Posts tagged ‘Intel’

agosto 16, 2017

“Intel, SSD con un nuovo form factor che sembra un righello” 

Intel ha mostrato l’immagine di un SSD con un form factor lungo e sottile che fa sembrare l’unità SSD un “righello” (parola del produttore di CPU). L’unità in questione sarà disponibile in futuro ed è destinata a rack per lo storage ad alta densità. Si tratta di unità con tecnologia Intel Optane che prevede l’uso di supporti di memoria 3D XPoint che dovrebbero garantire una riduzione della latenza di 10 volte e un incremento del throughput di 3 volte rispetto a un SSD NAND. La particolare forma, spiega il sito Techgage, consente di creare unità SSD ad alta densità, bassa tensione e meccanismi di raffreddamento quasi del tutto superflui. Usando queste unità Intel dice che sarà possibile creare rack da 1PB in server tipo 1U. Al momento non sono noti altri dettagli. Ulteriori informazioni sulla dimensione effettiva e il tipo di connettore utilizzato saranno rivelate in seguito. Non dovrebbe passare molto tempo giacché Intel ha promesso che le unità saranno disponibili “a breve”. Intel ha intanto annunciato che il 21 agosto presenterà la famiglia di processori Intel Core di ottava generazione in diretta su Facebook. Durante la diretta interverranno alcuni degli artefici della nuova tecnologia e creatori di contenuti che mostreranno le potenzialità lagate ai contenuti VR.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Annunci
Tag:
aprile 20, 2016

“Intel batte le attese di utili, ma annuncia 12mila tagli”

Due miliardi di dollari di profitti nei primi tre mesi del 2016 non sono sufficienti perché Intel limiti un maxi-piano di tagli al personale: la società americana ha annunciato che eliminerà 12mila posti di lavoro, l’undici per cento del totale, per “accelerare il processo di trasformazione” verso i servizi cloud. La ragione è che per il quinto anno consecutivo il mercato dei pc è in declino, ormai messo definitivamente in crisi da altri formati di strumenti tecnologici, così Intel deve rivedere il baricentro delle sue operazioni: saranno i chip per i server e per i dispositivi in rete. Il riflesso di questo quadro di mercato, al di là dell’ultima riga di bilancio, si vede anche nei conti di Intel. Nel trimestre, la divisione che si occupa dei componenti per i Pc (e che pesa per oltre la metà degli affari) ha registrato il peggior risultato dell’ultimo decennio. Il colosso dei microprocessori ha sì, come accennato, registrato utili per 2 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno (depurati di voci straordinarie, sono stati pari a 54 centesimi per azione contro i 45 centesimi dell’anno scorso e i 47 centesimi pronosticati dal mercato). Anche le entrate, a 13,8 miliardi di dollari, hanno battuto i 12,8 miliardi di un anno fa e i 13,73 miliardi attesi. Ma, nota Bloomberg, le previsioni per il secondo trimestre (ricavi intorno a 13,5 miliardi) sono negative rispetto alla media attesa di 14,2 miliardi. Il taglio annunciato sarà il maggiore, per dimensioni, dalla ristrutturazione portata avanti tra il 2005 e il 2009, quando Intel dovette in un colpo solo far fronte alla crisi finanziaria globale e al boom di concorrenti. Dai 79,800 dipendneti del 2009, i dipendenti di Intel sono costantemente cresciuti fino a 107mila. Ora, a fare il gioco del management c’è il dato di un declino di circa l’1% annuo dei ricavi, che si è sempre verificato nel corso degli ultimi quattro anni.

Questo articolo lo trovate su sito Repubblica.it

Tag:
marzo 31, 2015

“Microsoft svela Surface 3, scambia di Windows RT per il pieno di Windows 8.1”

Microsoft ha inaspettatamente lanciato un nuovo elemento nella sua linea Surface. La superficie 3, inizialmente dovrebbe essere lanciato insieme alla superficie Pro 3 e precedentemente creduto essere rottamato da Microsoft tutto a favore di un dispositivo più piccolo, è una miscela tra la superficie 2 e Surface Pro 3, anche se in un notevole cambiamento dal Windows gamma con sede a RT, sarà invece eseguire una versione a 64 bit di Windows 8.1.

Utilizzando un display ClearType 1920×1080 risoluzione 10.8 pollici con un 3: 2 aspect ratio, multitouch, e del supporto della penna, la superficie 3 misure 8,7 millimetri di spessore e pesa 1,37 £. In esecuzione su un processore quad-core Intel Atom x7 clock a 1.6GHz, fino a 2.4GHz con Intel Burst, con 2GB di RAM e 64GB di memoria flash in un unico modello, e 4GB di RAM e 128GB di storage in una seconda versione.

La connettività include Wi-Fi e Bluetooth 4.0, con i modelli LTE attrezzata anche disponibili, con collegamenti per USB 3.0, Mini DisplayPort, e microSD. Sul retro è una fotocamera da 8 megapixel con autofocus, con una versione anteriore da 3,5 megapixel, e accompagnare il microfono sono altoparlanti stereo con elaborazione audio Dolby. La batteria è affermato di durare fino a dieci ore di riproduzione video, e in un cambiamento delle opzioni di ricarica precedenti, l’alimentazione viene fornita al tablet tramite una connessione micro USB, permettendo così di essere caricata dalla maggior parte dei caricabatterie smartphone.

Mentre la superficie Pro 3 ha un cavalletto ad angolazione variabile, la superficie di 3 opta per una con tre posizioni predefinite, il che rende più vicina ai suoi predecessori in termini di design. Superficie 3 Tipo coperchi possono essere collegati per fornire una tastiera, con essa anche in grado di utilizzare la docking station Surface 3. Sarà inoltre fornito con un abbonamento gratuito di un anno a Office 365 Personal, che comprende 1 TB di storage Microsoft OneDrive.

Il Surface 3 è disponibile per il pre-ordine ora da $ 499, con disponibilità prevista in 26 mercati entro il 7 maggio.

Questo articolo lo trovate su sito Macnn

dicembre 8, 2014

“TSMC realizzerà un SoC per conto di Intel”

Intel ha siglato un contratto con Taiwan Semiconductor Manufacturing (TSMC), per la realizzazione, usando procedimenti a 28nm, di nuovi membri della famiglia di SoC SoFIA. TSMC ha già cominciato a realizzare i chip SoFIA 3G e comincerà a produrre i SoFIA 3G-R e SoFIA LTE nel primo trimestre del prossimo anno.

Il nome Intel SoFIA deriva dalla sigla di “Smart or Feature phone with Intel Architecture”: è una famiglia di processori annunciata ad aprile di quest’anno e dedicata al mondo mobile, settore nel quale Intel da tempo sta puntando cercando di incrementare la propria posizione e competere nel settore smartphone e tablet.Il chip SoFIA 3G integra baseband 3G e un un processore Atom duo-core; la variante quad-core SoFIA 3G-R arriverà nel primo trimestre 2015, seguita da SoFIA LTE nelal seconda metà del 2015.Conquistare il mercato tablet e smartphone è diventata una priorità per Intel. A maggio di quest’anno ha anche accettato di sviluppare un chip in collaborazione con la cinese RockChip, una delle principali aziende di semiconduttori fabless e provider di soluzioni SoC per Internet mobile della Cina.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 4, 2014

“Intel dimostrazione senza cavo Computing reso possibile da Future Skylake Platform”

Al Computex di Taiwan questa settimana , Intel ha dimostrato una varietà di accessori wireless che saranno abilitati dalla futura piattaforma del processore Skylake della società , riporta CNET . Progetti di riferimento per il successore Broadwell comprenderanno la possibilità di eliminare tutti i cavi che attualmente collegano ad un personal computer , sostituzione di entrambi i dati e cavi di alimentazione di opzioni wireless . 
La dimostrazione da Kirk Skaugen , senior vice president di Intel e General Manager del Gruppo PC client , mostra un display wireless , così come un computer con una docking wireless e capacità di carica . Intel utilizza la tecnologia di di A4WP Rezence , che trasferisce il potere in modalità wireless utilizzando i principi della risonanza magnetica , per la sua soluzione di ricarica wireless .
Il sistema può essere installato sotto una superficie del tavolo , con risonanza magnetica in grado di caricare tramite 2 pollici di legno . Può anche caricare un numero qualsiasi di dispositivi allo stesso tempo , a differenza delle tecnologie ricarica induttiva .

Skaugen ha dimostrato una tabella che comportano un computer portatile , telefono , auricolare e tablet tutti in una volta .
Ai fini di docking e visualizzazione , Intel si basa su Wi – Gig di governare il trasferimento dei dati wireless . Prima delineato nel 2010 , Wi – Gig è uno standard wireless stabilito che utilizza senza licenza dello spettro a 60 GHz per fornire velocità di trasferimento dati fino a 7 Gbps .

La tecnologia è ancora nelle fasi iniziali , con la piattaforma Intel Skylake attesa al debutto alla fine del 2015. Prodotti nativamente supporta questi protocolli wireless saranno disponibili una volta al pubblico nel 2016 . Apple non è attualmente elencato come membro del vasto consorzio A4WP , ma l’ azienda è senza dubbio perseguendo le proprie soluzioni possibili e il suo uso di chip di Intel nei Mac significa che sarà in grado di sfruttare le tecnologie confezionati nel futuro della piattaforma Skylake .

Questo articolo lo trovate su sito MacRumors

Tag:
maggio 19, 2014

“CEO di Intel ‘Garanzie’ Broadwell Chips di questa stagione di festa”

CEO di Intel Brian Krzanich ha dichiarato che i processori Broadwell di prossima generazione Intel lancerà durante questa stagione di festa , i rapporti Reuters ( via MacG ) . 
” Posso garantire per le vacanze, e non all’ultimo secondo di vacanza “, ha detto Krzanich in un’intervista . “Ritorno a scuola – che è uno stretto Ritorno a scuola bisogna avere davvero sugli scaffali nel mese di luglio , agosto che sara ‘ dura. . ».
Originariamente previsto per il lancio nel Q3 2014, Krzanich precisa che le nuove tecnologie di produzione sono responsabili dei ritardi circostanti Broadwell , ma sosteneva che Intel è ora in programma di spedire i suoi nuovi chip ai produttori entro la fine dell’anno . La dichiarazione arriva dopo una roadmap Intel trapelata emerso lo scorso febbraio , che sembrava mostrare un calendario incerto per 2.014 aggiornamenti Mac di Apple .
Con i chip di Intel Broadwell lanciando verso la fine di quest’anno però , è possibile che Apple potrebbe scegliere di aspettare fino al prossimo anno per integrare i chip Broadwell nei modelli aggiornati Retina MacBook Pro o lanciare con chip Haswell leggermente più veloci. Apple ha aggiornato i suoi modelli standard del MacBook Air mese scorso con un 1,4 GHz dual -core Intel i5 più veloce, mentre il taglio del prezzo di $ 100.

E ‘ anche possibile che nuovi chip Broadwell Intel potrebbero essere utilizzati nella dice 12 -inch MacBook Air , che può coesistere con o sostituire l’attuale linea di MacBook Air . Tuttavia, non è certo che i chip specifici di Apple avrebbe utilizzato per il nuovo notebook , i rapporti precedenti hanno sottolineato la macchina che esce verso la fine del terzo trimestre .

Per quanto riguarda una prossima generazione di iMac va, Apple potrebbe anche scegliere di tenere a bada un aggiornamento fino a quando gli opportuni circuiti integrati Broadwell sono fuori . Tuttavia, un rapporto il mese scorso ha sostenuto che le CPU desktop di Intel Haswell più veloci potrebbero arrivare a maggio, con Apple forse il lancio di aggiornamenti il più presto possibile .

Apple sta inoltre dice di avere un basso costo iMac nelle opere , che potrebbe utilizzare più chip cost-efficient . Secondo KGI Securities analista Ming -Chi Kuo , il computer desktop a basso costo potrebbe aumentare le vendite sui mercati esteri critici e aumentare le consegne fino al 30 per cento .

Questo articolo lo trovate su sito MacRumors

Tag:
aprile 16, 2014

“Intel perde milioni di dollari pe tablet e smartphone”

Gli ultimi risultati finanziari di Intel hanno dipinto una situazione poco rosea per l’azienda: la società continua a perdere miliardi di dollari a causa del mercato mobile. Nel 2013 la divisione di chip mobile di Intel (responsabile per il Wi-Fi , Bluetooth , GPS e connettività cellulare) ha perso circa 3,15 miliardi dollari, dopo aver registrato una perdita operativa di 1,78 miliardi di dollari nel 2012; nel solo primo trimestre del 2014 il Gruppo Mobile e Communications ha già totalizzato 929 milioni di dollari di perdita operativa con un fatturato di soli 156 milioni dollari di entrate, dati che riguardano prettamente le vendite di prodotti Android. Così come il mercato PC, anche per Intel la transizione verso il mercato mobile appare molto difficoltosa, e mostra una certa incapacità nel riuscire a mantenere la posizione dominante che aveva invece nel settore dei personal computer. 

Lo scorso maggio Intel ha annunciato la sua nuova architettura Silvermont promettendo migliori processori mobile, ma questi processori sono stati rimandati al 2014 inoltrato. Le potenziali ragioni dell’impopolarità della sua tecnologia potrebbero essere legate alla necessita di un chip separato per la connettività cellulare LTE, nativamente incluso invece nei chi rivali di Qualcomm. Intel afferma che prevede di offrire una connettività LTE integrata a fine 2015 o all’inizio del 2016. Anche per Intel dunque la strada sembra essere più in salita di quanto previsto.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
gennaio 21, 2014

“Verizon conferma acquisizione delle attività Internet TV di Intel”

Verizon ha accettato di acquistare business televisivo Internet di Intel , le due società hanno confermato . Intel Media, che sta lavorando sulla piattaforma televisiva OnCue Nube di Intel , resterà a Santa Clara e continuare a utilizzare il suo team di gestione esistenti , con Verizon sperando di mantenere i 350 dipendenti in unità una volta che l’ acquisizione è stata completata a volte nel primo trimestre di questo anno .Intel CEO Brian Krzanich

Si pensa che la tecnologia dietro OnCue sarà rotolato in proprio i servizi di televisione a pagamento di Verizon , sia attraverso FiOS Verizon e online. L’intero progetto ha avuto difficoltà a guadagnare trazione, con offerte di contenuti da società di pay-TV di essere lento per completare , e con i rapporti che suggeriscono che Intel ha offerto fornitori di contenuti fino al 75 per cento in più per le licenze rispetto alle normali tariffe provider via cavo .

In una dichiarazione congiunta , il CEO di Verizon Lowell McAdam e il presidente ha dichiarato: ” La piattaforma e la squadra OnCue aiuterà Verizon portare servizi video di prossima generazione per un pubblico che sempre più si aspettano di visualizzare il contenuto quando, dove e come vogliono . ” Brian Krzanich , CEO di Intel , ha informato che ” il fattore critico nel guadagnare accesso efficiente al contenuto si basa sulla sua capacità di scalare rapidamente gli abbonati e gli utenti , motivo per cui vendono tali attività a Verizon ha perfettamente senso , con i suoi milioni di FiOS finali rete wireless e clienti . ” Krzanich sostiene inoltre che la vendita sarà lasciarlo rifocalizzare su altri prodotti informatici importanti .

Anche se i termini dell’accordo rimangono riservate , i rapporti precedenti hanno speculato che l’acquisto per un costo di Verizon $ 500 milioni.

Questo articolo lo trovate su sito Macnn

Tag:
dicembre 29, 2013

“Intel scommette e investe sulle action camera di SanJet”

Intel Capital, la divisione di Intel responsabile degli investimenti dell’azienda, ha deciso di investire in Sanjet, una società nata da circa quattro anni, con sede a Taiwan, specializzata nella realizzazione di piccole videocamere e DVR progettati per essere indossati oppure montati sui cruscotti delle auto, o in altre situazioni e posizioni, in maniera simile a quanto accade già oggi con gadget simili a quelli di GoPro. Intel sembra essersi affezionata a Taiwan, essendo quello in Sanjet il quinto investimento annuale in un’azienda con sede nel Paese.

Intel non ha rivelato l’entità dell’investimento, probabilmente noto nel momento in cui l’azienda dovrà far richiesta ufficiale all’ente di regolamentazione ufficiale, ma il budget disposto dovrebbe essere stato prelevato dal fondo dedicato al settore automotive, attraverso il quale l’azienda vorrebbe promuovere lo sviluppo di prodotti video in auto e/o on-the-go.

Quello della connettività on-the-go potrebbe essere il prossimo settore verso cui le aziende tecnologiche sembrerebbero interessate a rivolgere la loro attenzione: con la sempre maggiore integrazione fra i sistemi interni dei produttori e la connettività apportata via smartphone, anche per le automobili potrebbe aprirsi un mercato rigoglioso in termini di applicazioni e servizi, da sfruttare per offrire un valore aggiunto alle persone che hanno l’intento di acquistare un’auto nuova, inclusi i benefici tecnologici. Qui di seguito in video di Sanjet ripreso dall’interno di un’auto.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
dicembre 11, 2013

“FreeBSD non si fida del generatore di numeri random di Intel”

Tutti i moderni processori integrano quello che è noto come “generatore di numeri casuali”: è una funzionalità molto importante e delicata e non di semplice implementazione come potrebbe sembrare. Realizzare una sequenza non ripetitiva e realmente casuale non è fattibile con un normale computer: essendo quest’ultimo un automa a stati finiti, è impossibile calcolare valori infiniti sfruttando un elaboratore che può gestirne un numero elevato ma limitato. Nel corso degli anni sono stati pensati vari algoritmi in grado di produrre sequenze pseudo-casuali e alcuni di questi sono da tempo integrati nei processori.Edward Snowden

Per comprendere l’importanza del generatore in questione, bisogna tenere presente che i numeri casuali possono essere utilizzati in vari ambiti: in crittografia per cifrare e proteggere le informazioni, nell’analisi e nelle simulazioni di natura probabilistica, telecomunicazioni, nei videogiochi, per problemi decisionali, finanziari e altre applicazioni ancora.

Edward Snowden, l’ex tecnico della CIA noto per aver rivelato pubblicamente dettagli di diversi programmi di sorveglianza di massa, afferma che la NSA statunitense avrebbe chiesto a Intel e Via Technologies di integrare meccanismi come backdoor o debolezze specifiche negli algoritmi di cifratura, grazie ai quali decifrare il traffico internet.

Le rivelazioni non sono piaciute agli sviluppatori di FreeBSD, sistema operativo derivato da Unix e il cui framework è adottato anche da Apple con OS X. Nelle future versioni del framework sarà pertanto integrato un generatore di numeri casuali software, con specifiche funzionalità di sicurezza in grado di scavalcare il generatore di numeri casuali del processore. Sarà interessante vedere se anche Apple integrerà la nuova versione del framework: una prova d’indipendenza, forza e autonomia dalla NSA.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: