Posts tagged ‘App’

luglio 19, 2018

“FiLMiC Pro gestisce audio, video 4K e correzione colore con iPhone: aggiornata alla versione 6”

Filmic Pro è un’app che consente di girare filmati in 4K con profili di “log” o flat, funzionalità che normalmente sono disponibili con videocamere di alto livello quali le Red Weapon.

L’app Filmic Pro è stata usata in “Tangerine”, film per il quale il regista Sean Baker, colpito dalla qualità dei filmati sperimentali visti su YouTube e Vimeo, ha voluto sfruttare una steadicam per stabilizzare un iPhone 5s nelle riprese in movimento e l’adattatore anamorfico di Moondog Labs, una sorta di obiettivo che consente di catturare video e foto panoramiche in widescreen.

filmic pro

L’app Filmic Pro ha permesso di controllare manualmente esposizione e messa a fuoco, risoluzione, bitrate, rapporto di aspetto, consentendo di girare video 4K a 24fps (standard usato nei cinema) a 100 Mbps con il rapporto di aspetto super wide.

Permette di girare con profili di tipo Log/Flat, uno strumento utile che permette di personalizzare le immagini acquisite modificando le impostazioni della videocamera; come accennato, si tratta di funzionalità avanzate, normalmente disponibili in dispositivi high-end di Sony, Blackmagic, Canon Cinema, RED o la serie GH4/GH5 di Panasonic.

È possibile registrare immagini “flat” (bassa saturazione, basso contrasto e nitidezza) catturando un numero maggiore di dettagli ottenendo un range dinamico più ampio e riprese adatte alla gradazione del colore.

In post produzione è possibile sfruttare una struttura LUT (Look-up Table) per convertire i Log in Rec. 709 (lo standard per il formato della televisione in alta definizione). Nelle riprese di scene che non hanno molto contrasto, per esempio quando c’è nebbia, è possibile sfruttare manualmente profili in grado di aumentare la saturazione del colore, senza bisogno di ricorrere a strutture LUT.

L’app è consigliata ai filmaker che sfruttano iPhone; sfruttando un iPhone 7 e successsivi è possibile ottenere risultati che fino a poco tempo addietro richiedevano l’acquisto di costose apparecchiature di post-produzione.

Con l’app FiLMiC Pro video 4K e correzione colore da cinema con iPhone

Filmic Pro, novità della versione 6

L’ultima versione dell’app offre tre nuove modalità di scatto che garantiscono un controllo preciso sulla messa a fuoco, sugli ISO e sulla velocità dell’otturatore attraverso nuovi cursori manuali. Molto pratica la modalità Pro ibrida che si adatta a qualsiasi condizione di luce ambientale, l’ideale per i professionisti che lavorano con scene difficili.

L’app permette di avere il pieno controllo della temperatura e della tinta colore, con impostazioni predefinite per un migliore utilizzo in condizione di luce diurna, in ombra e non solo, con un’opzione per bloccare il bilanciamento del bianco.

Nuovi anche i profili LOG e Flat Color che permettono di raccogliere ancora più dati per poter poi elaborare al meglio i filmati registrati con l’app. Ci sono poi nuovi strumenti su schermo che offrono un feedback dettagliato sulla ripresa, con picchi per la messa a fuoco, per la sovraesposizione, istogramma in tempo reale e tanto altro.

L’app ora consente di registrare in formato PAL a 25 fps oppure NTSC a 30 fps. Inoltre supporta gli accessori di terze parti, tra cui il gimbal DJI Osmo Mobile 2, gli adattatori BeastGrip così come i microfoni di Shure, Sennheiser, Rode e IK Multimedia.

Link per l’acquisto

L’app Filmic Pro costa 16,99 euro su App Store per iPhone e iPad.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Annunci
Tag:
luglio 6, 2018

“App per non dimenticare bimbi in auto”

NAVACCHIO (PISA), 5 LUG – Si chiama ‘Ok Ci Sei!’ ed è un sistema che consente di gestire in modo integrato e informatizzato le presenze dei bambini nei nidi d’infanzia, fornendo, tra le varie funzioni, anche un valido aiuto nel caso di amnesie dissociative, ovvero quel fenomeno che può portare un genitore a dimenticare il figlio in auto. Il progetto, promosso dall’associazione “Gaia Onida”, entra ora in una nuova fase di sviluppo, grazie alla collaborazione tra due start up del Polo tecnologico di Navacchio (Pisa).
Grazie all’installazione negli asili nido di un apposito dispositivo, ‘Ok Ci Sei!’ permette di gestire le presenze dei bambini tramite registro informatico in modo semplice, veloce ed efficace. Se il bambino risulta assente e l’assenza non è giustificata, il sistema invia alert, email e sms sui telefoni cellulari di entrambi i genitori.
Il progetto è stato presentato oggi al Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) alla presenza dei genitori di Gaia Onida, che hanno dato vita all’omonima associazione dopo il tragico evento che ha coinvolto la loro bambina, dimenticata in auto a Vada (Livorno) e deceduta per ipertermia nel 2016.
‘Ok Ci Sei!’, spiega una nota del Polo, “è già stato sperimentato con successo in due asili nido del Comune di Rosignano Marittimo (Livorno) dal dicembre scorso” e “per rendere ancora più semplice e più efficace l’utilizzo del sistema, sono in fase di sviluppo un software e un’app mobile dedicati, che consentono di gestire comunicazioni e notifiche anche da remoto”.

Questo articolo lo trovate su sito Ansa

Tag:
luglio 3, 2018

“Darkroom: l’app di fotografia diventa più smart e potente”

La nuova versione 3.6 di Darkroom, popolare app di fotografia per iPhone, introduce diverse interessanti novità. La prima è il nuovo strumento gratuito Frame Tool, potenziato dalla funzionalità Content Aware Color Palette.

Un bordo che fa da cornice può dare maggiore enfasi a una foto ed esaltarne i contenuti. Il colore del bordo può avere però un forte impatto sull’aspetto generale, per cui la sua scelta è importante. Ed è qui che il nuovo strumento di Darkroom ci viene in aiuto, con i content-aware colors. La scelta di una palette di colori viene fatta in modo intelligente dall’app in base ai contenuti della foto. L’algoritmo analizza l’immagine e sceglie una selezione di colori per il bordo, che si abbinano al meglio alla foto. Ciò ci consente di selezionare con un semplice tap un colore che ben si adatta alla personalità cromatica della foto.

DarkroomOltre al colore, un altro aspetto essenziale del bordo è la dimensione. Non è necessariamente quadrato il formato della foto che desideriamo incorniciare e condividere. Per questo lo sviluppatore ha aggiunto il supporto per nuovi aspect ratio. 9:16 per le storie di Snapchat e Instagram, 4:5 per le foto portrait Instagram e 2:1. Questi nuovi Frame Inset Presets sono disponibili anche in fase di esportazione. Il controllo, inoltre, ricorda l’ultima impostazione, in modo da semplificare le operazioni in serie.

Aggiunta Premium per Darkroom

L’altra aggiunta della nuova versione è di tipo Premium, quindi a pagamento. Si tratta di un nuovo filter pack denominato Duotone Filters. Il duotone è un procedimento che ha origine nella stampa e che può dare grande espressività a una foto. Può essere usato in maniera originale per ottenere risultati creativi estremamente interessanti. Lo sviluppatore ha creato questo filtro Duotone completamente all’interno del tool Curves dell’app. È quindi anche, in qualche modo, una sorta di dimostrazione delle potenzialità di quello strumento.

Oltre ai nuovi strumenti, l’aggiornamento apporta miglioramenti generali per Darkroom. Ad esempio in tema privacy, Darkroom 3.6 aggiunge un’opzione per attivare o meno i metadati relativi alla posizione geografica. Ci sono poi numerose migliorie in giro per l’app.

Tag:
luglio 2, 2018

“Observatory 1.3, l’applicazione Mac per organizzare e gestire le immagini astronomiche”

Gli sviluppatori di Code Obsession hanno presentato Observatory 1.3, ultima versione di un’applicazione di gestioni immagini per Mac specificatamente pensata per l’astronomia. L’update integra il supporto al database di SkySafari, funzionalità di overlay e il tagging automatico di stelle variabili, stelle binarie, pianeti extrasolari confermati e altro ancora.

L’applicazione consente di organizzare le immagini astronomiche, offre funzionalità di Plate Solving (l’analisi di un’immagine che contiene un campo stellare e che, usando il confronto con librerie di riferimento, consente di riconoscere la porzione di cielo inquadrata dalla ripresa) e per l’overlay di milioni di galassie, stelle variabili, esopianeti e altri oggetti. È possibile eseguire la calibrazione, allineamento e stacking delle riprese. Sono integrati plug-in Quick Look e Spotlight per immagini FITS, XISF (PixInsight) e SBIG; sono supportati questi e altri formati ed è possibile cercare e scaricare immagini direttamente da archivi astronomici professionali. Observatory consente di cercare su altri dieci archivi astronomici contemporaneamente, inclusi: l’Osservatorio Europeo Australe, il W. M. Keck Observatory, l’Osservatorio Gemini, il Telescopio spaziale Hubble, il telescopio spaziale Spitzer, il WISE, il progetto Palomar Transient Factory (PTF), SkyMapper, i rilevamenti 2MASS (Two Micron All-Sky Survey), lo Sloan Digital Sky Survey (SDSS), Digitized Sky Survey (DSS).

Observatory

L’applicazione consente di visualizzare miniature, anteprime e metadati di immagini FITS, XISF e SBIG nel Finder e altri software. È possibile cercare immagini in base al tempo di esposizione, lunghezza focale, temperatura, ascensione retta, declinazione e altro usando Spotlight.

È possibile comprendere cosa c’è in un’immagine sovrapponendo milioni di stelle, galassie, nebulose planetarie, esopianeti e altri oggetti del cataloghi Messier, NGC/IC, Tycho-2, CGPN, GCVS, WDS e PGC o aggiungere cataloghi UCAC4 e USNO-A2.0 per altre 500 milioni di stelle.

Si possono creare librerie multiple e organizzare le immagini senza copiarle, spostarle o alterarle. Non mancano funzioni per modificare metdati, assegnare singolarmente o su più immagini contemporaneamente punteggi, colorazioni, note e allagati.

Sono supportate funzionalità di elaborazione non distruttive, file FITS, XISF, SBIG, DNG, NEF, CR2, TIFF e altri ancora. Il requisito minimo è macOS 10.11 o seguenti. Observatory è venduta 89,99 euro sul Mac App Store.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 26, 2018

“Su Hotelsclick.com l’albergo si può pagare con Amazon Pay”

Hotelsclick.com, sito italiano per prenotare hotel in tutto il mondo, ha integrato Amazon Pay tra i suoi sistemi di pagamento, diventando così una delle prime OTA (Online Travel Agencies) in Europa a offrire questa possibilità ai propri utenti.

Oltre ai tradizionali metodi di pagamento, come carte di credito (Amex inclusa) e Paypal, gli utenti che prenotano un albergo su Hotelsclick.com e possiedono un account Amazon potranno scegliere Amazon Pay per portare a termine il pagamento: sarà sufficiente inserire le credenziali del proprio account Amazon sul sito di Hotelsclick.com, al momento del pagamento, e la transazione sarà completata in modo veloce e sicuro.

In sostanza, con Amazon Pay completare il pagamento dell’hotel online sarà ancora più semplice perché non ci sarà bisogno di inserire password o informazioni di pagamento: tutti questi dati saranno presi in automatico dall’account di Amazon.

Hotelsclock

“Siamo molto orgogliosi di poter offrire Amazon Pay ai nostri utenti sia sul sito web sia sulla versione mobile. L’esperienza dell’utente è la nostra preoccupazione principale: con Amazon Pay siamo certi di contribuire notevolmente a migliorarla, rendendo le prenotazioni e il pagamento ancora più facili, veloci e affidabili” – ha dichiarato il CEO di Hotelsclick.com Nicola Rizzardini. “A breve – precisa Rizzardini – Amazon Pay sarà disponibile anche sulla nostra app.”

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
giugno 12, 2018

“PhotoScape X, l’editor fotografico per Mac e PC sorprende anche nella versione gratuita”

PhotoScape è un’applicazione di foto editing che ha la peculiarità di offrire gratuitamente molte delle funzioni più importanti ma anche funzionalità avanzate interessanti per chi è alla ricerca di un veloce e semplice software di fotoritocco.

L’applicazione è multipiattaforma (per Mac e Windows) e non segue molti dettami tipici delle app per Mac ma è veloce e facile da utilizzare. Per l’apertura delle immagini è possibile sfruttare un file manager dedicato.

Per ogni foto nelle varie cartelle sono sempre indicati dettagli quali larghezza, altezza, data di creazione, dimensione e così via. Questa opzione è utile in particolare con i file RAW: possiamo visualizzare subito dettagli come la fotocamera usata per lo scatto e metadati vari. Il file manager consente di ingrandire subito la foto per carpire dettagli, selezionare più file, cestinarli, ruotare e applicare al volo modifiche di gruppo alle immagini e condividerle.

photoscape x foto Il file manager di PhotoScape X
Il file manager di PhotoScape X

È possibile lavorare su un file e passare alla foto precedente o successiva nella stessa cartella semplicemente usando i tasti freccia in alto nella finestra principale, quindi senza dover ripassare dal file manager.

In qualsiasi momento è possibile attivare la vista come griglia, elenco, lentino e a schermo intero, modalità che saranno tutte particolarmente apprezzate da chi ha la necessità di gestire spesso molte fotografie.

photoscape x foto Dettagli su un RAW

La sezione Editor permette di ridimensionare, ritagliare, colorare e applicare regolazioni ed effetti di vario tipo alle immagini. È possibile regolare livelli, contrasto, luminosità, grana, ombre/luci, modificare il bilanciamento del bianco, valori tonali, curve e molto altro ancora. Stesso discorso per gli effetti e le trasformazioni, con la disponibilità di strumenti per la gestione della prospettiva, la correzione del profilo obiettivo, ecc.

Uno dei tantissimi effetti che è possibile ottenere
Uno dei tantissimi effetti che è possibile ottenere

Sono presenti tutti gli strumenti possibili per la modifica dei colori, per schiarire, scurire, cambiare vividezza, schiarire ombre e luci, modificare contrasto, saturazione, temperatura, tinte, applicare maschere di trasformazione locali.

Lo strumento Pellicola consente di applicare filtri vari, creando effetti professionali di qualità. Stesso discorso per Luce, strumento per applicare riflessi intensi e naturali.

Esempio applicazione "pellicola"
Esempio applicazione “pellicola”

Interessante anche la sezione Cornici per applicare cornici con cornici, forme e bordi di vario tipo, scegliendo rotondità, colore, margini e altro ancora.

L’applicazione è sterminata: offre strumenti di tutti i tipi e consente di aggiungere anche adesivi, frecce, linee, forme e figure varie. Buona anche la gestione dei testi, con la possibilità di scegliere carattere, colore, dimensione, angolo, opacità, ombre, contorni, sfumature, bagliori e così via.

È possibile creare al volo cornici di tutti i tipi
È possibile creare al volo cornici di tutti i tipi

Gli strumenti di disegno sono i classici: gomma, secchiello, fluidifica, timbro-clona, pittura, ecc. Con la versione “Pro” è possibile sfruttare funzionalità di elaborazione in batch (applicando a più file contemporaneamente effetti vari), creare effetti tipo collage fotografico molto interessanti, combinare più foto, ottenere uno strumento per la creazione di immagini GIF, sfruttare avanzate funzionalità di stampa e molto altro ancora.

La versione base può essere scaricata gratuitamente dal Mac App Store (il requisito minimo è la presenza di OS X 10.10 o seguenti). Sfruttando le funzionalità degli acquisti in-app è possibile trasformare l’applicazione in versione “Pro” pagando 43,99 euro.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
maggio 25, 2018

“Calimoto, l’app GPS che trasforma iPhone in navigatore per moto”

Trasformare iPhone in un navigatore GPS è facile e possibile con diverse applicazioni, ma per chi viaggia in moto esiste una’pp specifica: Calimoto. Quest’app mette a disposizione una serie di percorsi già pronti e permette di condividere i propri viaggi con gli altri bikers della community, a detta della società sviluppatrice «Tra le più grandi d’Europa».

Scaricata l’app Calimoto si avrà subito accesso gratuitamente ai percorsi della propria regione. Si potrà scegliere di seguire uno dei tanti percorsi proposti dagli altri motociclisti della community oppure optare per la modalità Round Trip che permette di scoprire i migliori percorsi nei dintorni.

Calimoto, l'app per usare iPhone come navigatore GPS per moto

L’utente può indicare una direzione o la lunghezza del viaggio: a quel punto sarà l’app stessa a generare il tour personalizzato su misura delle preferenze. Merito della riuscita di quest’app va all’algoritmo di curve progettato appositamente che permette di raggiungere la destinazione prefissata passando per i percorsi più tortuosi e con un occhio di riguardo per il paesaggio, aspetto da non sottovalutare quando si viaggia in moto.

Calimoto ovviamente è dotato di assistente vocale per la navigazione turn-by-turn ascoltando così le indicazioni stradali direttamente in cuffia (meglio se si acquista un interfono Bluetooth dedicato, magari da affiancare a un buon supporto per fissare iPhone al manubrio della moto) e raccoglie una serie di statistiche dei viaggi – tra velocità massima, altitudine, ecc. – che potranno essere analizzate in seguito.

L’app permette anche di modificare i percorsi esistenti aggiungendo tappe non proposte lungo il tragitto del viaggio (permettendo cioè di viaggiare dal punto A al punto B passando per C): bastano tre soli click per pianificare il percorso desiderato aggiungendo tutte le soste e i punti d’interesse che si desiderano. E’ anche possibile programmare il viaggio dal computer e sincronizzare automaticamente il tour sui dispositivi associati allo stesso account.

L’app Calimoto è gratis ma abbonandosi settimanalmente (2,99 euro) o annualmente (39,99 euro) sarà possibile accedere a tutte le mappe e ad alcune funzioni specifiche come la segnalazione di zone pericolose. Successivamente l’account Premium offrirà anche i dati meteo in tempo reale e l’analisi dell’angolo di piega. Tutte le mappe possono anche essere acquistate separatamente con un pagamento una tantum pari a 69,99 euro. Calimoto si scarica da App Store.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
maggio 25, 2018

“1Password 7 archivia le password anche sul Mac”

Dopo la versione per iOS arriva anche quella per Mac, della nuova generazione del password manager 1Password 7. Dopo una fase beta di alcune settimane ora è disponibile sul sito dello sviluppatore e sul Mac App Store.

Per prima cosa, 1Password 7 è un aggiornamento a pagamento e una app separata e distinta, su Mac App Store. La licenza d’uso è disponibile attraverso due modalità. La prima, imboccata dall’azienda già da tempo, è l’abbonamento al servizio. Chi dispone di una 1Password membership a pagamento riceve l’ultima versione gratuitamente. Chi possiede una licenza standalone per la versione 6, ha due scelte per aggiornare. La prima è sottoscrivere l’abbonamento. La seconda è di acquistare una licenza di tipo one-time purchase. Quest’ultima non è economica, ma viene offerta in un primo periodo limitato con uno sconto speciale per il lancio. La licenza standalone è singola, personale e legata alla piattaforma. La nuova versione 1Password 7 è in arrivo anche su Windows nelle prossime settimane, come acquisto separato.

Le novità di 1Password 7

1Password mini è stato arricchito di numerose funzionalità e dotato di una propria finestra, con un nuovo look. Quando si è nel browser, mini offre suggerimenti su elementi che ci potrebbero servire. L’integrazione con le app permette ai suggerimenti di funzionare con qualsiasi app aperta supportata. Insieme al drag & drop dei dati di login, ciò rappresenta un notevole risparmio di tempo. Inoltre 1Password mini consente di effettuare diverse operazioni di modifica.

1Password 7Il redesign non è limitato all’ambiente mini ma continua in tutta l’app, a partire dal lock screen. Nella finestra principale c’è ora una nuova sidebar, con un tema scuro e uno stile semplificato. Il nuovo look consente di focalizzare l’attenzione sugli elementi che ci interessano. Anche il dettaglio di ciascun elemento acquisisce maggiori funzionalità, come la formattazione delle note con Markdown. È stato migliorato il layout delle finestre dell’app così come gli elementi tipografici, con un nuovo font custom. L’organizzazione degli elementi è resa più semplice dalla possibilità di nidificare i tag. Il dettaglio di un elemento può poi essere staccato in una propria finestra separata.

Gli sviluppatori hanno inserito diversi strumenti per accrescere la sicurezza delle password. Ad esempio avvisi su cattive abitudini e password molto vulnerabili. Oppure come l’integrazione con il servizio Have I Been Pwned di Troy Hunt e altri. Ci sono numerose altre novità nell’ultimo 1Password 7. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dello sviluppatore.

Tag:
maggio 23, 2018

“3BMeteo, l’app per le previsioni meteo con sistema di fotosegnalazioni”

Grafica rinnovata e nuove funzioni per 3BMeteo, l’app che propone previsioni meteo curate ed affidabili del sito 3B Meteo, grazie al nuovo sistema di fotosegnalazioni, grazie al quale saranno gli utenti stessi a contribuire nella precisione del sistema inviando una foto rappresentativa delle condizioni meteo della città in cui si trovano.

Le previsioni fornite dall’app, che è storica e di cui esiste anche una versione per iPad, sono aggiornate nelle prime ventiquattro ore grazie alla tecnica del Nowcasting che utilizza dati meteo reali, immagini satellitari, radar e fulminazioni per ottenere una previsione affidabile per le ore successive anche su aree molto ristrette.

Le previsioni sono curate da uno staff che comprende più di quindici meteorologi, ciascuno esperto della zona per cui elabora la previsione, che lavorano tutto l’anno offrendo così il miglior servizio possibile.

3BMeteo, l’app per le previsioni meteo con sistema di fotosegnalazioni
3BMeteo, l’app per le previsioni meteo con sistema di fotosegnalazioni

L’applicazione combina la sezione meteo con notizie in tempo reale, articoli di cronaca e curiosità scientifico-ambientali e videoclip realizzate dalla redazione di 3BMeteo. Grazie alla geolocalizzazione e alla sezione Preferiti gli utenti possono conoscere in un lampo le previsioni meteo della città in cui si trovano o in quelle per cui sono interessati, senza alcun limite per il numero di città che si possono aggiungere all’interno dell’apposita sezione.

3BMeteo mostra in dettaglio le previsioni sintetiche per le fasce notte, mattino, pomeriggio e sera, con previsioni dettagliate per ora corredate dal monitoraggio di mari e venti, dall’analisi di agenti atmosferici e di diversi altri parametri che possono influire sul cambiamento climatico della giornata.

C’è anche la possibilità di vedere le immagini in tempo reale riprese dalle webcam installate nelle varie città e di partecipare alla 3BMeteo Community per condividere foto e video con gli altri utenti o più semplicemente per segnalare le condizioni climatiche della zona in cui ci si trova.

Disponibile anche il widget 3BMeteo per visualizzare un riassunto del meteo locale dalla schermata di blocco di iOS. Per gli utenti che desiderano rimuovere le pubblicità o sbloccare contenuti extra come le mappe regionali e nazionali o accedere a previsioni in una fascia temporale più ampia è disponibile il servizio in abbonamento denominato 3BMeteo Premium disponibile in pacchetti da 6 mesi, 3 mesi e 1 mese rispettivamente al prezzo di 8,99 euro, 4,99 euro e 1,99 euro.

L’app 3BMeteo è gratuita ed è disponibile su App Store in versione universale per iPhone, iPad e Apple Watch.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
maggio 11, 2018

“Philips Hue 3.0: l’app per le luci smart si rinnova”

È imminente il rilascio di Philips Hue 3.0, la nuova versione dell’app mobile di gestione del sistema d’illuminazione smart. L’azienda informa che l’aggiornamento sarà disponibile per iOS e Androidpiù avanti in questo mese.

È la stessa Philips Lighting ad annunciarlo con un comunicato ufficiale in cui offre anche un’anteprima delle novità. L’aggiornamento introdurrà sia nuove funzioni che miglioramenti in quelle già esistenti. Saranno potenziate le possibilità di personalizzazione del sistema d’illuminazione smart.

Philips Hue 3.0: nuove scene e shortcut

Uno degli obiettivi dell’aggiornamento è rendere l’app più semplice da usare e offrire strumenti di personalizzazione più rapidi e comodi. L’app si presenterà con un nuovo look & feel e offrirà la nuova opzione degli shortcut. Questi consentiranno di regolare le luci smart con pochi e semplici tap sull’interfaccia touch.

Philips HueIl nuovo color picker consente di scegliere in maniera rapida un colore da una palette. Diventa dunque semplice raggruppare le luci di una stanza e regolare su un determinato colore o una tonalità di bianco.

Philips HueL’aggiornamento introdurrà anche 30 nuove scene create dai lighting designer di Philips. Anche questa funzione consente di applicare velocemente un’atmosfera o uno stato d’animo all’illuminazione della stanza. Inoltre, è possibile creare le proprie scene con altrettanta facilità. Ad esempio l’app può estrarre una palette di colori da una fotografia o immagine e darle vita con le luci smart.

Philips HueMaggiori informazioni sono disponibili sul sito del produttore.

Di recente Philips Lighting ha anche annunciato la nuova linea di luci smart per esterni.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag: