Posts tagged ‘App’

luglio 19, 2017

“Dopo sette anni aggiornato Transmit 5, client FTP per macOS”

Transmit 5 è l’ultima versione di uno fra i più apprezzati client FTP per macOS, software che consente di trasferire file da e verso server FTP o SFTP o sul cloud con Amazon S3 o WebDAV. La nuova release arriva a sette anni di distanza dalla precedente, integrando diverse migliorie, nuove funzionalità, miglioramenti all’interfaccia e al servizio Panic Sync. A detta degli sviluppatori, l’applicazione è stata interamente ripensata, rivista e migliorata, offrendo una migliore esperienza nelle funzionalità di gestione dei file (qui l’elenco completo delle novità). L’applicazione, come sempre, consente di gestire upload e download di file in locale e server remoti, sfruttando il drag&drop e supportando FTP, SFTP, WebDAV, S3 e collegamenti a Backblaze B2, Box, Google Drive, DreamObjects, Dropbox, Microsoft Azure e Rackspace. Gli sviluppatori non hanno presentato una versione per il Mac App Store affermando di non averlo fatto per l’impossibilità di presentare una versione dimostrativa, opzione ritenuta di “grande aiuto” per le persone che vogliono valutare l’applicazione prima dell’acquisto. Panic dice che valuterà il ritorno sul Mac App Store quando Apple introdurrà funzionalità che consentono agli sviluppatori di proporre demo e versioni trial. Transmit 5 è venduta per un breve periodo a 35$; successivamente sarà venduta 45$. Non sono previsti update o sconti per chi è già in possesso della release precedente; ad ogni modo chi ha acquistato il software dopo l’1 giugno di quest’anno, può ottenere un aggiornamento gratuito. Dal sito degli sviluppatori è possibile scaricare una versione dimostrativa. Il requisito minimo macOS 10.11 o seguenti.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 6, 2017

“Come avere le applicazioni del Mac sempre aggiornate”

È importante avere le applicazioni del proprio Mac sempre aggiornate. Questo permette infatti di sfruttare le funzioni man mano introdotte nei software ma anche di evitare eventuali vulnerabilità che teoricamente potrebbero mettere a rischio il Mac e che, si spera, gli sviluppatori eliminano appunto aggiornando le proprie applicazioni. Non è sempre semplice, però, tenere traccia delle nuove versioni di tutti i software che usiamo. È vero che molte applicazioni hanno un sistema di controllo degli update disponibili, però bisogna prima avviarle per usarlo: è un po’ scomodo e poco sicuro dal punto di vista della sicurezza (se c’è una vulnerabilità, a quel punto è sfruttabile). Esaminiamo gli altri sistemi possibili. Per le applicazioni scaricate dal Mac App Store l’aggiornamento è molto semplice. A tenerne traccia è il Mac App Store stesso e gli update disponibili appaiono nella sezione Aggiornamenti. Da qui si possono installare manualmente ma è possibile anche impostare un aggiornamento automatico, per non pensarci più. Nelle Preferenze di Sistema portiamoci nel pannello App Store e verifichiamo che sia attiva l’opzione Verifica aggiornamenti automaticamente. Le altre opzioni che ci interessano sono immediatamente sotto e servono a scaricare gli aggiornamenti in background senza che dobbiamo occuparcene noi, come anche a installarli automaticamente per le app e per macOS. Questa ultima opzione è meglio lasciarla non attiva per evitare problemi di compatibilità con alcune app. Fuori dal Mac App Store Per le applicazioni che non sono state scaricate dallo store di Apple le strade possibili sono diverse, più o meno comode. Alcune hanno un updater proprio, separato dall’applicazione  – ad esempio lo ha Microsoft Office – che controlla la presenza di aggiornamenti e di solito si avvia a intervalli regolari, scaricando lo scaricabile e installandolo (quasi) automaticamente. Se le applicazioni non hanno un updater autonomo ci si può affidare alla loro funzione integrata di controllo degli aggiornamenti, se ne hanno una, con la citata perplessità in quanto a comodità e sicurezza del procedimento. Verificare sul sito del produttore la presenza di versioni successive alla nostra non è molto pratico, meglio affidarsi a siti che elencano cronologicamente gli aggiornamenti rilasciati di molti software (ma non tutti). Il più noto e MacUpdate, che negli anni è diventato un po’ sovrabbondante di funzioni ma mantiene la sua utilità.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag:
luglio 6, 2017

“Affinity Photo per iPad ora funziona anche in modalità verticale”

Gli sviluppatori di Serif Labs hanno aggiornato Affinity Photo, una delle più interessanti applicazioni di fotoriticco per iPad. La nuova versione 1.6.3 integra il supporto nativo alla risoluzione dell’iPad Pro da 10.5″, la modalità di funzionamento in verticale, un nuovo selettore per le foto in grado di indicare gli elementi in formato RAW. Gli sviluppatori hanno inoltre migliorato le performance dell’applicazione e dei pennelli. Sono presenti pennelli Scherma, Brucia, Clone, Rattoppo, Macchia e Rimozione occhi rossi, ma anche funzionalità per correggere e migliorare le immagini con Livelli, Curve, Bianco e nero, Bilanciamento bianco, HSL, Ombreggiature, Evidenziazioni e decine di altre regolazioni. È possibile creare selezioni precise, creare maschere, applicare le regolazioni in modo selettivo, richiamare una vasta gamma di filtri di alta qualità, tra cui Illuminazione, Sfumatura, Distorsione, Scostamento inclinazione, Ombreggiature, Bagliore e molti altri ancora. L’app sfrutta il medesimo back-end della versione desktop ed è ottimizzata per sfruttare appieno tutta la potenza delle funzionalità hardware e touch dell’iPad. Tutti gli effetti di rendering, modifica e filtro sono accelerati sfruttando quandopossibile funzionalità a livello hardware. Il risultato è un modo nuovo di interagire con le immagini, con performance elevate anche nella modifica di immagini di grandi dimension. L’app è in grado di sfruttare l’Apple Pencil tenendo conto di pressione, inclinazione e angolo. La completa integrazione con iCloud Drive offre scorrevolezza nella gestione, archiviazione e condivisione file. Affinity Photo 1.6.3 supporta iPad Pro, iPad Air 2 e iPad inizio 2017, richiede iOS 10.3 e seguenti ed è venduta 21,99 euro sull’App Store.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 30, 2017

“Reato non scaricarlo: Badland 2 con mega update costa 0,99 euro”

Mega aggiornamento per Badland 2, uno dei platform game ad un solo tocco più evocativi di tutto l’App Store. Non solo l’ultimo upgrade porta nuovi contenuti, ma abbatte per la prima volta il prezzo di gioco a 99 centesimi. A questo prezzo è un reato non scaricarlo. Il gameplay è ormai arci noto: la missione dell’utente è quella di guidare un piccolo essere sferico per livelli pieni zeppi di nemici e trappole, dovendo salvare tutti i suoi simili. In questo sequel il controllo del personaggio è a 2 dita, per esplorare livelli ancora una volta disegnati a mano ma che si estendono non più solo in orizzontale ma in ogni direzione. Agli scenari originali sono stati aggiunti diversi nuovi elementi che metteranno alla prova la coordinazione dell’utente in liquidi, ghiaccio, magma, acqua, luce volumetrica ustionante fino ai lanciafiamme. L’ultimo aggiornamento aggiunge il pacchetto “Evoluzione”, contenente 10 nuovi livelli, 20 nuovi livelli online, 35 nuovi segreti da scoprire, 19 nuovi obiettivi da sbloccare, tra cui 10 speciali, 60 nuovi badge Prova a Tempo da sbloccare e 7 nuove classifiche basate sul tempo per competere con gli altri giocatori Inoltre, per la prima volta dal suo rilascio, il gioco è disponibile a 99 centesimi, con un risparmio netto di 4 euro, considerando che il prezzo di listino si è sempre aggirato sui 4,99 euro.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 7, 2017

“iOS 11 libera memoria cancellando le app che non usate”

Tra le tante novità del futuro iOS 11, una funzionalità che sarà apprezzata dagli utenti è la possibilità di recuperare spazio sul dispositivo eliminando automaticamente le app non utilizzate da molto tempo. Andando in Impostazioni > iTunes & App Store, è possibile attivare uno switch (per default è disattivato) che consente di eliminare automaticamente le app non utilizzate da tempo, permettendo di recuperare spazio di archiviazione sul dispositivo. iOS sfrutta l’apprendimento automatico per determinare le app inutilizzate e, peculiarità del sistema, è che viene eliminata solo l’app vera e propria: eventuali dati associati non vengono cancellati, permettendo di recuperarli in caso si decida di reinstallare l’app (se questa sarà ancora presente sull’App Store). In questo modo per esempio, attivando la funzione, iOS 11 cancella un gioco non lanciato da tempo ma conserva i dati dei salvataggi e i progressi delle partite, che risultano ancora disponibili nel caso in cui l’utente decidesse di riscaricare l’app a distanza di mesi. Ricordiamo che al momento la versione preliminare di iOS 11 è disponibile per gli sviluppatori iscritti all’iOS Developer Program di Apple, mentre una beta pubblica per gli utenti sarà disponibile più avanti nel corso del mese su beta.apple.com. La versione definitiva di iOS 11 arriverà in autunno.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 5, 2017

“Salone del Mobile 2017: design e tecnologia a Milano fino al 9 aprile, l’app ufficiale iOS”

Tecnologia, arredamento e architettura si mescolano offrendo visioni inedite del design contemporaneo e dello spazio di lavoro al Salone del Mobile di Milano 2017. La 56° edizione di questa manifestazione che è diventata un punto di riferimento del settore a livello internazionale, si conferma come la vetrina d’eccellenza della qualità e dell’innovazione del settore ed è l’appuntamento internazionale degli addetti a lavoro, capace di attrarre oltre 300mila visitatori da oltre 165 paesi. Dal 4 al 9 aprile presso il quartiere Fiera Milano a Rho con apertura agli operatori del settore tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30 e al pubblico sabato e domenica, il Salone Internazionale del Mobile offre anche uno spazio particolare per il Complemento d’arredo, come da tradizione, e poi ad Euroluce, SaloneSatellite e a un settore sempre più hi-tech: Workplace 3.0. Workplace3.0 (che comunque non è una novità in senso assoluto, ma è alla sua 18a edizione) è quest’anno più che mai una proposta espositiva con un concept innovativo dedicato al design e alla tecnologia per la progettazione dello spazio di lavoro e si propone come l’evento-risposta al rapido cambiamento del mondo del lavoro e alle nuove esigenze di mercato. In mostra si troveranno le proposte migliori dell’arredo per ufficio, banche e istituti assicurativi, uffici postali e ambienti pubblici; delle sedute per ufficio e comunità, degli elementi per acustica, delle partizioni interne e dei rivestimenti, dei complementi d’arredo per ufficio, delle tecnologie audio-video e degli impianti tecnici e sistemi di sicurezza. Completerà l’edizione 2017 la mostra Absolute lightness che, mediante un innovativo allestimento interattivo e digitale, sottolineerà il valore delle finiture nell’architettura contemporanea. Quest’anno è possibile scaricare gratuitamente sul proprio dispositivo l’app Salone del Mobile.Milano 2017 (disponibile per iPhone, iPad a partire da questo link). L’app consente di trovare tutte le informazioni utili per la visita (orari, servizi, come arrivare), cercare gli espositori che partecipano a Salone del Mobile 2017 per ragione sociale e categoria merceologica, scoprire dove trovarli sulla mappa interattiva, consultare tutti gli eventi in programma e salvare in agenda i preferiti, creare il diario di visita personalizzato con foto, biglietti da visita, note, eventi ed espositori preferiti o da visitare assolutamente.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 4, 2017

“F1 2016 per Mac arriva il 6 aprile da Feral”

Torna su Mac App Store il gioco ufficiale della Formula 1, disponibile da tempo su Steam, lato Windows, giusto in tempo per celebrare l’avvio della nuova stagione. Sarà, però, F1 2016 ad approdare su Mac App Store, grazie a Feral Interactive, che si occuperà del porting per le macchine Apple. F1 2016, naturalmente, è concesso in licenza ufficiale FIA, e permette ai giocatori di affrontare il campionato della scorsa stagione, con una rinnovata modalità carriera, che condurrà i piloti ad evolversi fino ad un massimo di 10 stagioni consecutive. Non solo singole player nell’esperienza F1 2016, che disporrà anche di ampio versante multiplayer online, che consentirà ai giocatori di competere contro un massimo di 21 avversari su uno dei circuiti 21 ufficiali. Purtroppo, però, mentre su Steam il multigiocatore è di tipo cross-platform tra Mac e Windows, su Mac App Store, sarà limitato ai soli utenti della Mela. I requisiti minimi di sistema per F1 2016 prevedono un processore Intel Core i5 a 2.8Ghz, MacOS 10.12.4, 8 GB di RAM e una scheda grafica da 2GB NVIDIA 680, AMD R9 280M, Intel Iris 540 o modelli superiori. I requisiti di sistema consigliati, invece, prevedono un processore Intel Core i7 a 3.3GHz MacOS 10.12.4, 16 GB di RAM e una scheda grafica da 4GB, come AMD 395X R9 o modelli superiori. Anche se il titolo può sembrar vecchio, perché relativo alla stagione precedente, si tratta in realtà dell’ultima interazione videoludica della formula 1. Attualmente, infatti, su F1 2017 ci sono solo rumor e incertezze, senza alcuna notà di ufficialità. Ed allora, mentre lo sviluppo del prossimo capitolo Codemasters procede a rilento, ai giocatori non resta che mettere le mani su F1 2016, ora disponibile anche su Mac. F1 2016 sarà disponibile attraverso il Feral Store e Steam a 49.99 euro dal 6 aprile; stesso prezzo e data di release  su Mac App Store, dove il titolo potrà essere acquistato a 49.99 euro.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
marzo 16, 2017

“Google Chrome iOS: è arrivato Elenco di lettura”

La traduzione in italiano non è il massimo (Elenco di lettura) ma la funzione Reading List del browser Google Chrome per iOS è arrivata come previsto. Per vederla bisogna aggiornare alla versione 57 del browser, già disponibile anche sull’App Store italiano, e dopo è tutto molto semplice, perché il funzionamento della nuova feature è molto simile a quella analoga di Safari per iOS. Quando ci troviamo su una pagina che vogliamo salvare in locale sull’iPad o sull’iPhone, in Google Chrome basta toccare l’icona di condivisione alla destra della barra degli indirizzi. Appare il pannello con le varie condivisioni possibili, dove scegliamo l’opzione Leggi dopo. A questo punto la pagina viene scaricata offline. Per accedere a tutte le pagine memorizzate in locale in questo modo bisogna selezionare il menu collegato all’icona con i tre puntini in verticale, sempre alla destra della barra indirizzi, e dare il comando Elenco di lettura. Appare in questo modo un pannello con tutte le pagine web che Google Chrome ha scaricato in locale, suddivise tra quelle già lette e quelle ancora da leggere. Toccandone una, questa viene caricata nel browser e possiamo leggerla.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag:
marzo 13, 2017

“Aggiornamento Clash Royale: nuova arena, nuove carte e battaglia 2 contro 2”

Nell’ottica di monopolizzare l’attenzione videoludica anche per il 2017, Supercell sta rilasciando in queste ore un nuovo aggiornamento Clash Royale, con una nuova arena leggendaria, quattro nuove carte e battaglie 2 contro 2. La prima novità di Clash Royale è la nuova arena leggendaria, che si raggiungerà a 3.800 coppe, mentre la precedente, la numero dieci, continuerà ad essere accessibile dalle 3.000 coppe in sù. Inoltre, in queste ore Supercell inizia il rilascio di quattro nuove carte: Fuorilegge, Strega Notturna, Pipistrelli e carta Cura. Le prime due sono carte leggendarie, mentre i Pipistrelli sono carta comune e la cura rara. Non paga di ciò Supercell accoglie i desideri di molti fan, permettendo battaglie due contro due. Si tratta di una vera novità, perché sino ad ora Clash Royale richiedeva di scendere in campo da soli, contro il proprio avversario. In questo caso saranno molte più le carte da lanciare nel campo di battaglia, dovendo i due giocatori coordinarsi per la giusta strategia vincente. Attualmente, sebbene l’aggiornamento sia stato reso disponibile, sembra non esserci traccia della nuova funzione. Inoltre, Clash Royale si prepara ad accogliere 9 diverse leghe per i giocatori top. Si tratta di una soluzione che premia i giocatori con il maggior numero di coppe, a partire da 4.000 coppe, fino a 6.400 coppe. In queste leghe sarà possibile ottenere ricompense stagionali, ossia bauli da costruire: in questo caso, il baule offrirà cinque paia di carte premio, e il giocatore potrà scegliere, di volta in volta, quale delle due scegliere. Clash Royale è disponibile gratis in App Store per iPhone e iPad come applicazione universale. Si scarica direttamente da qui.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
febbraio 25, 2017

“DupeZap 4, update per l’utility che individua file duplicati”

DupeZap 4.0 è l’ultima versione di una utility per Mac che abbiamo segnalato più volte. L’applicazione consente di trovare file duplicati in base a moltissimi criteri permettendo di recuperare spazio prezioso. È possibile cercare documenti e pacchetti duplicati per contenuto, tipo di file (es. PDF, immagini, filmati, ecc.), data di modifica, data di creazione e data/periodo. Le ricerche possono essere eseguite per tag, durata dei brani e frequenza bit di documenti MP3 e AAC e, per quanto riguarda le foto, per metadati EXIF; l’utility consente di cercare il contenuto dei database di iPhoto, Aperture, iTunes e delle caselle di Mail, sincronizzare le rimozioni con iPhoto, Mail e iTunes. DupeZap sfrutta un algoritmo che permette di scandagliare velocemente i vari volumi (dischi rigidi e altre unità collegate al computer) senza bisogno di creare indici. È possibile effettuare più ricerche contemporaneamente e sfruttare un sistema di sicurezza che consnete di lasciare inalterato un documento del gruppo di duplicati. Dai menu dell’applicazione è possibile annullare gli elementi copiati e spostati, e ripristinare gli elementi cestinati fino a quando il cestino non è stato svuotato, anche dopo un riavvio del computer. La versione 4.0 di DupeZap richiede OS X 10.11 o seguenti, “pesa” 11.5MB ed è al momento in offerta a 4,99 euro sul Mac App Store. L’ultima release è compatibile con macOS Sierra e supporta la Touch Bar dei nuovi MacBook Pro. FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppTelegramEmail Tags: Mac App Utility PRECEDENTE Proiettore LED per cinema casalingo compatibile full HD: ultimi giorni di sconto a 71,99 euro SUCCESSIVO Articoli sullo stesso argomento DupeZap Plus, ricerca duplicati su Mac a prezzo scontato: 1,79 euro invece che 1… DupeZap Plus: rimozione ultraintelligente dei file duplicati (musica, foto e mai… Le novità auto del 2017 – Ecco quali saranno i debutti più importanti dell’anno Tags: applicare metadati a file e cartelle Sconto del 60% su Drive Genius, salva e cura l’HD del Mac: 39,99$ Cloni cinesi – Come ti copio l’auto Raccomandato da Notizie correlate Copia per Mac, l’app che potenzia il Copia & Incolla gi… Mac più simile a iOS: bloccate le app degli sviluppato… Caption, l’app Mac che trova sottotitoli per film e ser… One for WhatsApp, il client WhatsApp per Mac ricco di f… Smart Home & Green Tech Norton avvisa: «I dispositivi smart in casa aprono la porta agli hacker» Adv È arrivata IperFibra IperFibra da 25€ ogni 4 settimane, chiamate illimitate… Offerte Hardware Dockingstation per ricaricare i dispositivi con ordine: poche ore a 34,19 e… Adv Hotel RIU La Mola Prenotate subito le vostre vacanze a Formentera con il 10%… Hardware e Periferiche Jeep e Porsche aprono le porte a CarPlay di Apple, con schermi fino a 12,3 … Adv Classe B NEXT. Con un vantaggio cliente di 2.600€.What’s Next? Offerte Hardware Sconto hard disk da 1 TB, Toshiba Canvio a soli 44 euro su Ebay Adv smart cabrio urbanrunner Tua da 159€* al mese. Acquistala online su smartfostore.it Più POWERED BY PROJECTADV

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: