Archive for ‘Tecnologia di Apple’

gennaio 20, 2019

“Cuffie auricolari Xiaomi USB Type-C half-in-ear: comode ed economiche”

La “morte” del jack da 3.5mm (almeno sulle scocche degli smartphone) non ha solo rivoluzionato il mercato ma soprattutto è riuscita a rendere obsolete un discreto numero di cuffie ed auricolari in dotazione agli utenti, che nell’acquistare un nuovo smartphone spesso si sono trovati sprovvisti d alternative ai poco pratici adattatori. La cuffie auricolari BRE02JY di Xiaomi sono una delle migliori soluzioni in commercio: si tratta di un paio di auricolari USB Type-C che permette agli utenti di poter continuare ad ascoltare podcast, musica o filmati utilizzando anche su smartphone di ultima generazione che hanno abbandonato lo storico jack della cuffie abbracciando il nuovo formato USB. Disponibili nei colori bianco o nero, le cuffie godono dell’ormai nota qualità Xiaomi, che si è sempre distinta per la produzione di dispositivi di qualità nonostante il prezzo contenuto, ed anche in questo caso l’azienda non si smentisce. Ci troviamo di fronte ad un paio di auricolari half-in-ear caratterizzate da risposta in frequenza fra 20 – 40KHz, driver in ceramica dinamici, impedenza di 32ohms, sensibilità di 105dB ed audio ad alta risoluzione. Includono anche un microfono filo-comandato che permette di utilizzare le cuffie comodamente anche per ricevere ed effettuare chiamate. Come sempre l’aspetto più interessante è il prezzo: le Xiaomi BRE02JY USB Type-C costano solo 16 euro, prezzo eccellente per un accessorio del genere, e possono essere acquistate cliccando su questo link diretto. Le scorte sono limitate sia nel numero che nel tempo, meglio affrettarsi.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
gennaio 16, 2019

“Europe, da FB stretta su spot elettorali – Internet e Social”

Facebook introdurrà regole più severe per l’inserzione di pubblicità politiche sul social nei Paesi in cui nel 2019 si terranno elezioni importanti. A Unione europea, India, Nigeria e Ucraina saranno estese le norme sugli spot elettorali che sono state messe a punto per evitare interferenze nel voto. Lo scrive sul suo sito l’agenzia Reuters che ha intervistato due manager della compagnia californiana.     A partire da oggi in Nigeria, dove il 16 febbraio si terranno le elezioni presidenziali, solo le persone che dimostrano di risiedere nel Paese potranno pubblicare inserzioni elettorali.     Stessa cosa da febbraio in Ucraina, che andrà alle urne il 31 marzo. In India, al voto in primavera, gli spot elettorali e i loro acquirenti saranno inseriti in un archivio online consultabile che sarà conservato per sette anni.     Anche in Ue, in vista del voto di maggio, saranno adottate misure volte a garantire la trasparenza e l’acquisto di spot da parte di persone ed enti legittimati a farlo.     Le nuove politiche di Facebook sono un effetto del Russiagate, cioè dell’inchiesta sulle presunte interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali che hanno portato Donald Trump alla Casa Bianca a fine 2016. L’inchiesta ha dimostrato l’esistenza di una fabbrica russa di troll che ha pubblicato spot elettorali su Facebook, Twitter e Google per orientale il voto americano.

Questo articolo lo trovate su sito ANSA

Tag:
gennaio 16, 2019

“La nuova LinkStation 220DR di Buffalo integra unità WD Red di serie”

Buffalo, uno dei maggiori produttori a livello mondiale di NAS (Network Attached Storage) ha annunciato l’arrivo della nuova LinkStation 220DR. Questo nuovo NAS a due bay integra i dischi rigidi WD Red (specifici per NAS) che garantiscono prestazioni e affidabilità e consentono di archiviare in sicurezza ingenti quantità di dati provenienti da diversi dispositivi, nonché effettuare lo streaming di di musica e video. La nuova LinkStation 220DR è indicata dal produttore come “perfetta” per l’archiviazione dei dati provenienti da computer fissi, laptop, smartphone, fotocamere digitali e altro ancora. Disponibile nelle versioni con capacità di 2, 4, 6 o 8 TB, LS220DR è pronta all’uso, ma può essere personalizzata tramite computer o smartphone grazie alla sua interfaccia, ottimizzata anche per i dispositivi mobile. La presenza di due unità disco consente di scegliere tra le prestazioni della modalità RAID 0 o la sicurezza offerta dal RAID 1, opzione che, grazie al mirroring dei dati, mette al riparo da possibili guasti a una delle due unità disco. 1 di 3 Il NAS in questione consente di di dotarsi un vero e proprio cloud privato personale, a cui è possibile accedere da ovunque ci si trovi tramite un qualsiasi browser Web o attraverso l’App dedicata Buffalo WebAccess, cdisponibile sia per Android, sia per iOS. L’accesso ai propri documenti, foto e filmati da remoto, quindi, sarà sempre garantito senza la necessità di dover sottoscrivere abbonamenti a servizi cloud di terze parti, che sono gratuiti solo per pochi GB. Grazie alla compatibilità DLNA e Twonky Beam, la nuova LS220DR è in grado di effettuare contemporaneamente lo stream di fino a 4 film in HD (tramite connessione Gigabit diretta), consentendo a ogni membro della famiglia di guardare il film preferito sul proprio dispositivo. Sul fronte audio è da segnalare la compatibilità DSD, una caratteristica interessante per tutti gli audiofili. Il produttore vanta velocità di lettura fino a 100 MB/s e velocità di scrittura fino a 50 MB/s (connessione diretta Gigabit Ethernet, protocollo di condivisione file SMB1.0, Client Singolo). Il NAS LS220DR è fornita con 5 licenze del software NovaBACKUP Buffalo Edition per PC ed è compatibile con Time Machine di Apple. La variante da 2TB (modello LS220DR0202-EU) costa 319,90 euro; la variante da 4TB (modello LS220DR0402-EU) costa 389,90 euro; quella da 6Tb (mod. LS220DR0602-EU) è venduta 449,90 euro e quella da 8TB (mod. LS220DR0802-EU) è venduta 529,90 euro. La garanzia è di tre anni

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
gennaio 14, 2019

“Fioccano falsi allarmi dal rilevamento cadute Apple Watch 4 mentre si scia”

apprezzate di Apple Watch 4 il rilevamento cadute purtroppo questa funzione progettata da Cupertino, ideale per monitorare le persone anziane, sta creando non pochi problemi ai servizi di soccorso nelle località sciistiche più gettonate degli Stati Uniti. In Colorado i centralini di soccorso sono presi d’assalto da falsi allarmi per emergenze generati proprio dal rilevamento cadute di Apple Watch 4 provenienti per lo più da persone in vacanza mentre sciano sulle piste e, nella maggior parte dei casi, protagoniste solo di piccole cadute senza alcun danno. I problemi però non si limitano alla super attività dei centralini, ma anche all’impegno delle unità di soccorso sul campo, prontamente inviate alle coordinate GPS contenute nel messaggio di emergenza, un impegno di uomini, mezzi e risorse che vengono costantemente sottratti per gli incidenti che invece richiedono un pronto intervento. Ricordiamo che il rilevamento cadute di Apple Watch 4 è disabilitato di serie e viene attivato di default solo per gli utenti over 65. Grazie alle rilevazioni di accelerometro e giroscopio lo smartwatch di ultima generazione di Apple permette di inviare rapidamente una richiesta di soccorso al numero 911 per le emergenze in USA, una comunicazione che contiene anche la posizione GPS dell’utente per facilitare i soccorsi. Nella maggior parte dei falsi allarmi rilevati nelle località sciistiche in Colorado si tratta di persone giovani che hanno in precedenza attivato manualmente il rilevamento cadute di Apple Watch 4, dimenticandosi poi di averlo fatto e di disattivarlo. Per questa ragione una responsabile dei soccorsi di Vail in Colorado consiglia a chi si appresta a fare una vacanza sugli sci nella regione di disattivare la funzione rilevamento cadute di Apple Watch 4. Per tutte le notizie su Apple Watch vi rimandiamo a questa sezione di Macitynetche raccoglie tutte le ultime novità, trucchi e consigli. Per un articolo che riassume tutto sul nuovo Apple Watch 4 vi rimandiamo a questa pagina. Su questa pagina trovate la nostra recensione di Apple Watch 4.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

gennaio 11, 2019

“Gocomma Touch, ecco il clone del Magic Mouse Apple a un prezzo irrisorio”

Se volete acquistare un mouse stile Apple, ma i soldi richiesti dalla Mela vi sembrano troppi, ecco la soluzione: il clone esatto del Magic Mouse Apple costa adesso solo 6 euro, e ha tutte le funzioni più importanti, come quella di touchpad a sfioramento. Ecco il link per acquistarlo. La caratteristica principale di questo mouse, come facilmente apprezzabile dalla foto, è il suo design: è praticamente identico a quello Apple. Completamente bianco, offre tre zone attive, per offrire il click tasto destro, click tasto sinistro, e una zona per lo scrolling delle pagine, proprio come avviene sul Magic Mouse Apple. A differenza del mouse della Mela non è bluetooth, bensì wireless. Inclusa nella confezione anche il ricevitore WiFi, che permetterà al mouse di funzionare correttamente anche su tutti i PC non dotati di bluetooth. Si tratta di un’ottima soluzione, potendo utilizzare il mouse in via universale. Offre una precisione di 1200 dpi, mentre a spessore è davvero imbattibile: è sottile solo 2 mm. Funziona con 2 batteria AAA, che dovrebbero assicurare 3 mesi di autonomia. Solitamente ha un prezzo davvero irrisorio di appena 9 euro, ma attualmente è addirittura in vendità flash a poco più di 6 euro. Offerta davvero imperdibile.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
gennaio 9, 2019

“Disabili, dalla Regione fondi per la tecnologia

Regione Lombardia ha stanziato 2,6 milioni di euro ad hoc. «La misura – spiega l’assessore alle Politiche per la famiglia Silvia Piani – è finalizzata ad estendere le abilità e a potenziare la qualità di vita dei disabili e dei minori con questi disturbi specifici mediante un contributo che può coprire fino al 70 per cento delle spese di acquisto, noleggio o leasing di ausili e strumenti tecnologicamente avanzati che devono essere funzionali al miglioramento della loro autonomia, con particolare riferimento all’ambiente domestico, al sostegno delle potenzialità, delle capacità motorie, visive, uditive, intellettive, del linguaggio, e dell’apprendimento». Possono partecipare al bando i giovani o gli adulti disabili, e i minori o i giovani con disturbo specifico di apprendimento (Dsa), con Isee non superiore ai 30mila euro e che non hanno abbiano ricevuto contributi per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati (ai sensi della l.r. 23/99) nei 5 anni precedenti e nella stessa area geografica. La Regione finanzia l’acquisto di ausili e strumenti che abbiano un costo compreso fra 300 e 16mila euro. Il contributo è diversificato nei massimali per quattro aree di intervento: domotica, mobilità, informatica e altri ausili (per l’acquisto di strumenti non riconducibili al nomenclatore tariffario o ad alto contenuto tecnologico). La domanda può essere presentata solo online all’indirizzo http://www.bandi.servizirl.it. Tra i documenti richiesti il preventivo, la fattura o la ricevuta fiscale della spesa sostenuta. In caso di ausili o di strumenti particolarmente costosi, acquistati a rate, si dovrà integrare l’atto della domanda con una copia del contratto di finanziamento. «Le domande – spiega l’assessore Piani – verranno gestite dalle Agenzie di tutela della salute (Ats), che provvederanno alla verifica dei requisiti e alla liquidazione dei contributi, nei limiti del budget assegnato. Ad ogni Ats abbiamo messo a disposizione un budget calcolato sulla base della popolazione residente».

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag:
gennaio 8, 2019

“Enormi, curve e ultra-HD: ecco le tv al Ces”

Sempre più grandi e con maggiore definizione, curvi, flessibili e addirittura arrotolabili: sono i televisori che puntano ad arrivare quest’anno nei salotti, almeno di chi può permetterseli. Li mette in mostra il Consumer Electronic Show (Ces), la fiera annuale dell’elettronica di consumo in corso a Las Vegas. A sorprendere è LG, che porta sul palco quello che definisce “il primo televisore arrotolabile al mondo”. Si chiama LG Signature Oled Tv R e ha uno schermo da 65 pollici ad altissima risoluzione (4K) a scomparsa: quando non è in uso si arrotola e sparisce all’interno del suo mobiletto basso, dotato di altoparlanti per riprodurre musica. Il televisore porta a bordo l’assistente virtuale Alexa di Amazon, ma anche i film e le serie tv della piattaforma iTunes di Apple, grazie al supporto all’Apple AirPlay 2. La tv non è un prototipo ma un prodotto reale, che arriverà sugli scaffali in primavera a un prezzo presumibilmente molto elevato. Samsung, che sulla smart tv porta direttamente l’applicazione iTunes, prova a stupire con la modularità di un televisore a MicroLed, chiamato “Window” e composto da più pannelli da affiancare. La versione ‘normale’ arriva un massimo di 75 pollici, mentre quella gigante ne misura 219. Panasonic punta agli amanti del cinema con il televisore GZ2000, da 55 e 65 pollici, che ha speaker performanti ed è calibrato insieme al colorista cinematografico di Hollywood Stefan Sonnenfeld (“Star Trek Into Darkness”, “L’uomo d’acciaio”) per garantire la resa cromatica voluta dai registi. Sony scommette invece sulle dimensioni, presentando il televisore Z9G: schermo da 85 e 98 pollici dalla risoluzione più elevata ora possibile, l’8K.

Questo articolo lo trovate su sito ANSA.

Tag:
gennaio 8, 2019

“Corsi Espero su DaVinci Resolve: un programma geniale”

Perché DaVinci Resolve viene considerato così eclettico e completo, tanto da potersi permettere di prendere il nome dal genio del Rinascimento italiano? Se deciderai di usare questo programma ti accorgerai subito di un grande vantaggio: la compatibilità con gli altri programmi. DaVinci legge e scrive progetti creati con altri software, permettendoti di gestire senza difficoltà le migrazioni di progetti da un software all’altro. Inoltre DaVinci funziona perfettamente su ogni piattaforma (macOS, Windows, Linux) perché la gestione interna dei codec audio e video è indipendente dal sistema operativo utilizzato. Infine DaVinci utilizza la tecnologia Open FX che permette agli sviluppatori di creare plugin utilizzabili sui diversi programmi (ne puoi trovare già centinaia disponibili). Se deciderai di iniziare il tuo percorso professionale di montaggio video con DaVinci, scoprirai che anche la componente audio è molto perfomante perché potenziata dalla tecnologia Fairlight, acquistata da Blackmagic Design e integrata nei suoi prodotti. Analogamente il comparto dedicato al compositing è composto da Digital Fusion, che offre una struttura nodale, uno spazio 2D e 3D, effetti particellari, rotoscoping e molti altri strumenti direttamente all’interno del programma stesso. Non sei ancora convinto? E se ti dicessimo che tutto questo è gratis? Esistono infatti per DaVinci la versione free (che pur essendo gratuita consente l’utilizzo commerciale) e quella a pagamento (299€): le due licenze hanno poche differenze ed è possibile spostare i lavori da una licenza all’altra. Proprio come il grande Leonardo, anche DaVinci Resolve è veramente geniale. Vieni a scoprire tutti i suoi segreti al corso ufficiale DaVinci Resolve 15, intro all’Editing, Color, Audio ed Effetti. Affrettati a prenotare il posto: il corso inizia lunedì 14 gennaio (durata tre giorni consecutivi 14-15-16 gennaio h9-18). È incluso nel prezzo l’esame per la certificazione Blackmagic Design, da svolgere al termine del corso il pomeriggio del terzo giorno.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
gennaio 4, 2019

“L’auto affonda nella palude, si salva grazie ad Apple Watch”

Accade ancora una volta: una vita è salva grazie ad Apple Watch. In Florida una donna finisce con la propria auto nella palude. Quando il peggio sembra ormai vicino ecco la soluzione: chiamare il 911 dallo smartwatch di Apple. Il video con la chiamata originale fa venire i brividi. Capovolta in una palude nella strada di Tampa, Amanda Antonio iniziava ad affondare nel fango. Dopo qualche minuto di sconforto l’idea che le ha salvato la vita: chiamare i soccorsi con Apple Watch. Al telefono con i soccorsi, Amanda ha potuto comunicare la propria posizione utilizzando Google Maps: in soli 6 minuti i soccorsi sono arrivati sul posto, liberando la giovane da una morte certa. Non è chiaro quale modello di Apple Watch o iPhone avesse con sé la donna, ma probabilmente si è trattato di un iPhone 7, o modello successivo. E’ da qui, infatti, che Apple ha ufficialmente previsto l’impermeabilizzazione per i suoi smartphone, mentre con iPhone 6s il grado di protezione da liquidi era ben più basso. Non è la prima volta che iPhone o Apple Watch contribuiscono a salvare la vita di una persona. Lo sa bene il gruppo di turisti a largo della costa di Okinawa, mentre in passato l’orologio Apple ha salvato la vita di una teenager, oltre che di un avvocato cinquantenne, svegliato nel cuore della notte: senza l’avviso dell’orologio non si sarebbe più svegliato al mattino successivo.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

gennaio 4, 2019

“Tim Cook incontra tutti i dipendenti Apple per parlare di iPhone”

Tim Cook terrà oggi una riunione con tutti i dipendenti Apple per parlare di iPhone, o meglio, delle vendite in stallo di iPhone e, probabilmente, delle previsioni errate per il Natale. La notizia dello stallo ha causato un calo nelle azioni Apple, che ha già annunciato di dover ridimensionare le aspettative sul proprio fatturato. La conferenza dei risultati finanziari, in cui si avranno maggiori informazioni, sarà tenuta l prossimo 29 gennaio. Nell’ambito della riunione, comunque, Cook vorrà precisare il punto della situazione e specificare anche le ultime affermazioni sul fatto che gli ultimi modelli di iPhone non stanno vendendo come da aspettative, in particolare in Cina. Si tratta di una delle peggiori situazioni che Tim Cook si trova a dover affrontare da quando è CEO della società, come affermato anche da Michael Gartenberg, un ex dirigente del marketing Apple, mentre l’analista di Wedbush Securities, Daniel Ives, lo ha definito il momento cruciale per l’intera carriera di Cook. Ad ogni modo, è possibile che il prossimo 29 gennaio Apple sarà desiderosa di dimostrare che i suoi guadagni trimestrali deludenti non sono parte di una tendenza più ampia. Il calo potrebbe essere imputabile anche a una maggiore enfasi data dalla società ad altri prodotti. Parte delle risposte arriverà il prossimo 29 gennaio alla periodica conferenza dei risultati finanziari, anche se il comunicato stampa delle scorse ore ha già fornito qualche indizio.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: