Archive for ‘Tecnologia di Apple’

luglio 20, 2018

“Instagram, un account su dieci è un fantasma”

Instagram, il popolare social network per la condivisione di foto, ha toccato da poco la soglia del miliardo di utenti. Non tutti, però, sono reali. Dietro 95 milioni di account cioè quasi uno su dieci, potrebbero esserci bot: quegli utenti sono gestiti da software programmati per comunicare e navigare sulla rete.

Lo rivela ora un nuovo studio, condotto per The Information dalla società di ricerca Ghost Data e segna anche una tendenza in aumento rispetto ai dati rilevati nel 2015. Fenomeno non trascurabile, perché gli account controllati da software alimentano la diffusione di notizie false e rappresentanto anche uno dei problemi, in termini di affidabilità, dell’influencer marketing.

Non è un fenomento nuovo per piattaforme come Instagram, ma anche Facebook e Twitter. Già nel 2013 acquistare un pacchetto da mille follower o amici fake costava meno di 10 euro. Secondo alcune fonti su Facebook i profili falsi sarebbero circa 81 milioni, per altre oltre 130 ma la cifra più probabile è 170 milioni. Twitter di recente ha rimosso 70 milioni di profili falsi, in buona parte bot.

Il mercato sembra più che fiorente. Basta fare qualche ricerca su Google con richieste quali “buy twitter followers” o “buy facebook friends” o “likes” per trovare un lungo elenco di link che rimandano a società specializzate o a vere e proprie “bot farm”. Negli anni sono cambiate anche le ragioni per cui si acquistano utenti o ci si affida a bot. Se prima serviva soprattutto per aumentare il proprio seguito sui social, oggi si spazia su fornti diversi che vanno dal dating al business delle recensioni finte fino alla lotta politica.

Questo articolo lo trovate su sito Repubblica
Annunci
Tag:
luglio 19, 2018

“FiLMiC Pro gestisce audio, video 4K e correzione colore con iPhone: aggiornata alla versione 6”

Filmic Pro è un’app che consente di girare filmati in 4K con profili di “log” o flat, funzionalità che normalmente sono disponibili con videocamere di alto livello quali le Red Weapon.

L’app Filmic Pro è stata usata in “Tangerine”, film per il quale il regista Sean Baker, colpito dalla qualità dei filmati sperimentali visti su YouTube e Vimeo, ha voluto sfruttare una steadicam per stabilizzare un iPhone 5s nelle riprese in movimento e l’adattatore anamorfico di Moondog Labs, una sorta di obiettivo che consente di catturare video e foto panoramiche in widescreen.

filmic pro

L’app Filmic Pro ha permesso di controllare manualmente esposizione e messa a fuoco, risoluzione, bitrate, rapporto di aspetto, consentendo di girare video 4K a 24fps (standard usato nei cinema) a 100 Mbps con il rapporto di aspetto super wide.

Permette di girare con profili di tipo Log/Flat, uno strumento utile che permette di personalizzare le immagini acquisite modificando le impostazioni della videocamera; come accennato, si tratta di funzionalità avanzate, normalmente disponibili in dispositivi high-end di Sony, Blackmagic, Canon Cinema, RED o la serie GH4/GH5 di Panasonic.

È possibile registrare immagini “flat” (bassa saturazione, basso contrasto e nitidezza) catturando un numero maggiore di dettagli ottenendo un range dinamico più ampio e riprese adatte alla gradazione del colore.

In post produzione è possibile sfruttare una struttura LUT (Look-up Table) per convertire i Log in Rec. 709 (lo standard per il formato della televisione in alta definizione). Nelle riprese di scene che non hanno molto contrasto, per esempio quando c’è nebbia, è possibile sfruttare manualmente profili in grado di aumentare la saturazione del colore, senza bisogno di ricorrere a strutture LUT.

L’app è consigliata ai filmaker che sfruttano iPhone; sfruttando un iPhone 7 e successsivi è possibile ottenere risultati che fino a poco tempo addietro richiedevano l’acquisto di costose apparecchiature di post-produzione.

Con l’app FiLMiC Pro video 4K e correzione colore da cinema con iPhone

Filmic Pro, novità della versione 6

L’ultima versione dell’app offre tre nuove modalità di scatto che garantiscono un controllo preciso sulla messa a fuoco, sugli ISO e sulla velocità dell’otturatore attraverso nuovi cursori manuali. Molto pratica la modalità Pro ibrida che si adatta a qualsiasi condizione di luce ambientale, l’ideale per i professionisti che lavorano con scene difficili.

L’app permette di avere il pieno controllo della temperatura e della tinta colore, con impostazioni predefinite per un migliore utilizzo in condizione di luce diurna, in ombra e non solo, con un’opzione per bloccare il bilanciamento del bianco.

Nuovi anche i profili LOG e Flat Color che permettono di raccogliere ancora più dati per poter poi elaborare al meglio i filmati registrati con l’app. Ci sono poi nuovi strumenti su schermo che offrono un feedback dettagliato sulla ripresa, con picchi per la messa a fuoco, per la sovraesposizione, istogramma in tempo reale e tanto altro.

L’app ora consente di registrare in formato PAL a 25 fps oppure NTSC a 30 fps. Inoltre supporta gli accessori di terze parti, tra cui il gimbal DJI Osmo Mobile 2, gli adattatori BeastGrip così come i microfoni di Shure, Sennheiser, Rode e IK Multimedia.

Link per l’acquisto

L’app Filmic Pro costa 16,99 euro su App Store per iPhone e iPad.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 18, 2018

“Sconto Prime Day a 99€ per TomTom VIO, navigatore per scooter che si integra con lo smartphone”

Se usate spesso lo scooter per viaggi in città o di breve raggio, l’Amazon Prime Day ha qualche cosa per voi: TomTom VIO, il primo navigatore per scooter, a 99 euro invece che 169 euro.

Questo accessorio è di produzione recente: è stato presentato ad IFA di Berlino del 2016. Macitynet l’ha recensito anche più recentemente dandovi un quadro molto preciso del suo funzionamento. Per approfondire l’argomento potete proprio leggere la nostra recensione; qui in sintesi diciamo solo che è il compagno ideale per chi viaggia in moto. Per il funzionamento e l’elaborazione dei dati dipende strettamente da uno smartphone, di cui è quasi una sorta di schermo supplementare.

È infatti l’applicazione che governa il suo funzionamento, anche se le mappe sono precaricate al suo interno, quindi non caricano la rete cellulare né per quel che riguarda la batteria (la navigazione da smartphone consuma molta energia) né per i dati. Una volta applicato ad un supporto esterno, ad esempio l’asta del retrovisore, mostra istruzioni di navigazione dettagliata sul display che è anche touch e quindi permette di controllare diverse funzioni senza estrarre il telefono dalla tasca.

tomtom vio

Si può dare un’occhiata allo schermo per visualizzare in qualsiasi momento le informzioni che occorrono per seguire il percorso. Non manca la possibilità di ricevere avvisi su tutor e autovelox durante il percorso, con lo schermo che cambia colore quando si va troppo forte. Il navigatore per scooter permette di calcolare al volo percorsi alternativi, mostrando in tempo reale info su ingorghi. Il fatto che il dispositivo sia sincronizzato con lo smartphone consente anche di vedere chi ci sta chiamando  ed è possibile effettuare e ricevere chiamate utilizzando il sistema audio del casco Bluetooth se ne avete uno compatibile.

TomTom VIO è progettato per resistere alla strada e alla pioggia (protezione IPX7), alla neve e alla grandine. È anche possibile toccare e scorrere lo schermo del navigatore senza togliersi i guanti. Il navigatore per scooter può essere personalizzato per abbinarlo al casco, allo scooter, all’outfit o all’umore dell’utente (è possibile personalizzare la mappa con una serie di colori).

Lo schermo è capacitivo antiriflesso e, come già detto, adatto all’utilizzo con i guanti. La memoria interna è di 1 MB, la durata della batteria offre fino a 5 ore di funzionamento autonomo.

Costerebbe intorno ai 120 euro, con ma grazie all’Amazon Prime Day lo comprate a 99 euro, un ottimo affare che però scade questa notte al termine di Amazon Prime Day.

Per restare aggiornati istantaneamente sulle offerte Prime Day potete:

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 18, 2018

“Offerte Prime Day Bticino sui kit videocitofonici per una casa sicura”

E’ facile installare un videocitofono a due fili Bticino e altrettanto facile trasformare il modello solo voce in uno con telecamera (singola o multipla) esterna. E’ quello che vi mettono a disposizione i Kit di Bticino presenti da tempo su Amazon e in offerta speciale per il Prime Day.

Ecco la lista dei prodotti in offerta.

In offerta a 61,79 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 104,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 124,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 159,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 219,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 279,89 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 63,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 86,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 239 Euro – scade il 17/07/18 23:59

Per restare aggiornati istantaneamente sulle offerte Prime Day potete:

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 17, 2018

“iPhone precipita da aereo, resta intatto e funzionante”

Si trovavano a bordo di un biplano, ad Ames, nello Iowa, quando per scattare una foto dall’alto, uno dei passeggeri si è fatto sfuggire accidentalmente l’iPhone, che è volato letteralmente fuori dal finestrino. Si trovavano a sorvolare l’area a circa 300 metri di altezza. All’atterraggio il miracolo: l’iPhone ritrovato senza alcun graffio.

Secondo quanto descritto dalla WHO TV dell’Iowa, la donna, Sarvinder Naberhaus, ha raccontato che il telefono è volato giù e all’atterraggio un primo tentativo di ritrovare il terminale con la funzione Trova il mio iPhone è fallito. Successivamente, poco prima di comprare un nuovo telefono la scoperta: Trova il mio iPhone riesce a localizzare il dispositivo ed era intatto e funzionante..

iPhone precipita da aereo, ritrovato intatto grazie a Trova il mio iPhone

Naberhaus ha individuato il telefono in una zona ricoperta da erba alta in un quartiere residenziale, senza graffi, mentre sul display era presenta solo una notifica su un prossimo appuntamento. La donna, come riferisce anche appleinsider, si è detta scioccata, incredula di ciò che stesse avvenendo. Naberhouse, autrice di più libri, ha dichiarato alla stazione televisiva che l’incidente è la prova che “Dio ha il senso dell’umorismo”.

Non è la prima volta che la storia racconta di questi incidenti. Nel 2015, un uomo del Texas ha raccontato di aver gettato il suo iPhone da più di 2,7 km di altezza da un aereo, ritrovandolo al suolo ancora funzionante. Più recentemente, un iPhone 7 è stato trovato sott’acqua, ancora funzionante dopo due giorni di permanenza dentro l’acqua, ad una profondità di circa 30 metri.

Si trovavano a bordo di un biplano, ad Ames, nello Iowa, quando per scattare una foto dall’alto, uno dei passeggeri si è fatto sfuggire accidentalmente l’iPhone, che è volato letteralmente fuori dal finestrino. Si trovavano a sorvolare l’area a circa 300 metri di altezza. All’atterraggio il miracolo: l’iPhone ritrovato senza alcun graffio.

Secondo quanto descritto dalla WHO TV dell’Iowa, la donna, Sarvinder Naberhaus, ha raccontato che il telefono è volato giù e all’atterraggio un primo tentativo di ritrovare il terminale con la funzione Trova il mio iPhone è fallito. Successivamente, poco prima di comprare un nuovo telefono la scoperta: Trova il mio iPhone riesce a localizzare il dispositivo ed era intatto e funzionante..

iPhone precipita da aereo, ritrovato intatto grazie a Trova il mio iPhone

Naberhaus ha individuato il telefono in una zona ricoperta da erba alta in un quartiere residenziale, senza graffi, mentre sul display era presenta solo una notifica su un prossimo appuntamento. La donna, come riferisce anche appleinsider, si è detta scioccata, incredula di ciò che stesse avvenendo. Naberhouse, autrice di più libri, ha dichiarato alla stazione televisiva che l’incidente è la prova che “Dio ha il senso dell’umorismo”.

Non è la prima volta che la storia racconta di questi incidenti. Nel 2015, un uomo del Texas ha raccontato di aver gettato il suo iPhone da più di 2,7 km di altezza da un aereo, ritrovandolo al suolo ancora funzionante. Più recentemente, un iPhone 7 è stato trovato sott’acqua, ancora funzionante dopo due giorni di permanenza dentro l’acqua, ad una profondità di circa 30 metri.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 16, 2018

“Lo smartphone Wiko Tommy3 arriva in Italia con un omaggio in confezione”

Wiko annuncia la disponibilità in Italia di Tommy3, smartphone con display widescreen da 5.45” IPS in formato 18:9 che assicura elevata immersività in un corpo super compatto: in questo modo tutte le app, i file multimediali e le funzionalità dello smartphone sono facilmente fruibili e gestibili con l’utilizzo di una sola mano.

Streaming, Internet, chat e social media sono alla portata di tutti grazie alla connettività 4G VoLTE e al processore quad-core da 1.3 GHz affiancato da 1 GB di RAM, che rendono l’esperienza d’uso di Wiko Tommy3 ancora più coinvolgente e multi-tasking anche grazie alla nuova interfaccia Wiko e la tecnologia NFC.

Lo smartphone Wiko Tommy3 arriva in Italia con un omaggio in confezione

E per cogliere l’attimo c’è una fotocamera posteriore da 8 MP con LED flash e una fotocamera anteriore da 5 MP con Display Flash, per selfie dalla resa naturale. A completare il tutto la tecnologia HDR, che consente di ottenere sempre la migliore risoluzione per ogni scatto, e la funzione Video Snap Shot, per non perdersi nemmeno un momento dei propri video preferiti. Per quanto riguarda i file personali, Wiko Tommy3 monta una memoria da 16 GB.

Specifiche tecniche:

  • Display da 5.45’’ con risoluzione FWVGA+ e IPS
  • Widescreen in formato 18:9
  • Processore Quad-Core 1.3 GHz
  • Camera posteriore da 8 MP
  • Selfie camera 5 MP
  • 1 GB RAM
  • 16 GB ROM
  • Batteria da 2500 mAh
  • Android Oreo (Go Edition)

Wiko Tommy3 è disponibile in due colorazioni: Anthracite e Gold, che gli utenti potranno intercambiare con le coloratissime cover in omaggio in confezione, rispettivamente Bleen per chi acquista la colorazione Anthracite e Cherry Red per chi sceglie quella Gold. Il telefono è disponibile all’acquisto a partire da questa settimana nei negozi TIM al prezzo consigliato di 109,99 euro.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
luglio 13, 2018

“Ecco come potrebbero essere iPad Pro 11” e Apple Watch 4: le foto”

Se ieri avete letto il nostro articolo contenente tutte le supposizioni annunciate da Kuo riguardo i prossimi dispositivi Apple, oggi potete dare uno sguardo concreto a due dei prodotti più attesi grazie ad una serie di nuovi rendering.

Le immagini sono sostanzialmente una rappresentazione di tutte le caratteristiche preannunciate che riguardano il prossimo iPad Pro con schermo da 11 pollici e la nuova Series 4 di Apple Watch che, per la prima volta sullo smartwatch di Cupertino, dovrebbe montare un display più ampio.

Ecco come potrebbero essere iPad Pro 11” e Apple Watch 4: le foto

Gli attuali modelli con cassa da 38mm e 42mm hanno infatti uno schermo circondato da un’ampia cornice che, nella prossima generazione, dovrebbe essere sensibilmente ridotta. Nello specifico avranno uno schermo da 1.57’’ e 1.78’’, con angoli arrotondati che emulano quelli del display di iPhone X e accompagnati da una tecnologia tale da mantenere invariate le dimensioni fisiche della cassa rispetto alle precedenti generazioni.

Un piccolo cambiamento che dovrebbe di fatto migliorare significativamente l’usabilità dell’orologio, in grado di mostrare più dettagli e numeri più grandi per i quadranti proprio grazie alla maggiore superficie, che ridurrebbe perciò anche il numero di giri della Corona Digitale durante la lettura di lunghi testi.

Per quanto riguarda iPad Pro sappiamo invece che il prossimo modello dovrebbe avere uno schermo da 11’’ al fianco di una rinnovata versione da 12.9’’, entrambi pronti per abbandonare il tasto Home e il Touch ID in favore dell’implementazione di Face ID sulla scia di quanto fatto a settembre su iPhone con il nuovo modello X.

Anche qui le immagini pubblicate nelle scorse ore sono eloquenti: grazie a cornici più sottili iPad Pro da 12.9’’ dovrebbe riuscire a mantenere lo stesso display in un corpo però più piccolo mentre il modello da 11’’ dovrebbe avere all’incirca le stesse dimensioni dell’attuale iPad Pro da 10.5’’. Secondo la fonte, nonostante la presenza di Face ID, con iPad Apple dovrebbe riuscire ad evitare di avere una “tacca” sul display per i sensori utilizzando cornici leggermente più spesse.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
luglio 13, 2018

“Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2”

Dopo il rilascio dell’aggiornamento di macOS 10.13.6 e iTunes 12.8 che rende i Mac compatibili con Airplay 2 e iOS 10.4 su iOS il cerchio si completa e Sonos si aggiunge ad Apple diventando il primo tra i produttori indipendenti ad aggiornare il firmware dei propri speaker per funzionare con la tecnologia multi-stanza di Cupertino.

AirPlay 2 permette agli utenti iOS e mac di selezionare gli speaker su cui si vuol riprodurre la musica grazie al supporto del multi-room.

Siri è integrato in Airplay 2 ad un livello superiore rispetto ad Airplay visto che è possibile chiedere all’assistente vocale di riprodurre la musica su un altoparlante specifico.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

Airplay 2 è inoltre più integrato con Homekit ed è possibile fermare o riprendere la riproduzione su Homepod o uno speaker compatibile Airplay 2 anche direttamente dall’applicazione “Casa”.

 AirPlay 2 will funzionerà sulla nuova soundbar Sonos Beam presentata in Italia negli scorsi giorni, Sonos One, su Sonos Playbase, e sulla seconda generazione degli speaker Sonos Play:5.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

L’aggiornamento però coinvolge anche altri modelli visto che si possono raggruppare con uno dei modelli compatibili citati sopra e farli lavorare in sincrono con Airplay 2.

Ma non è tutto: visto che, almeno in alcuni paesi (e presto in Italia) Sonos One e Sonos Beam sono compatibili con l’assistente vocale di Amazon, Alexa, è possibile chiedere ad Alexa in “concorrenza” con Siri, di gestire la riproduzione di un brano e di interrogare lo speaker sull’esecuzione e l’esecutore.

Oltre a questo, avendo a disposizione un iPhone, la riproduzione dei brani non sarà riservata ad Apple Music come accade con l’uso di uno speaker singolo come HomePod ma, parimenti allo speaker Apple si potrà usare uno speaker Sonos per la riproduzione multistanza di una traccia di Spotify o di un altro servizio sullo speaker che preferiamo.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

Gli speaker saranno in grado anche di fornire la colonna sonora al filmato o al film che state guardando su Youtube e Netflix sincronizzandosi perfettamente con quanto vedete sullo schermo di iPhone, iPad o Mac.

Qui sotto trovate prezzo di riferimento online oer i modelli di Sonos aggiornabili ad Airplay 2. I prodotti Sonos sono diffusissimi anche negli Apple Premium Reseller italiani.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 12, 2018

“Nikon Coolpix P1000, l’unica compatta che può fotografare la Luna”

È lo zoom il punto forte della Nikon Coolpix P1000, nuova aggiunta alla popolare gamma di compatte della casa giapponese. Un mega zoom: la Nikon Coolpix P1000 è dotata di uno zoom ottico 125x, che offre un’estensione equivalente 24-3.000 mm. Un’estensione da record: il produttore la indica come l’unica fotocamera della sua categoria a raggiungere tali valori di zoom.

Inutile sottolineare come una tale caratteristica faciliti le riprese naturalistiche e di soggetti molto distanti. Senza contare che il Dynamic Fine Zoom 250x estende ulteriormente la portata dell’obiettivo fino al valore ragguardevole di 6.000mm. Però, in questo caso l’ulteriore estensione dello zoom avviene per via digitale.

Nikon Coolpix P1000Con uno zoom di questo tipo i fotografi possono catturare soggetti che avevano magari finora considerato irraggiungibili. Come ad esempio la luna, e non solo per dire. La Nikon Coolpix P1000 riesce infatti a fotografare i crateri sulla luna.

Non solo zoom, per la Nikon Coolpix P1000

Lo zoom è il fattore che caratterizza maggiormente la nuova fotocamera, ma non è l’unico degno di nota. Un altro elemento che caratterizza il potente obiettivo Nikkor della Coolpix P1000 è la sua luminosità pari a f/2.8. Questo consente di ottenere ottimi risultati anche in condizioni di scarsa illuminazione. La fotocamera supporta inoltre il formato RAW. Ciò permette  ai fotografi di sviluppare al meglio le foto nel loro software d’elaborazione immagini preferito. Né viene trascurato il comparto video: la Nikon Coolpix P1000 è in grado di registrare sequenze video 4K/UHD.

Nikon Coolpix P1000La Coolpix P1000 si basa su un sensore di immagine da 16 MP e sul processore di elaborazione Expeed. È dotata del sistema di stabilizzazione ottica Nikon VR a doppio rilevamento, per la riduzione delle vibrazioni. Il monitor LCD da 3,2 pollici con 921k punti può essere inclinato e orientato in quasi tutte le direzioni. La connettività SnapBridge consente di sincronizzare le foto con un device iOS o Android durante le riprese. Questo sistema abilita il trasferimento immediato e automatico delle immagini, così come l’uso dello smartphone per scattare a distanza.

Nikon Coolpix P1000Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del produttore.

Questo articolo lo trovate su sito
Tag:
luglio 11, 2018

“iPhone 9 LCD avrà bordi dimezzati grazie al nuovo chip 0.3t LED di retro illuminazione”

iPhone 9 LCD, il modello economico avrà un’altra carta da giocare contro i modelli top OLED: oltre ad avere Face ID infatti offrirà uno schermo più grande anche grazie a una notevole riduzione di bordi e cornici resa possibile da nuovi chip 0.3t LED per la retro illuminazione.

Fino a oggi infatti i terminali con schermi LCD hanno impiegato una retro illuminazione con chip 0.4t LED che richiede un bordo inferiore di 4 – 4,5mm, invece con il nuovo chip 0.3t LED è possibile ridurre questo bordo fino a dimezzarlo a solo 2 – 2,5mm.
Come velocizzare il Multitasking su iPhone e iPad

Questa tecnologia alletta i costruttori di terminali perché permette di rendere ancora competitivi gli schermi LCD rispetto ai più costosi OLED che permettono però di realizzare dispositivi praticamente senza cornici o quasi.Come spesso accade per le nuove tecnologie, anche i chip 0.3t LED sono più difficili da costruire rispetto a quelli di generazione precedente 0.4t LED, come segnala DigiTimes. Ma la giapponese Nichia risulta avvantaggiata perché ha già avviato le prime produzioni di prova nella prima metà di quest’anno per soddisfare gli ordinativi dei costruttori cinesi e giapponesi destinati ai propri terminali di punta.
iphone 9 lcd foto confronto tra gli iPhone 2018 mockupPer Apple si prevede che la produzione di prova di iPhone 9 LCD inizierà a luglio, per passare a volumi contenuti in agosto e poi a settembre a pieno regime. Per questa ragione si stima che quasi l’intera capacità produttiva di chip 0.3t LED di Nichia nella seconda metà di quest’anno sarà dedicata a soddisfare la domanda di Cupertino.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag: