Posts tagged ‘Amazon’

ottobre 2, 2018

“Amazon Innovation Award, è caccia a idee”

E’ aperta la caccia alle idee per l’Amazon Innovation Award, il premio istituito dal colosso statunitense dell’e-commerce per stimolare gli studenti universitari a formulare progetti innovativi mirati a ottimizzare la consegna dei prodotti acquistati online. Saranno più di 200 i partecipanti solo al Politecnico di Milano, il primo ateneo a dar vita al contest tre anni fa, pronto anche quest’anno a contendersi la leadership con il Politecnico di Torino e l’Università di Roma Tor Vergata. In palio, un viaggio premio a Seattle che include la visita ad alcuni dei più innovativi centri di distribuzione di Amazon.
“Ogni anno l’azienda ci chiede di trovare soluzioni innovative per raggiungere obiettivi sfidanti, per esempio introdurre più automazione nelle attività di magazzino a supporto del lavoro del personale, oppure ottimizzare la logistica dell’ultimo miglio per ridurre i costi e aumentare l’efficienza delle consegne dei prodotti ai clienti finali”, spiega Riccardo Mangiaracina, del Politecnico di Milano. “Il valore aggiunto di questo concorso sta nel fatto che gli studenti hanno la possibilità di cimentarsi con i problemi reali e concreti di un’azienda, a cui devono proporre una soluzione innovativa che ancora non esiste e che devono elaborare sfruttando la loro creatività”. L’Amazon Innovation Award “è nato tre anni fa al Politecnico di Milano nell’ambito del corso di logistics management della laurea specialistica in ingegneria gestionale – precisa Mangiaracina – e ogni anno riscuote grande successo. Vi partecipano oltre 200 studenti dei circa 300 iscritti al corso: per il 20% sono studenti stranieri”.

Questo articolo lo trovate su sito Ansa

Tag:
ottobre 2, 2018

“Videocamere Netatmo: arriva la compatibilità Apple HomeKit anche per welcome”

Netatmo aveva promesso in arrivo entro la fine del 2017 la compatibilità HomeKit per la videocamera di sicurezza esterna Presence di cui abbiamo parlato approfonditamente qui, e anche per la videocamera con riconoscimento del volto per la sicurezza domestica Welcome di cui trovate la recensione in questo articolo.

Mentre per la prima la compatibilità è arrivata a maggio 2018, per Welcome gli utenti cominciavano ad avere dei dubbi sull’effettivo arrivo.

Videocamere Netatmo: la compatibilità con Apple HomeKit è rimandata al 2018
Il software di Netatmo per la gestione di Presence e Welcome. Ora potrete vedere entrambe su “Casa”

Dopo l’annuncio dell’arrivo posticipato al 2018 ecco che finalmente alcuni possessori di Welcome hanno annunciato nelle ultime ore su Reddit che le proprie telecamere sono in fase di aggiornamento con un Firmware Update che permette alle stesse di essere presenti con la propria inquadratura nelle finestre dell’applicazione “Casa” su iOS, Mac e Apple Watch e di utilizzare il sensore di presenza come “interruttore” per scene e automazioni.

videocamere apple homekit - foto videocamere Netatmo
Netatmo Presence

Nell’app di gestione Netatmo sono state già integrate le funzionalità utilizzate da Presence, ma è necessario attendere il nuovo firmware dedicato per completare la compatibilità di Welcome  con la piattaforma smart home di Cupertino.

Quando l’aggiornamento automatico del firmware sarà disponibile, anche la videocamera di sicurezza per interni Welcome di Netatmo, incluse quelle già vendute e in possesso degli utenti, saranno compatibili con HomeKit per visualizzare allarmi, inviare notifiche e registrare video, direttamente dall’App Casa (e anche richiamare funzioni con Siri).

La telecamera è in vendita a circa 188 Euro su Amazon.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
agosto 28, 2018

“Il multisensore Eve Room Homekit di seconda generazione è ora disponibile”

Eve (il nuovo nome con il quale si fa ora chiamare Elgato) ha annunciato la seconda generazione di Eve Room, multisensore da interna per il monitoraggio del clima e della qualità dell’aria con integrata la tecnologia HomeKit di Apple. Il dispositivo vanta un nuovo design, include un display E-Ink ad alto contrasto e il corpo è in alluminio anodizzto e tecnologie di sensori definite “all’avanguardia”, a detta del produttore in grado di garantire durata e precisione a lungo termine.

Come sempre, Eve Room può essere gestito in modalità wireless e ora integra una batteria ricaricabile tramite micro-USB (in precedenza era sfruttata una batteria tipo AA) in grado di garantire autonoma fino a sei settimane; passato questo periodo, l’accessorio attiva una modalità a basso consumo che misura solo temperatura e umidità fino alla prossima ricarica. Il range operativo varia da 0°C – 50°C e tra il 5% – 95% di umidità. È richiesto Phone, iPad, or iPod touch con iOS 11.4 o seguente. Il nuovo Eve Room sarà in distribuzione dal 12 settembre ma già da ora si può prenotare su Amazon per 99,95 euro.

Eve Room

Eve produce interessanti accessori compatibili HomeKit per la gestione dell’energia, la qualità dell’aria, temperatura, umidità e un sensore di movimento per rendere la casa più “intelligente”: su Amazon è possibile acquistare la presa intellligente basata su Bluetooth e funzionante anche senza Wi-Fi Elgato Eve Energy, il sensore di movimento Eve Motion, il multisensore ambientale in grado rilevare anche il livello di inquinanti VOC Elgato Eve Room, il sensore Porta-Finestra , il sensore di temperatura e umidità Eve Degree dotato di un display LED e infine il sensore Eve Weather.

Tutti i nuovi dispositivi e quelli aggiornati saranno presenti ad IFA 2018.

Questi accessori possono essere abbinati a tutti gli altri, anche di marche diverse e automatizzare la casa sia dal punto di vista del comfort sia della sicurezza. È ad esempio possibile far partire un pannello radiante collegato alla presa intelligente se la temperatura è al di sotto di un certo valore e fermarlo se è al di sopra di un altro, far accendere le luci Hue Philips se il sensore di movimento viene attivato, far accendere una ventola se il livello umidità è elevato oppure il sensore Eve Room vi segnala che la stanza in cui alloggite ha bisogno di un ricambio d’aria.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 21, 2018

“Da Brinno Peephole Camera SHC1000, per sorvegliare chiunque si avvicini alla porta di casa”

Brinno presenta Peephole Camera SHC1000, la videocamera di sicurezza che protegge casa e la famiglia quando si è fuori o anche all’intrno delle quattro mura. Si tratta di una camera che tiene d’occhio chiunque si avvicina alla porta d’ingresso.

Peephole Camera SHC1000 sostituisce, così, il tradizionale spioncino con una soluzione più moderna: una telecamera con un grande schermo senza fili, con lunga durata della batteria e facile da installare. La videocamera incorpora anche un rilevatore di movimenti ed è in grado di registrare e archiviare immagini all’interno di una scheda di memoria locale.

Da Brinno Peephole Camera SHC1000, per sorvegliare chiunque si avvicini alla porta

All’esterno il rivelatore di movimento si attiva automaticamente catturando immagini di chi si para davanti alla porta. Lo spioncino digitale acquisisce le immagini dalla migliore angolazione possibile, il sensore di rilevazione e il registro visitatori nascosto sulla facciata interna della porta memorizza le immagini su una scheda di memoria locale.

Lo schermo interno registra i volti dei visitatori apparsi alla porta, così che l’utente potra sfogliarlo con un semplice tao, riguardando le immagini su uno schermo LCD da 2,7 pollici. i tuoi visitatori e riguarda le loro immagini premendo semplicemente un pulsante. Alimentata da 4 batterie AA, la videocamera può effettuare fino a 1.800 scatti o durare fino a circa 6 mesi.

Da Brinno Peephole Camera SHC1000, per sorvegliare chiunque si avvicini alla porta

Su Amazon il kit Brinno SCH100 si acquista a 222 euro circa, con spedizione gratuita e veloce Prime. Maggiori dettagli sul sito web ufficiale del produttore.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 18, 2018

“Sconto Prime Day a 99€ per TomTom VIO, navigatore per scooter che si integra con lo smartphone”

Se usate spesso lo scooter per viaggi in città o di breve raggio, l’Amazon Prime Day ha qualche cosa per voi: TomTom VIO, il primo navigatore per scooter, a 99 euro invece che 169 euro.

Questo accessorio è di produzione recente: è stato presentato ad IFA di Berlino del 2016. Macitynet l’ha recensito anche più recentemente dandovi un quadro molto preciso del suo funzionamento. Per approfondire l’argomento potete proprio leggere la nostra recensione; qui in sintesi diciamo solo che è il compagno ideale per chi viaggia in moto. Per il funzionamento e l’elaborazione dei dati dipende strettamente da uno smartphone, di cui è quasi una sorta di schermo supplementare.

È infatti l’applicazione che governa il suo funzionamento, anche se le mappe sono precaricate al suo interno, quindi non caricano la rete cellulare né per quel che riguarda la batteria (la navigazione da smartphone consuma molta energia) né per i dati. Una volta applicato ad un supporto esterno, ad esempio l’asta del retrovisore, mostra istruzioni di navigazione dettagliata sul display che è anche touch e quindi permette di controllare diverse funzioni senza estrarre il telefono dalla tasca.

tomtom vio

Si può dare un’occhiata allo schermo per visualizzare in qualsiasi momento le informzioni che occorrono per seguire il percorso. Non manca la possibilità di ricevere avvisi su tutor e autovelox durante il percorso, con lo schermo che cambia colore quando si va troppo forte. Il navigatore per scooter permette di calcolare al volo percorsi alternativi, mostrando in tempo reale info su ingorghi. Il fatto che il dispositivo sia sincronizzato con lo smartphone consente anche di vedere chi ci sta chiamando  ed è possibile effettuare e ricevere chiamate utilizzando il sistema audio del casco Bluetooth se ne avete uno compatibile.

TomTom VIO è progettato per resistere alla strada e alla pioggia (protezione IPX7), alla neve e alla grandine. È anche possibile toccare e scorrere lo schermo del navigatore senza togliersi i guanti. Il navigatore per scooter può essere personalizzato per abbinarlo al casco, allo scooter, all’outfit o all’umore dell’utente (è possibile personalizzare la mappa con una serie di colori).

Lo schermo è capacitivo antiriflesso e, come già detto, adatto all’utilizzo con i guanti. La memoria interna è di 1 MB, la durata della batteria offre fino a 5 ore di funzionamento autonomo.

Costerebbe intorno ai 120 euro, con ma grazie all’Amazon Prime Day lo comprate a 99 euro, un ottimo affare che però scade questa notte al termine di Amazon Prime Day.

Per restare aggiornati istantaneamente sulle offerte Prime Day potete:

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 18, 2018

“Offerte Prime Day Bticino sui kit videocitofonici per una casa sicura”

E’ facile installare un videocitofono a due fili Bticino e altrettanto facile trasformare il modello solo voce in uno con telecamera (singola o multipla) esterna. E’ quello che vi mettono a disposizione i Kit di Bticino presenti da tempo su Amazon e in offerta speciale per il Prime Day.

Ecco la lista dei prodotti in offerta.

In offerta a 61,79 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 104,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 124,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 159,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 219,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 279,89 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 63,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 86,99 Euro – scade il 17/07/18 23:59

In offerta a 239 Euro – scade il 17/07/18 23:59

Per restare aggiornati istantaneamente sulle offerte Prime Day potete:

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 13, 2018

“Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2”

Dopo il rilascio dell’aggiornamento di macOS 10.13.6 e iTunes 12.8 che rende i Mac compatibili con Airplay 2 e iOS 10.4 su iOS il cerchio si completa e Sonos si aggiunge ad Apple diventando il primo tra i produttori indipendenti ad aggiornare il firmware dei propri speaker per funzionare con la tecnologia multi-stanza di Cupertino.

AirPlay 2 permette agli utenti iOS e mac di selezionare gli speaker su cui si vuol riprodurre la musica grazie al supporto del multi-room.

Siri è integrato in Airplay 2 ad un livello superiore rispetto ad Airplay visto che è possibile chiedere all’assistente vocale di riprodurre la musica su un altoparlante specifico.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

Airplay 2 è inoltre più integrato con Homekit ed è possibile fermare o riprendere la riproduzione su Homepod o uno speaker compatibile Airplay 2 anche direttamente dall’applicazione “Casa”.

 AirPlay 2 will funzionerà sulla nuova soundbar Sonos Beam presentata in Italia negli scorsi giorni, Sonos One, su Sonos Playbase, e sulla seconda generazione degli speaker Sonos Play:5.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

L’aggiornamento però coinvolge anche altri modelli visto che si possono raggruppare con uno dei modelli compatibili citati sopra e farli lavorare in sincrono con Airplay 2.

Ma non è tutto: visto che, almeno in alcuni paesi (e presto in Italia) Sonos One e Sonos Beam sono compatibili con l’assistente vocale di Amazon, Alexa, è possibile chiedere ad Alexa in “concorrenza” con Siri, di gestire la riproduzione di un brano e di interrogare lo speaker sull’esecuzione e l’esecutore.

Oltre a questo, avendo a disposizione un iPhone, la riproduzione dei brani non sarà riservata ad Apple Music come accade con l’uso di uno speaker singolo come HomePod ma, parimenti allo speaker Apple si potrà usare uno speaker Sonos per la riproduzione multistanza di una traccia di Spotify o di un altro servizio sullo speaker che preferiamo.

Gli speaker di Sonos ora sono compatibili con Airplay 2

Gli speaker saranno in grado anche di fornire la colonna sonora al filmato o al film che state guardando su Youtube e Netflix sincronizzandosi perfettamente con quanto vedete sullo schermo di iPhone, iPad o Mac.

Qui sotto trovate prezzo di riferimento online oer i modelli di Sonos aggiornabili ad Airplay 2. I prodotti Sonos sono diffusissimi anche negli Apple Premium Reseller italiani.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
luglio 3, 2018

“Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services”

Il cloud è ovunque, ci aiuta ogni giorno a migliorare la nostra quotidianità: forse senza nemmeno saperlo utilizziamo le funzioni cloud in praticamente tutte le attività che svolgiamo su Internet, molte delle quali sono possibili e funzionano grazie all’infrastrttura cloud Amazon Web Services, siglato AWS.

Non tutti infatti sanno che Amazon Web Services rende possibili i servizi pensati per semplificare la vita ai viaggiatori con Expedia e Airbnb, ma anche gli acquisti online di Decathlon, fino al divertimento e al relax della TV in streaming di Netflix e molti altri servizi ancora.

Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services

Expedia: 240 richieste al secondo gestite con AWS

Per vacanze senza pensieri, la parola d’ordine è organizzazione. Dai voli all’hotel, programmare in anticipo trasferte e pernottamenti consente di risparmiare tempo e denaro, per partire poi in tutta tranquillità. Il sito di viaggi Expedia è nato proprio per questo: consente infatti di individuare e pianificare le migliori opzioni di voli, auto, hotel o case vacanze dalla stessa piattaforma, semplificando e ottimizzando la ricerca.

Per programmare il proprio viaggio al meglio, è tuttavia fondamentale visualizzare le combinazioni velocemente e senza errori: a garantire che questo avvenga senza intoppi è proprio il cloud di AWS, grazie al quale Expedia riesce a processare circa 240 richieste al secondo in tutto il mondo, con un ulteriore potenziale di crescita. Basandosi completamente su AWS, il tempo di latenza è passato da 700 a meno di 50 millisecondi, risolvendo errori che potevano portare gli utenti ad abbandonare il sito.

Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services

Per Airbnb analisi dati e 10 terabyte di immagini

Se quello che si cerca è solo un appartamento in affitto, invece, è possibile accedere direttamente ad Airbnb, la piattaforma online che connette chi ha una casa da affittare con viaggiatori in cerca di un alloggio: anche qui, il cloud facilita l’acquisto.

Perché durante le vacanze estive non siamo i soli a voler prenotare una casa tramite internet. Se l’accesso alle risorse online rimane fluido, anche quando decine di migliaia di persone sono collegate allo stesso tempo, è grazie al cloud. Airbnb utilizza il cloud di AWS per processare e analizzare in modo semplice 50 GB di dati, quotidianamente, e per contenere i backup e i file statici, inclusi 10 TB di immagini degli utenti.

Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services

Lonely Planet, l’app da 12 milioni di download

Sistemati gli aspetti logistici del viaggio, non resta che pensare a riempire le giornate! Come? Facendosi aiutare da chi conosce il posto o, per gli amanti del “turismo fai da te”, affidandosi ai consigli di guide e vademecum. Non solo libri e scomode cartine: nell’era digitale, la carta è stata integrata dagli smartphone, fedeli compagni dei viaggiatori di oggi.

Lo sa bene Lonely Planet, casa editrice australiana leader mondiale nel settore delle guide turistiche, che si è rivolta ad AWS per affiancare alla propria offerta classica contenuti pensati specificamente per PC, tablet e smartphone. Il cloud è ancora una volta la chiave del successo: migrando i propri ambienti di sviluppo, test e rilascio su AWS e scegliendo una metodologia agile, Lonely Planet ha potuto affrontare senza criticità gli oltre 12 milioni di download dell’applicazione.

Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services

Passeggiare con Citymapper e prenotare con mytaxi

Mentre si va alla scoperta della città in cui si alloggia, grazie ad applicazioni basate sul cloud che rendono la città “smart”, è possibile accedere a molti servizi con consigli, geolocalizzazione, o servizi di noleggio di tutti i tipi che rendono la vita più facile. Ad esempio, chi ama girare la città a piedi o con i mezzi può scegliere l’applicazione Citymapper, che utilizza il cloud e l’Open Data per offrire il miglior percorso possibile per una passeggiata in città.

Chi invece vive sempre di corsa e non può rinunciare alla comodità, può fare affidamento su mytaxi, l’app utilizzata da 10 milioni di utenti per prenotare taxi in più di 40 città e 6 Paesi, che grazie al cloud garantisce un servizio efficiente anche nei momenti con il maggiore picco di traffico. Per spostarsi con facilità all’interno degli Stati Uniti, invece, Lyft è un servizio cloud-based che mette in contatto chi cerca e chi offre un passaggio: 200 città collegate e 14 milioni di corse al mese, rese possibili dalle soluzioni cloud di AWS.

Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web Services

Il realax di Netflix arriva dal cloud

Quando si arriva in albergo e la camera non è ancora pronta, per passare il tempo ci si siede in piscina. Da lì ne approfittiamo per collegarci a internet e guardare l’ultimo episodio della nostra serie preferita su Netflix. Anche in questo caso, il cloud si trova dietro a questa piattaforma streaming che permette di vedere i video in alta qualità e, soprattutto, di vederli senza interruzioni.

L’esperienza di questa piattaforma in precedenza è stata molto complicata, perché prima di passare al cloud nel 2008, Netflix aveva avuto diverse interruzioni di servizio arrivando fino a tre giorni di inattività. Da quando è stata effettuata la migrazione ad AWS, Netflix ha visto moltiplicare il numero di clienti di otto volte, fornendo un’esperienza ottimale per gli amanti dei film e delle serie TV.
Vivere nel cloud senza saperlo: Netflix, Airbnb e Decathlon usano Amazon Web ServicesE se al relax a bordo piscina si preferisce un tuffo in mare per fare snorkeling, ma si sono dimenticati a casa maschera e boccaglio? Nessun problema, la soluzione è firmata Decathlon: in questo caso, data analysis e logistica corrono di pari passo con il cloud di AWS, per garantire ai vacanzieri dell’ultimo minuto scaffali sempre forniti e un servizio efficiente.

Infine, quando si rientra dalla vacanza è il momento di riordinare l’album fotografico per mantenere vivo il ricordo del viaggio appena trascorso. Quando si torna a casa si può ad esempio accedere al sito Photobox per stampare le foto sul supporto che si preferisce: un album? Una tela? Polaroid? Qualunque sia la scelta ciò è possibile grazie al cloud che gestisce Photobox e i picchi di attività legati al periodo. Uno strumento essenziale per i viaggiatori per scaricare tutte le loro foto in pochi click.

Amazon Web Services è utilizzato da numerose altre società tra cui Enel, Philips, Kellog’s, Time e molte altre ancora.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
giugno 20, 2018

“Solo il 6% dei possessori di un altoparlanti smart lo usa per la domotica”

Gli altoparlanti intelligenti iniziano ad invadere sempre più le case degli utenti, anche se una recente indagine di mercato svela che, in realtà, solo il 6% degli utenti li usa per controllare i dispositivi connessi in casa.

Lo studio IHS Markit ha rilevato che gli altoparlanti intelligenti vengono utilizzati maggiormente per rispondere alle domande o per ascoltare notizie o le condizioni meteorologiche. Anche l’ascolto musicale, che rappresenta una delle caratteristiche principali di queste periferiche, arriva in realtà solo al terzo posto. Anche per HomoPod la musica non cambia: l’ascolto di tracce musicali è sul terzo gradino del podio.

Tuttavia, lo stesso rapporto evidenzia come la situazione sia destinata a cambiare nel breve periodo. Questo perché gli accessori smart per la casa sono in rapida crescita, ed è facile pensare che di qui a breve gli utenti inizieranno a sfruttare gli altoparlanti intelligenti per il loro controllo. Tra questi, la categoria che sarà più utilizzata, probabilmente, è quella dei sistemi di allarme e di sicurezza, che spesso possono essere armai e disarmati tramite comando vocale.

Solo il 6% dei possessori di un altoparlanti smart lo usa per la domotica

Altre categorie importanti per la domotica controllata a voce sono rappresentate da termostati e serrature per le porte. Interessante notare come un ruolo importante nella crescita di questi dispositivi domestici potrebbero giocarlo le assicurazioni, offrendo ad esempio sconti sul premio da pagare nel caso in cui l’utente doti la propria abitazione di dispositivi smart per la sicurezza.

Ad ogni modo, IHS Markit stima che entro la fine del 2018 più di 1 milione di polizze per la casa in tutto il Nord America includeranno almeno un dispositivo domestico connesso, come i sensori per rilevare le perdite d’acqua.

Inoltre, entro la fine di quest’anno, lo studio stima che ci saranno circa 450.000 altoparlanti intelligenti collegati alle compagnie assicurative. Ovviamente, lo studio non tocca i nostri confini da vicino, ma è stato condotto tra gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Giappone, la Germania e il Brasile, e ha coinvolto 937 proprietari di altoparlanti intelligenti.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
maggio 14, 2018

“Un cavo Lightning con lettore microSD, espande la memoria di iPhone: sconto a 17,99 euro”

Se volete espandere la memoria di iPhone e iPad oppure effettuare il backup dei dati più importanti con un click, approfittate dell’offerta in scadenza sul cavetto Lightning di Dodocool, dotato di lettore microSD incorporato per adempiere a queste ed altre funzioni. Solo oggi pagate solo 17,99 euro grazie ad un codice sconto.

Questo cavetto, già messo alla prova dalla nostra redazione (click qui per leggere la recensione), è lungo 15 centimetri, quindi è una soluzione altamente portatile. la guaina è rivestita in nylon, quindi l’ideale per resistere ai grovigli ed aumenta la resistenza alle ripetute flessioni.

Il punto di forza è nel lettore microSD incorporato nella spina USB, utile per aumentare i GB di iPhone e iPad potendo così archiviare in un lampo foto e video e fare spazio nel rullino foto.

Cavo Lightning con lettore microSD

Si può usare anche pensandolo “al contrario”, quindi archiviando musica, film ed altri file dal computer e poi averli sempre in tasca e pronti per essere visualizzati sui dispositivi iOS: non dimenticate poi che il lettore microSD permette anche di leggere al volo foto e video registrati con un’action camera, potendo così condividerli sui social network subito dopo l’acquisizione.

Questo accessorio costa 31,99 euro, un prezzo già interessante se si considera la qualità del prodotto. Con il codice 11MACITY si compra in sconto per soli 17,99 euro.

Click qui per comprare

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag: