giugno 23, 2017

“Fabio Andolfi, bilancio stagionale in vista della Polonia”

Ciao Fabio, partiamo tracciando un bilancio della tua avventura al Rally Italia Sardegna 2017: sei passato da un ottimo terzo posto nel WRC 2 (e quattordicesimo nella classifica assoluta) dopo le prime quattro prove speciali allo sfortunato ritiro nella quinta di Terranova 2 dopo essere uscito fuori strada. Ti ritieni più deluso o fiducioso per i progressi futuri? E su cosa, secondo te, c’è ancora da lavorare in vista del Rally di Polonia? Sono rimasto deluso perchè volevo portare a termine la gara. Speriamo di poter migliorare le cose facendo più chilometri possibili con i test. A che punto è il feeling con la Hyundai i20 R5, alla luce anche delle modifiche apportate dopo lo sfortunato rally del Portogallo? Il feeling con la Hyundai i20 R5 è molto buono, abbiamo migliorato molto con le modifiche fatte durante il Rally del Portogallo. Il Rally Italia Sardegna 2017 non ha smentito la propria fama di appuntamento difficile ed imprevedibile: la vittoria di Tanak, primo centro di prestigio per lui nel WRC, ha sorpreso voi piloti? Vincere una gara di WRC deve essere appagante, sono molto contento per Tanak, se lo merita. A tal proposito, la tappa italiana del campionato WRC è ormai di casa in Sardegna, dopo lo spostamento nel 2004 dalla tua Liguria. Saresti favorevole ad un ritorno nella tua Regione oppure pensi che, al di là delle questioni locali, la tappa italiana del rally abbia ormai una sua identità nell’isola dei quattro mori? Sarebbe bello se il Rally D’Italia lo facessero di nuovo in Liguria e Toscana come anni fa, ma non credo sia una cosa semplice. Una leggenda del rally quale è Jean Ragnotti si è detto molto critico sull’evoluzione moderna di questa disciplina del motorsport: si consuma tutto troppo in fretta, ha dichiarato in una intervista, le ricognizioni durano solo due-tre giorni anziché una settimana come un tempo, i campionati del WRC sono troppo concentrati sulla visibilità mediatica delle città ospitanti e ha puntato il dito su questioni di sicurezza come lo stesso treno di pneumatici per due speciali. Da pilota della nuova generazione, cosa ne pensi di queste dichiarazioni? Non posso esprimere pensieri al riguardo, perchè non ho vissuto negli anni dei “Big”, però non sarebbe male provare come facevano una volta. Per me è il terzo anno consecutivo che partecipo al WRC, passando da R2 a R5, e di sicuro un passaggio in più nelle ricognizioni delle Prove Speciali non sarebbe male! Sempre Ragnotti ha dichiarato di non essere un fanatico della velocità ad ogni costo. Come definiresti il tuo stile di guida? Furioso, spettacolare, cercando sempre di dare spettacolo per i miei tifosi che mi seguono a ogni gara e sul web. Quale sarà adesso l’obiettivo sul quale puntate in occasione del prossimo appuntamento iridato? In vista del Rally di Polonia, il nostro obiettivo sarà quello di fare i test con la i20, magari migliorando ancora qualcosa, segnare buoni tempi e soprattutto divertirci!

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo

Tag:
giugno 23, 2017

“OnePlus 5, fino a 20$ di sconto su GeekBuying per pre-ordinarlo online”

OnePlus 5 è certamente il dispositivo più chiacchierato del momento: per chi ha intenzione di acquistarlo, GeekBuying mette a disposizione l’opportunità di ottenere fino a 20 dollari di sconto per potersi accaparrare il nuovo smartphone dell’azienda cinese. Per tentare la fortuna basta collegarsi a questa pagina di GeekBuying ed accedere all’offerta lancio del OnePlus 5: gli utenti dovranno semplicemente iscriversi via email per partecipare all’iscrizione di 600 coupon, 300 da 5 dollari, 200 da 10 dollari e 100 coupon da 20 dollari, che potranno essere utilizzati per ordinare il OnePlus 5 dal sito e-commerce. I coupon saranno inviati via email ai vincitori che avranno 48 ore di tempo per perfezionare l’acquisto dello smartphone. Inoltre i coupon potranno essere utilizzati solo una volta, un solo coupon per ordine. Le vendite ufficiali del OnePlus 5 sul sito ufficiale dell’azienda inizieranno solamente a partire dal 27 giugno, quindi partecipando al concorso di GeekBuying si avrà la possibilità di poter ordinare in anticipo il dispositivo e di ottenere uno sconto interessante sui primi esemplari disponibili. Ricordiamo che OnePlus 5 è l’ultimo smartphone presentato dalla società cinese: oltre a rassomigliare ad iPhone 7 Plus, il dispositivo include anche una doppia fotocamera, display da 5.5 Full HD Optic AMOLED, un potente processore Qualcomm Snapdragon 835, memoria da 6 GB o 8 GB of RAM, storage da 64 GB o 128 GB, batteria da 3.300 mAh, Android 7.1.1 Nougat con OxygenOS, connettività Bluetooth 5.0, NFC, USB 2.0 Type-C, Dash Charge e sensore delle impronte digitali. Per partecipare al concorso di GeekBuying è sufficiente collegarsi a questa pagina dedicata.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 22, 2017

“Su Apple Store gli iPad ricondizionati partono da 239 euro, iPad Pro 9,7 da 529 euro”

Il recente rinnovo della gamma iPad si traduce in prezzi più bassi per gli iPad ricondizionati su Apple Store online: gli iPad ricondizionati partono da 239 euro per i modelli più piccoli e datati, ma ci sono sconti interessanti anche per chi cerca un iPad Pro di prima generazione. Al prezzo di partenza di 239 euro sono proposti diversi iPad mini 2 Wi-Fi da 16 GB, modello compatto che risale al 2013 che può tornare utile come tablet di backup e per compiti basilari, come navigazione web, gestione posta elettronica, visualizzazione foto e video e così via. Salendo di prezzo troviamo anche iPad mini 4 a partire da 339 euro, iPad Air 2 da 349 euro a salire, con diverse capacità di storage e connettività cellulare. Come anticipato troviamo  in sconto anche gli iPad Pro ricondizionati di prima generazione: si parte con iPad Pro 9,7” 32GB Wi-Fi da 529 euro disponibile in tutte le colorazioni: oro, grigio siderale, argento e anche oro rosa. Il modello iPad Pro 9,7” 128 GB costa invece 599 euro, mentre la versione cellular da 32GB costa 649 euro. Nei ricondizionati Apple diventa più abbordabile anche iPad Pro 12,9” di prima generazione: il modello da 32 GB Wi-Fi costa 669 euro, perfetto per chi vuole sperimentare con un tablet dal grande schermo per disegno, progettazione e in generale per la produttività. Per chi desidera anche la connettività cellulare è proposto iPad Pro 12,9″ da 128 GB cellular a 729 euro. Tutti gli iPad ricondizionati Apple, disponibili a partire da questa pagina, sono in perfetto stato di funzionamento e sono forniti con un anno di garanzia Apple: chi desidera estendere la copertura può acquistare separatamente AppleCare.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 22, 2017

“Nuovo iMac 27, la Radeon Pro serie 500 più veloce fino all’80%”

MacRumors ha pubblicato i risultati di alcuni benchmark eseguiti sugli iMac 27″ di ultima generazione con i nuovi processori Kaby Lake e la nuova scheda Radeon Pro serie 500. Già in precedenza erano stati pubblicati risultati di prove che tengono conto del solo processore dimostrando che nei test multi-core, rispetto all’all-in-one dello scorso anno, l’ultimo iMac 27″ è in grado di offrire performance con migliorie medie del 15%. Nei test con l’applicazione Geekbench la configurazione con processore Intel Core i5 quad-core a 3,8GHz si ottiene un punteggio medio di 14.886, rispetto ai 12.953 che è possibile ottenere con l’all-in-one del 2015. John Poole, sviluppatore di Primate Labs (la software house che ha creato Geekbench) evidenzia che nei test che riguardano la GPU il nuovo iMac da 27″ offre migliorie fino all’80% rispetto al modello del 2015. Una nuova batteria di test creata da Geekbech specificatamente per la GPU tiene conto non solo del rendering ma anche di altre funzionalità legate all’elaborazione delle immagini, alla computer vision a simulazioni fisiche. Poole evidenzia che le funzionalità legate ai chip grafici diventano sempre più importanti con sempre più applicazioni come Photoshop e altre in grado di delegare alcuni compiti alla GPU. L’iMac più potente che è possibile configurare sul sito Apple è la variante con Intel Core i7 quad-core a 4,2GHz (che con il Turbo Boost arriva fino a 4,5GHz), macchina che nei test single-core risulta essere al momento il Mac più veloce. Il Mac Pro 2013 rimane il più veloce nei test che sfruttano funzionalità multi-core. Tutto cambierà a dicembre con l’arrivo dell’iMac Pro che sarà disponibile con Dsplay Retina 5K da 27″, processori Xeon fino a 18-core, nuova GPU Radeon Pro Vega: un “mostro” in termini di prestazioni e già battezzato da Apple “il più potente iMac creato finora”.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 21, 2017

“Febbre da iPhone 8, Olixar ha già pronte 9 cover in preordine online”

Alcuni costruttori sono disposti a tutto per arrivare primi sul mercato con cover e accessori per i nuovi modelli di iPhone non ancora annunciati, come ha fatto Olixar con le primissime cover iPhone 8 già disponibili per i preordini online. Si tratta di una linea completa composta da 9 modelli che partono da ExoShield, una tradizionale cover sottile e trasparente proposta a 11,49 euro, fino ai modelli top X-Trio Full Cover iPhone 8 che include una cover completa colorata (disponibile in rosso, nero e anche oro rosa) abbinata a una protezione in vetro temperato per lo schermo proposto a 28,49 euro. Le cover iPhone 8 e la protezione per il display di Olixar rispondono al design tutto schermo che circola praticamente in tutte le anticipazioni, con bordi e cornici sottilissimi nella parte frontale e la doppia fotocamera in verticale sul retro, con al centro il flash. Nel lato frontale in alto il bordo risulta leggermente più spesso al centro per ospitare la fotocamera frontale, che forse sarà anche questa doppia, più speaker e sensori vari. Come è facile intuire allo stato attuale delle cose si tratta di una scommessa: anche se le cover iPhone 8 di Olixar sono state realizzate a partire dalle informazioni circolanti sul prossimo iPhone, non vi è la certezza che si adatteranno alla perfezione al terminale quando Apple lo introdurrà questo autunno. Per questa ragione preordini e acquisti avvengono anche a rischio e pericolo degli utenti.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 21, 2017

“OnePlus 5, svelato il clone Android di iPhone 7 Plus”

Come atteso, OnePlus ha svelato in un evento ufficiale il suo ultimo dispositivo, il nuovo OnePlus 5, dispositivo Android che mette in mostra la tipica filosofia dell’azienda: offrire uno smartphone dalle caratteristiche “premium” a un prezzo “medium”. Purtroppo questa volta l’azienda sembra aver deciso di abbracciare la tendenza di altri brand cinesi nel trarre “ispirazione” dai dispositivi di maggior successo: invece di proporre un design per quanto possibile originale e distintivo, la società ha optato per una scoppiazzatura dell’ultimo iPhone 7 Plus. OnePlus 5 riprende infatti le linee, le curvature e le proporzioni del dispositivo di Apple, spingendosi fino a ricalcare la configurazione della doppia fotocamera presente sul retro, anch’essa mutuata completamente dallo smartphone di Apple. Proprio la doppia fotocamera (20MP f/2.6 + 16MP f/1.7) avrebbe dovuto essere il punto distintivo dello smartphone, ma – secondo i primi giudizi in rete – in questo caso i risultati fotografici sono deludenti, definiti addirittura “un fallimento” dalla recensione di The Verge. Tecnologicamente parlando, invece, OnePlus 5 non smentisce le attese, equipaggiandosi con un display da 5.5 Full HD Optic AMOLED, un potente processore Qualcomm Snapdragon 835, memoria da 6 GB o 8 GB of RAM, storage da 64 GB o 128 GB, batteria da 3.300 mAh, Android 7.1.1 Nougat con OxygenOS, connettività Bluetooth 5.0, NFC, USB 2.0 Type-C, Dash Charge e sensore delle impronte digitali. Altra nota dolente è forse il prezzo, questa volta rivisto verso l’alto: il modello base con 6 GB di RAM e 64 GB di ROM costerà sostanzialmente 500 euro; sì, si tratta sempre di circa la metà rispetto a un iPhone 7 Plus o di un Samsung Galaxy S8+, ma il piccolo balzello nel prezzo, unito alla poca originalità del design e alle promesse fotografiche non mantenute potrebbero far rimpiangere il precedente OnePlus 3T.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 20, 2017

“Silvia, Andrea, l’amore e la lotta per i diritti” 

Silvia Parenti è un Operatore Socia Sanitario. Andrea Campana è costretto a vivere in carrozzina da quando ha subito un incidente stradale. Si incontrano, si innamorano, convivono e poi si sposano. Raccontata così sembra una storia semplice e senza ostacoli, in realtà le barriere sono molte fra queste le difficoltà economiche, infatti l’unica loro entrata è data dalla pensione di invalidità di Andrea e dall’assegno di accompagnamento, perché lei per accudire il marito 24 ore su 24, non può lavorare. Con la sola pensione di invalidità non riescono a coprire tutte le spese tra cui l’affitto e il mantenere i due figli avuti da Silvia nella precedente relazione. Andrea da tempo sta provando ad ottenere il sussidio dal “Progetto vita indipendente”, indetto dal Ministero del lavoro, che riconosce tramite bandi regionali, un fondo alle persone con disabilità per poter pagare una persona per l’assistenza a domicilio, anche individuata tra i propri familiari,ma il bando è bloccato da molto tempo. La coppia chiede aiuto da due anni per ottenere il “Progetto vita indipendente” per Andrea e vivere finalmente con una famiglia qualsiasi. “Chiediamo questo diritto per noi ma anche per tutte le famiglie che si trovano nella nostra situazione. La Regione Emilia Romagna – dichiara Silvia sulle pagine de Il Ponte – utilizza i fondi dello stato per l’assegno di cura di cui anche noi disponiamo, ma copre appena un’ora e mezza di assistenza al giorno contro le 8/10 che di servirebbero”. Vi salutiamo con una poesia uscita sulla pagina Facebook di Silvia. Io e te??? Bipede e Carrozato! Bilancia e Gemelli! Donna e Uomo! Sono le cose che ci distinguono…ma c’è qualcosa di più…un collante, un unione indissolubile… Due cuori e un’anima sola… Una lotta perché meritiamo entrambi dignità: Io e miei studi, tu e le tue priorità! La nostra voglia di passeggiate insieme, in un terreno troppo disconnesso…tu che vai in strada poiché la ciclabile sembra un campo arato ed io che in bici sono un disastro! La nostra voglia di mare…ma anche quello non è semplicissimo! Il nostro trovarsi a casa per una riunione familiare, con due bambini a volte ci vuole… Il nostro mettersi a quattr’occhi per i conti che non tornano mai… Le liti e poi l’amore… Perché non siamo degni di avere gli stessi diritti delle “famiglie normali” ? ? ? Intanto ieri pranzo domenicale in parenti, visita alla nonna e serata film…come qualsiasi famiglia… Abbiamo dei diritti anche noi… Diritto di vivere e non sopravvivere Diritto di avere una casa Diritto di costruire un futuro per i nostri bambini Diritto di sentirci tutelati Diritto di sentirci aiutati Diritto di avere ancora la voglia e la forza di credere nel nostro Paese…. Stanchi tantissimo ma sempre aguerriti…buonissima serata a tutti! 🌷 🌺 🌼 🌻 🌹 🌸 🍀

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag:
giugno 20, 2017

“Gonzo e Bancher al 34° Rally della Marca Trevigiana”

Francesco Gonzo pronto per la terza gara del CIWRC, mentre Pierleonardo Bancher testerà la vettura in vista del San Martino di Castrozza. Al via il prossimo week-end la 34° edizione del Rally della Marca Trevigiana. Impegnato nel terzo round del CIWRC, l’equipaggio del Progetto Giovani di Pintarally Motorsport, Francesco Gonzo – Silvia Pintarelli, sarà al via su Renault Clio RS 2000 N3 della Michael Racing: dopo il terzo posto conquistato all’Elba e il recente amaro ritiro al 1000 Miglia, il pilota della Pintarally si presenterà battagliero in terra trevigiana. Pierleonardo Bancher inaugura la stagione agonistica 2017 iniziando dal Marca Trevigiana: “gara test” per lui in coppia con Giandomenico Longo su Ford Fiesta WRC della Delta Rally, in vista del Rally di San Martino di Castrozza, nel quale, su stessa vettura, sarà navigato da Alessandro Gaio. Si comincia venerdì 23 Giugno con le verifiche tecnico/sportive a Valdobbiadene, mentre la partenza è fissata per le ore 20.31 da Piazza Marconi. Alle ore 20.51 del venerdì verrà dato il via alla prima prova, Zadraring di 2,40 Km. Si entra nel vivo della gara nella giornata di sabato 24 Giugno con le prove Monte Cesen (21,52 Km) e Monte Tomba (12,08 Km ) da percorrere entrambe tre volte. Segue la ps Castelli (11,22 Km) da ripetere due volte per un totale di 125 Km di gara. Arrivo e premiazione fissati dalle ore 18.45 presso Piazza Marconi a Valdobbiadene.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it

Tag:
giugno 20, 2017

“Apple lavora con Health Gorilla per creare su iPhone la cartella clinica digitale universale”

Apple sta collaborando con Health Gorilla, start-up specializzata nell’aggregazione di informazioni mediche, a un progetto segreto che permetterà di trasformare iPhone in hub personale per tutto ciò che riguarda la documentazione sanitaria. Lo riferisce CNBC spiegando che le due aziende stanno lavorando per integrare in iPhone dati come ad esempio quelli relativi a esami del sangue, radiografie e altri esami, integrando dettagli in collaborazione con ospedali, centri di radiologia medica, laboratori di analisi. I primi dettagli del piano segreto di Apple per la cartella clinica digitale universale sono emersi negli scorsi giorni. Da quanto si apprende sul sito di Health Gorilla, questa startup consente di gestire in sicurezza dati clinici aggregando dati sanitari da una vasta gamma di operatori, offrendo a medici e ospedali accesso al quadro generale della salute del paziente. Benché il servizio sia pensato per i fornitori di prestazioni sanitarie, è utilizzabile anche dai pazienti per ottenere “in dieci minuti” copia delle cartelle cliniche. La startup ha racimolato poco meno di 5 milioni di dollari in finanziamenti e si è specializzata nel fornire ai medici “un quadro completo della storia clinica del paziente”. Il CEO Steve Yaskin ha fondato questa azienda dopo aver sentito un amico medico frustrato dai procedimenti per trasferire i dati degli esami diagnostici nella sua attività. Probabilmente l’idea di Apple è risolvere un problema che da anni riguarda il settore, semplificando e standardizzando le procedure per ottenere cartelle cliniche digitali. Gli ospedali spesso devono lottare per accedere a dati essenziali sui pazienti, sparpagliati tra laboratori di terze parti, strutture di assistenza e specialisti vari, una carenza di informazioni e dati che spesso porta a non avere a disposizione elementi di diagnosi ed è anche causa di errori medici. Apple avrebbe intenzione di risolvere questo problema di “interoperabilità” mettendo il paziente al centro dell’assistenza sanitaria. L’obiettivo è fornire agli utenti iPhone strumenti per rivedere, memorizzare e condividere informazioni mediche come ad esempio risultati di analisi, liste di allergie e così via. È una variazione della strategia di Apple che già con l’app Salute permette di monitorare attività, sonno e alimentazione ma anche pressione arteriosa, glicemia, peso e così via. Apple lavora già con alcune strutture mettendo a disposizione app e dispositivi iOS che rendono gli ospedali più efficienti: le cartelle cliniche e i dati sanitari sono sempre a portata di mano, gli infermieri possono somministrare i farmaci con maggiore precisione, e i pazienti sono sempre informati e coinvolti nel processo di cura, grazie alla migliore comunicazione con tutto lo staff medico. App per iOS permettono ai pazienti di tenersi in contatto con i medici curanti anche da casa, tra una visita ambulatoriale e l’altra. Per aiutarli a monitorare le proprie condizioni di salute, le strutture sanitarie possono sfruttare le app già disponibili o svilupparne di nuove usando CareKit.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
giugno 19, 2017

“Somfy: una telecamera di sicurezza per fare Smart Home”

Aveva debuttato al CES 2017, ora è arrivata anche sul mercato italiano Somfy One, una videocamera di sicurezza smart con cui l’azienda francese debutta ufficialmente nel mercato delle soluzioni “fai da te” per la Smart Home, mentre nell’automazione tradizionale domotica è presente ormai da decenni. In realtà il debutto è duplice, perché One è una linea che comprende il modello base e One+, con caratteristiche più evolute, in parte frutto dell’acquisizione di MyFox avvenuta sul finire dello scorso anno. Somfy One è un prodotto pensato come una unità integrata che unsice la parte videocamera con una centralina di allarme e una sirena, tutto in un unico prodotto di installazione molto semplice e collegato alla rete WiFi di casa. Lato hardware Somfy One integra videocamera Full HD con angolo di ripresa di 130 gradi e zoom 8X, altoparlante, microfono, rilevatore di movimento configurabile, sirena da interni. L’ottica della videocamera viene chiusa da uno sportellino quando l’allarme non è attivo, un dettaglio che dovrebbe rassicurare chi teme possibili violazioni della privacy. I video ripresi dalla telecamera sono salvati in cloud e possono essere consultati da remoto. L’app di gestione è infatti una “finestra” su tutte le funzioni di Somfy One e prevede anche la possibilità di gestire più utenti e profili con privilegi di controllo differenti. Inoltre – e qui sta un punto di forza di One e One+ – l’unità è compatibile con tutti i componenti dei sistemi di allarme e controllo Somfy. Prezzi: Somfy One costa 249 euro e la troveremo online e in alcuni punti vendita della grande distribuzione, mentre la versione One+ costa 399 euro e sarà veicolata dalla rete degli installatori Somfy. Il prezzo più elevato deriva dal fatto che One+ integra una scheda SD e una batteria interna, per operare e salvare video anche senza alimentazione di corrente, ed è corredata da un rilevatore di apertura per porte e finestre e un telecomando per attivare e disattivare l’allarme senza usare l’app.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag: