Posts tagged ‘Galaxy’

novembre 17, 2017

“Samsung Galaxy S9 sarà anche in versione Mini”

Il Galaxy S9, il prossimo smartphone top di gamma di Samsung atteso l’anno prossimo, potrebbe arrivare non in due, ma in tre versioni. Stando alle indiscrezioni che circolano in rete, un S9 Mini si affiancherebbe ad S9 e S9 Plus.

La versione Mini, presentata da Samsung l’ultima volta nel 2014 con il Galaxy S5, dovrebbe avere un display da 5 pollici senza cornici, come i fratelli maggiori S9 e S9 Plus, che potrebbero integrare un sistema di riconoscimento facciale come iPhone X insieme a un lettore di impronte digitali inserito sotto lo schermo.

I nuovi smartphone, sempre in base ai rumors, dovrebbero essere presentati il 25 febbraio, cioè il giorno prima dell’apertura ufficiale del Mobile World Congress, in programma a Barcellona dal 26 febbraio all’1 marzo.

Questo articolo lo trovate su sito Ansa

Annunci
Tag:
novembre 17, 2017

“Umidigi S2, potente alternativa a Galaxy S8 a soli 163,19 euro”

Da semplice moda si sta trasformando in un vero e proprio standard, almeno per i terminali top di gamma. Stiamo parlando degli smartphone senza cornici, che a partire da Mi Mix hanno letteralmente invaso il palco dei flagship attuali, ancor più dopo Galaxy S8 e il nuovo iPhone X. Per averne uno con frontale tutto schermo non è, però, necessario spendere cifre da capogiro, e bastano 163,19 euro per mettere le mani su Umidigi S2.

Si tratta di un phablet da ben 6 pollici, che nell’aspetto ricorda molto le linee di Galaxy S8 o, volendo, anche quelle dell’ultimo Note 8. Disponibile nella colorazione nera, ma anche nella più originale rossa, il dispositivo è equipaggiato con un processore Helio P20 Octa Core a 2.3GHz, affiancato da 4GB RAM e 64GB di memoria integrata. A livello multimediale monta due fotocamere, rispettivamente da 13 e 5MP, mentre sulla parte anteriore è disponibile una classica camera da 5MP.

Sul fondo presente anche una porta USB C di ultima generazione, mentre il display da ben 6 pollici di diagonale vanta una risoluzione di 720 x 1440. Tra i vari sensori dispone di accelerometro, sensore di luce ambientale, bussola, sensore di gravità, sensore di prossimità, mentre il GPS può contare sull’ausilio di A-GPS e Glonass. Consente di inserire due diverse schede SIM, oppure permette di optare per la soluzione Sim+ scheda MicroSD per espandere la memoria integrata. Al suo interno anche una batteria da ben 5100 mAh, che certamente consentiranno di affrontare la giornata e arrivare a sera senza dover ricaricare il terminale nel corso della giornata.

Per poche ore lo trovate in sconto su GearBest a soli 163,19 euro. Per l’occasione sono proposti in offerta anche altri terminali: ad esempio Umidigi Crystal costa solo 91,21 euro mentre Z1 Pro è scontato a 214,72 euro. Infine Z Pro e Z1 sono rispettivamente offerti a 163,19 euro e 152,88 euro.

Per accedere alla vetrina con gli sconti cliccate qui: vi ricordiamo che le offerte sono però limitate nel tempo e nelle scorte. Per ulteriori informazioni sui costi e tempi di spedizione, eventuali oneri e gestione degli ordini, è possibile consultare il sito del venditore.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
settembre 4, 2017

“Il lancio di Samsung Galaxy S9 già a gennaio 2018?”

A soli 5 mesi dalla presentazione ufficiale emergono le prime voci sul successore sul lancio del Samsung Galaxy S9. Il successo del recentissimo S8, che secondo alcune fonti potrebbe essere un dispositivo modulare e usare una scheda madre simile a quella di iPhone 8, potrebbe essere svelato già il prossimo gennaio, anticipando così le abitudini del passato che hanno sempre visto la presentazione dell’ammiraglia Samsung fra marzo e aprile. Questa possibilità, oltre dal fatto che lo sviluppo del dispositivo a quanto pare è iniziata mesi fa, è dedotta dalle ricerche attuate sui tempi di spedizione dei pannelli: solitamente tra il momento dell’inizio delle spedizione dei pannelli dei display per la produzione di un dispositivo Samsung e la sua effettiva presentazione trascorrono tra i due e i tre mesi. In base alla indiscrezioni, i display per il prossimo Samsung Galaxy S9 inizieranno ad essere spediti il prossimo novembre, suggerendo dunque una presentazione del dispositivi due mesi dopo, a gennaio 2018 al massimo a febbraio. Il motivo per cui Samsung avrebbe deciso di presentare il lancio di Samsung Galaxy S9 così presto, opzione di cui parla The Investor, pare sia la volontà di inserire il modulo a doppia fotocamera sulla nuova versione dello smartphone, lo stesso modulo presente sul Samsung Galaxy Note 8 appena presentato. Samsung è una delle poche “big” a non aver ancora dotato la sua linea smartphone di punta, i Galaxy S, di una doppia fotocamera, e con il lancio anticipato del Samsung Galaxy S9 vorrebbe in qualche modo rimediare quanto prima. Inoltre una presentazione in gennaio nascerebbe anche dall’esigenza di intensificare la sfida nei confronti di Apple, contrastando il prima possibile il rivale principale iPhone 8, che verra presentato a breve. Giocare di anticipo significherebbe però una minor possibilità con differenziazione con l’attuale generazione di Galaxy: la versione 9 dovrebbe di fatto includere lo stesso schermo del Samsung Galaxy S8 e un design molto simile, compreso ad esempio il posizionamento del sensore per le impronte digitali. Oltre alla doppia fotocamera, l’unica differenza significativa potrebbe essere il processore, forse il Qualcomm Snapdragon 845 SoC. Insomma, il prossimo Galaxy S9 potrebbe essere solo un picco “upgrade” rispetto all’attuale modello, una sorta di versione corretta e rivista del Samsung Galaxy S8.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
settembre 3, 2017

“Smartphone modulare, il primo successo sarà Il Samsung Galaxy S9”

Secondo le ultime indiscrezioni il prossimo Samsung Galaxy S9 potrebbe essere il primo smartphone modulare rilasciato da Samsung. La voce giunge dal noto blogger russo Eldar Murtazin, che in passato aveva anticipato molte novità del settore con una buona percentuale di affidabilità. Murtazin è molto sintetico : afferma che le componenti del Galaxy S9 sarà implementata nello stesso modo in cui è stata integrata per Essential Phone e per i dispositivi di Motorola, ovvero attraverso alcuni pin magnetici posizionati sul retro del dispositivo. Oltre a questo dettaglio non è dato sapere altro, come ad esempio quali saranno i moduli disponibili e le funzionalità aggiuntive cui Samsung sta puntando. Fino ad oggi i tentativi principali di realizzare uno smartphone componibile hanno avuto esiti fra il disastroso e l’insignificante: Project Ara di Google è morto ancora prima di nascere; LG ha fatto un buco nell’acqua con il suo G5. Motorola ed Essential hanno scelto una strada differente, relegando la modularità ai soli add-on aggiuntivi e non alle componenti base del telefono, ma senza fare alcuna  differenza rispetto ad un cellulare tradizionale. Samsung ha però altri mezzi e un altro impatto sul marketing e potrebbe riuscire a scuotere il mercato e lanciare un trend che sembra essere sempre nei sogni senza però essere stato mai in grado di decollare realmente.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 22, 2017

“Bixby Voice non è più muto, da oggi parla in 200 paesi ma non capisce”

Oggi Bixby Voice arriva in complessivamente 200 nazioni: si tratta delle funzionalità vocali dell’assistente di Samsung arrivato inizialmente “muto” per i soli Galaxy S8 e S8+. Del presunto lancio internazionale se ne parla da qualche settimana, ma nelle ore immediatamente precedenti il rilascio effettivo, il costruttore ne aveva dato anticipazione e conferma tramite un tweet. Il rilascio su scala mondiale di oggi 22 agosto, arriva così appena un giorno prima dalla presentazione del Galaxy Note 8 che quasi certamente lo integrerà come impostazione predefinita. Per tutti gli utenti dei terminali Galaxy S8 dovrebbe esserci perciò un aggiornamento software disponibile proprio in queste ore, ma è probabile che molti non si daranno la pena di scaricarlo, questo a causa delle limitazioni relative alle lingue supportate. Infatti pur trattandosi di un lancio annunciato a livello mondiale, in realtà Bixby Voice è in grado di parlare e comprendere solo l’Inglese e il Coreano. Samsung precisa che ci sono limitazioni anche per quanto riguarda diverse pronunce e soprattutto per i dialetti. L’assistente vocale della multinazionale di Seul si distingue da quelli esistenti e più diffusi anche nelle funzioni: i comandi vocali permettono all’utente di eseguire funzioni semplici e anche complesse, che richiedono l’uso di più app per essere completate. Quando una app, anche di terze parti, supporta Bixby è possibile gestirne tutte le funzioni con la voce. Per chi mastica Inglese o Coreano è possibile sperimentare con Bixby, pazientando nel caso in cui l’assistente non comprenda subito benissimo alcune parole o richieste: la comprensione infatti migliora grazie all’apprendimento automatico con tecnologia machine learning, risultando sempre più precisa all’aumentare dei tentativi, così almeno precisa il costruttore. Naturalmente Samsung continuerà a migliorare ed estendere BixBy voice per arrivare in altri paesi, supportare più lingue, funzioni e dispositivi. Sarà interessante poter confrontare Bixby Voice con Siri e Google Now non appena sarà disponibile anche nella nostra lingua ma finora sono davvero poche le tracce dell’arrivo dell’Italiano.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 24, 2017

“Meglio grande che piccolo: Galaxy S8+ venderà più di Galaxy S8”

Secondo gli analisti, come riferisce zdnet, Galaxy S8+ batterà il fratello più piccolo in termini di vendite. E’ questo il dato che emerge da uno studio di settore condotto da una società di intermediazione mobiliare coreana. In una nota ai clienti, l’analista di Yuanta Securities Korea, Lee Jae-Yun, scommette sul fatto che il terminale con schermo da 6,2 pollici venderà 27,19 milioni di unità, pari al 53,9 per cento delle spedizioni globali totali, stimate in 50,41 milioni entro l’anno. E così, stando a queste stime, ad avere la peggio tra i due terminali dovrebbe essere il modello di Galaxy S8 da 5,8 pollici, mentre il più popolare, a voler essere ancor più precisi, sarà il modello S8+ da 128 GB di memoria integrata. Le consegne su tale variante, almeno durante i pre ordini in Sud Corea, hanno infatti causato un vero e proprio collo di bottiglia, facendo allungare i tempi di consegna. Un po’ la storia che si ripete, considerando che già due anni fa Samsung attraversò una difficoltà simile per via del gran numero di ordini per la serie S6 Edge. Ad ogni modo, la società ha raddoppiato lo stock iniziale di S8, rispetto alla precedente ammiraglia S7, così da evitare problemi di approvvigionamento durante la prima fase di rilascio. Non deve stupire la tendenza del pubblico a preferire terminali più grossi; tale scelta si era già palesata con iPhone, precisamente con gli ultimi modelli di iPhone 7, quando per la prima volta, la versione Plus più grande, da 5,5 pollici, è riuscita a battere il fratello più piccolo da 4,7 pollici. Tale orientamento da parte degli utenti potrebbe sorridere anche ad Apple nell’imminente futuro, considerando che per iPhone 8 si ritiene Apple possa adottare un display molto ampio, tanto da coprire tutto il frontale, con una diagonale da ben 5,8 pollici.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
marzo 28, 2017

“Il Galaxy Note 7 da qualche parte nel mondo tornerà come dispositivo ricondizionato”

In vista del lancio del Samsung Galaxy S8, l’azienda ha rilasciato una dichiarazione per quanto riguarda i piani per riciclare i Galaxy Note 7 che con le loro esplosioni hanno dato tanti grattacapi all’azienda. Il processo consterà di tre parti: salvare le componenti recuperabili, quali moduli della fotocamera e i semiconduttori, estrarre parti metalliche con l’aiuto di società terze “eco-friendly”, e vendere dispositivi ricondizionati qualora possibile. Samsung ha confermato che lavorerà con le autorità locali per vendere i Galaxy Note 7 come dispositivi ricondizionati: la nuova incarnazione del phablet sarà dotato di una batteria più piccola per evitare il surriscaldamento e la combustione. Per il momento Samsung non ha ancora definito in quali mercati saranno disponibili i Galaxy Note 7 ricondizionati, l’azienda sta ancora contrattando con le autorità locali di alcuni Paesi. “L’obiettivo del voler introdurre dispositivi ricondizionati è unicamente quello di ridurre e minimizzare l’impatto ambientale” ha dichiarato Samsung in un comunicato. Inoltre il dispositivo potrebbe avere anche un nuovo nome e non chiamarsi più Galaxy Note 7: “I dettagli del prodotto, tra cui nome, specifiche tecniche e fascia di prezzo saranno annunciati quando il dispositivo sarà disponibile”. Il piano di riciclaggio di Samsung è stato presentato dopo che i manifestanti di Greenpeace hanno interrotto il keynote di Samsung del Mobile World Congress del mese scorso, chiedendo di sapere ciò che l’azienda farà con i 4,3 milioni di dispositivi richiamati. Un’iniziativa che Greenpeace pare avere apprezzato: “L’annuncio di Samsung è il primo passo per dimostrare il suo impegno per impostare un nuovo percorso per il riciclaggio degli smartphone, a partire dal Galaxy Note 7” ha scritto Greenpeace in un post sul blog. “Greenpeace farà in modo che Samsung prenda in considerazione la voce di milioni di nostri sostenitori e che voglia rispettare il suo impegno.”

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
febbraio 21, 2017

“Niente sprechi, Samsung vuole vendere i Galaxy Note 7 ricondizionati”

Che fine faranno i Galaxy Note 7 inesplosi ancora stipati nei magazzini? Si potrebbe pensare che verranno smontati pezzo dopo pezzo per recuperare i componenti sicuri e riutilizzarli per il futuro modello, ma in realtà le cose andranno diversamente. Secondo quanto riporta HankYung, Samsung li starebbe in realtà modificando per poi rimetterli in vendita. Compreso il problema, la multinazionale di Seul avrebbe infatti deciso di sostituire la pericolosa batteria con una di dimensioni minori parallelamente ad una minore capacità, di circa 3.000–3.200 mAh contro i 3.500 mAh del modello originale. Corredati da un nuovo guscio, i telefoni saranno così a prova di esplosione. Difficilmente il Galaxy Note 7 ricondizionato sarà proposto nei mercati di Stati Uniti ed Europa, dove in seguito del primo richiamo vige il divieto di commercializzazione, ma potrebbe piuttosto trovare spazio in India e Vietnam. D’altronde ne avanzano ancora 2,5 milioni di unità esclusi i 20.000 pezzi, numero più numero meno, utilizzati per eseguire i test necessari a scovare il problema. Ricordiamo che per il momento non ci sono ancora annunci ufficiali da parte di Samsung: il piano di commercializzare i Galaxy Note 7 ricondizionati trapela dalle indiscrezioni, così occorre attendere ulteriori notizie prima di sapere con certezza il destino finale di questi dispositivi.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
febbraio 2, 2017

“Samsung Galaxy S8 sarà al MWC 2017 ma solo per 60 secondi”

Negli ultimi anni Sansung ha sempre scelto il MWC come palcoscenico per presentare il proprio smartphone top di gamma; per questo ha stupito invece la notizia che Galaxy S8 non sarà presente al prossimo MWC 2017. Arriva oggi una parziale smentita, o conferma, se preferite: il prossimo smartphone di bandiera della società sud coreana sarà mostrato alla fiera di Barcellona, anche se non sarà fisicamente presente tra gli stand. In termini più semplici e diretti: Galaxy S8 sarà mostrato in un video teaser di 60 secondi, proiettato durante la kermesse spagnola, la fiera più importante al mondo per il settore mobile e della telefonia. L’indiscrezione arriva dal sempre affidabile sammobile, pronto a scommettere che al Mobile World Congress 2017 Samsung è pronta a dare un piccolo assaggio del terminale, mostrando un breve video di un minuto. Non è chiaro ciò che l’azienda svelerà del terminale, ed è quasi certo che Galaxy S8 non sarà mostrato per intero. E’ facile aspettarsi quanto meno la sagoma del terminale, un po’ come accade nella locandina teaser del Tab S3, che Samsung invece porterà fisicamente a Barcellona. Anche le caratteristiche tecniche resteranno quasi certamente un mistero, ma c’è da sperare che quantomeno il video mostri, almeno in parte, il design del dispositivo. Ed allora, occhi puntati al prossimo MWC, che prenderà il via il prossimo 26 febbraio. La redazione di Macitynet sarà presente in fiera con i propri inviati, pronti a fornirvi informazioni in tempo reale su tutte le principali novità presentate. Per chi, invece, volesse credere alle foto e ai render disponibili in rete, a questo indirizzo il probabile volto di Galaxy s8.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
settembre 21, 2015

“Samsung segnalato per essere la pianificazione di un programma di finanziamento per gli smartphone Galaxy”

Samsung sta lavorando su un programma di finanziamento degli Stati Uniti per i suoi smartphone Galaxy, che dovrebbe consentire agli acquirenti di pagare per loro nell’arco di 1-2 anni su un piano di rata mensile, riporta Forbes. La mossa arriva poco dopo Apple ha lanciato il suo proprio piano, chiamato iPhone Upgrade Program.

Samsung potrebbe essere lanciato questo programma di leasing nei prossimi mesi, anche se quella linea temporale potrebbe accelerare, ha detto il dirigente.

Vettori sono stati allontanando dai cosiddetti contratti agevolati, dove il costo di un nuovo smartphone è nascosto nel canone mensile piano di servizio e il costo di un nuovo dispositivo che sembrava essere qualsiasi cosa, da gratuito a $ 200. Con i veri costi di acquisto ora molto più visibile, i produttori hanno un forte incentivo a offrire un finanziamento attraente per incoraggiare gli aggiornamenti regolari …

Anche se i termini non sono noti, è probabile che Samsung adotterà un approccio simile a quello di Apple, dove si paga il costo del telefono nel corso di due anni, ma possibile effettuare l’aggiornamento a un nuovo modello ogni anno. Piani di Apple partono da $ 32 / mese.

Offerte di finanziamento sono già disponibili attraverso vettori, ma un produttore serrature schema acquista in se stessa i prodotti stessi. Samsung sta lottando per competere con Apple e dispositivi Android cinesi, la sua attività di smartphone visto un calo del 37,5% dei proventi operativi netti in Q2 e riferito licenziare il 10% della sua forza lavoro.

Questo articolo lo trovate su sito 9to5Mac

Tag: