazioni, un tasso che i dirigenti musicali detto che era più o meno paragonabile ai livelli liberi da servizi come Spotify. La tariffa non include un pagamento più piccolo per scrivere canzoni diritti che va agli editori musicali.

Spotify basa la sua pagamento delle royalties per gli utenti free su una quota del 35%, la metà del 70% si paga per i brani in streaming da abbonati a pagamento …

Anche se alcuni avevano inizialmente ipotizzato che i tweet di Eddy Cue significava che Apple sarebbe pagare l’intero reali (o stimata o back-calcolato) durante il processo, l’accettazione dei termini da parte di gruppi industriali che rappresentano più di 20.000 artisti indie suggerisce che le etichette sono felici con la affrontare.

Ieri Apple ha promosso la Beats 1 stazione radio che farà parte del servizio musicale di Apple con un annuncio massiccia famosa Times Square di New York City.

Questo articolo lo trovate su sito 9to5Mac

Tag:
gennaio 26, 2015

“Apple pubblica la nuova sezione Gratis su iTunes con musica ed episodi TV gratuiti in USA”

Free on iTunes, questo il titolo che Apple ha scelto per la nuova sezione che raccoglie musica ed episodi TV gratuiti su iTunes Store in USA. Infatti nel momento in cui scriviamo questa nuova sezione è disponibile soltanto sul negozio digitale statunitense, la pagina resuscita indirettamente il Singolo della Settimana, promozione abbandonata solo di recente dopo undici lunghi anni di attività.Al momento sono 16 i brani che gli utenti USA possono scaricare ed ascoltare gratuitamente su iPhone, iPad e Mac: tra questi troviamo alcuni singoli popolari come Eyes del gruppo musicale indie rock statunitense Rogue Wave ed Obedear del duo canadese Purity Ring composto da Megan James (voce) e Corin Roddick (polistrumentista). Nella lista figurano anche diverse band meno note come The Bright Light Social Hour ed artisti emergenti come Robin Bacior e Tobias Jesso Jr che, grazie all’iniziativa, possono farsi conoscere al pubblico offrendo l’ascolto del proprio singolo gratuitamente. Oltre alla musica, gratuiti sono anche alcuni episodi completi di serie televisive quali Friends to Lovers?, Rugged Justice, My Big Fat Fabolous Life e Best New Restaurant, dove la prima puntata offerta gratuitamente è dedicata alla cucina italiana.Non è chiaro se questa interessante sezione verrà estesa negli altri store, tra cui quello del nostro paese: effettivamente la mancanza del Singolo della Settimana si sente in quanto era, per chi scrive come per molti altri utenti, un’ottima occasione per scoprire nuova musica ed ampliare il proprio catalogo iTunes con brani di diverso genere.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

iTunes

giugno 23, 2014

“In breve: musica di ricerca Google Android, lo streaming raggiunge classifiche inglesi”

Google ha aggiornato la sua ricerca di app su Android, cambiando il modo in cui gestisce le query legate alla musica. Risultati per le canzoni e gli artisti ora caricare un elenco di link a servizi di streaming, lasciando l’utente riprodurre musica dell’artista all’interno della relativa applicazione smartphone installato, ad esempio Spotify, Rdio, e Google Play Music. Google sta lanciando la funzione fuori per dispositivi Android negli Stati Uniti ora, e spera di espandere globalmente presto.
Classifiche musicali inglesi inizierà a prendere in considerazione la musica suonata sul servizio di streaming, la Official Charts Company ha rivelato. La BBC riferisce musica suonata su Spotify, Deezer, ed altri saranno prese in considerazione in UK singles chart a partire da luglio, anche se in streaming non avrà lo stesso potere sul grafico come acquisti canzone. Streams saranno equiparare a uno per cento di un acquisto canto, e nel tentativo di evitare gli appassionati di musica accaniti di trarre vantaggio, solo dieci giochi di una traccia per utente al giorno saranno contati, con ogni istanza doveva essere giocato per almeno 30 secondi .

Questo articolo lo trovate su sito Macnn

 

Tag:
aprile 21, 2014

“Vox: la musica digitale è migliore di quella analogica”

 

“Il CD è comodo… ma la qualità e il calore del vinile non si batte…” quante volte avrete sentito dire una frese identica o simile a questa, soprattutto dai più nostalgici? probabilmente decine di volte. Ma davvero la musica analogia è più fedele e migliore di quella digitale? Secondo un recente ed interessante articolo pubblicato da Vox si tratta di un falso mito; non per niente l’articolo si intitola “Il vinile è ottimo ma non è migliore del CD”. L’articolo elenca prima di tutti i difetti del vinile, ossia la ridotta gamma dinamica sonora insita nei limiti fisici del formato, che costringono spessi i produttori a “tagliare” gli estremi della gamma dinamica sonora, per evitare distorsioni. 

Inoltre è vero che il CD, trattaandosi di un segnale digitale, non è in grado di riprodurre l’intera gamma audio, ma questo varrebbe anche per il vinile, anch’esso soggetto ad errori rispetto al master originale. In quanto poi alle limitazioni del CD, si tratta di limitazioni più teoriche che pratiche: nel corso del tempo le tecnologie digitali sono migliorate, ma diversi esperimenti hanno mostrato l’incapacità dell’orecchio umano di cogliere le frequenze sonore che la digitalizzazione deve spesso sacrificare.

Un ulteriore esperimento ha poi mostrato che tendenzialmente le persone, messe di fronte a tracce audio digitali ed analogiche senza indizi di sorta, non sono in grado di distinguere fra le due tecniche di registrazione, anzi: mostrano una preferenza per la musica digitale. Infine, il tanto decantato “calore” della musica su vinile deriverebbe deriva dalla difficoltà dei vinili e a riprodurre le tonalità più basse e sarebbe quindi il frutto di una contaminazione del suono e non, come si pensa, di una maggior fedeltà dello stesso.

In conclusione? ovviamente non c’è nulla di male nel preferire il caro vecchio vinile, ma non sarebbe però corretto considerare la musica analogica più fedele della musica digitale.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
settembre 21, 2013

“L’auto elettrica di Vasco Rossi”

Vasco Rossi ha cambiato auto, o più che altro se ne è comprata una nuova. Di per sé questa notizia non ci farebbe sobbalzare dal divano, ma leggendo bene, ho scoperto che Vasco, The Kom ha acquistato un auto elettrica! Lui, il trasgressore per eccellenza, il tutto contro tutti, anche questa volta ha trasgredito, ha rivoluzionato, è andato contro i canoni dell’auto tradizionale e ha dato un impronta eco ai suoi spostamenti.L'auto elettrica di Vasco Rossi

L’annuncio è stato dato tramite una foto postata sul suo profilo Facebook in occasione della pubblicazione di alcuni versi della sua nuova canzone in arrivo entro la fine di ottobre. La Canzone ci chiamerà cambia…menti, un titolo profetico per una rivoluzione culturale che trae il suo spunto dalla mobilità elettrica.

Ecco il testo.

“Cambiare macchina è molto facile

Cambiare donna un po’ più difficile

Cambiare vita è quasi impossibile

Cambiare tutte le abitudini

Eliminare le meno utili

E cambiare direzione…

Cambiare marca di sigarette

O cercare perfino di “smettere”

Non è poi così difficile

È tenere a freno “le passioni”

Non “farci prendere” dalle emozioni

E non “indurci in tentazioni!!”

L’auto che il Vasco nazionale ha acquistato è una Tesla Roadster, un autovettura elettrica sportiva, capace di arrivare ai 100 km/h in meno di 4 secondi, 340 km con un “pieno” di elettricità, ma soprattutto zero emissioni!

Questo articolo lo trovate su sito Corri Elettra Corri

Tag:
marzo 6, 2013

“Cook di Apple incontra riferito con Beats CEO per discutere servizio di musica in streaming”

Citando le persone vicine alla vicenda, Reuters ha riferito che il capo di Apple dei media Eddy Cue anche preso parte alla riunione, che si diceva essere “informativo”, come coperto una vasta gamma di musica argomenti legati compreso il servizio Beats “” Progetto Margherita “musica in streaming . Le fonti dicono che, mentre Cook espresso interesse nel modello di business di servizi e progetti per il futuro, nessun accordo ufficiale è stato colpito.
Jimmy Iovine

Nel delineare la “Margherita” servizio in abbonamento a AllThingsD nel mese di gennaio, Iovine lasciato sfuggire che aveva in mente di incontrare Cue “presto”, ma ha offerto ulteriori dettagli al riguardo. Nel corso della stessa intervista, il dirigente Beats ha detto il capo ha lanciato un’idea simile a tardi cofondatore di Apple Steve Jobs nel 2001. Jobs è stato presumibilmente interessato al concetto, Iovine ha detto, ma “non voleva pagare le case discografiche abbastanza”, credendo che l’economia sarebbe diventato più favorevole.

Iovine, che oltre a co-proprietaria Beats è presidente della casa discografica Interscope-Geffen-A & M, ha una lunga storia con Apple ed è stato uno dei dirigenti del settore prima di inchiostro un affare sopra quello che sarebbe diventato iTunes.

Apple è stato dice di essere al lavoro sulla costruzione di un certo tipo di servizio di streaming musicale che sarà in competizione con artisti del calibro di offerte esistenti da Rhapsody, MOG e Rdio. Alcuni rapporti sostengono addirittura un Apple soluzione lancerà entro la fine del 2013.

Questo articolo lo trovate su sito Appleinsider

Tag:
agosto 16, 2012

“La musica digitale impostata fosse una zucca di dischi; in streaming porta la crescita”

I ricavi musicali digitali sono previsti infine durare più fisici di vendita di media a livello globale a volte già nel 2015, spinto da una forte crescita dei servizi di streaming come Pandora e Spotify, secondo la società di ricerca Strategy Analytics. La spesa per la musica digitale, inclusi download e servizi di streaming, è previsto un aumento del 17,8 per cento a 8,6 miliardi dollari nel 2012, in quanto i ricavi delle vendite confezionati scende di circa il 12,1 per cento.

“I servizi di streaming assumerà il motore principale crescita dei ricavi per l’industria musicale nel 2012, generando un extra di $ 311,000,000 – $ 8 milioni in più rispetto download a $ 303 milioni,” Strategy Analytics ha scritto nel suo ultimo Global Forecast musica registrata.

La relazione suggerisce il ritmo di crescita del download di musica ha cominciato a stabilizzarsi, anche se i ricavi in streaming stanno aumentando a quasi cinque volte il tasso di ricavi download. Musica digitale, in generale, si prevede che rappresentano il 39 per cento di tutte le vendite di musica nel 2012, e alcuni paesi, come gli Stati Uniti e la Svezia, sono impostati per digitale per assumere la posizione dominante molto prima del 2015.

L’analisi eco altre relazioni che sono circolate quest’anno, incluse le informazioni finanziarie di Pandora del primo trimestre che puntavano a $ 80 milioni di ricavi per i primi tre mesi dell’anno. Una relazione a parte suggerisce Spotify ora è il numero due fonte di entrate per le etichette discografiche, sulla buona strada per andare a prendere 889 dollari di entrate per l’anno e, infine, superare le vendite di iTunes, se il tasso di crescita può essere sostenuta.

“Dopo aver consolidato la caduta dei ricavi a lungo termine derivanti dal ridimensionamento della spesa musica confezionato, l’industria spera che il digitale può ricostruire il mercato musicale statunitense di qualcosa che si avvicina la sua statura precedente”, ha detto Strategy Analytics ‘Ed Barton.

Questo articolo lo trovate su sito Macnn

Tag: