Posts tagged ‘Apple Watch’

gennaio 14, 2019

“Fioccano falsi allarmi dal rilevamento cadute Apple Watch 4 mentre si scia”

apprezzate di Apple Watch 4 il rilevamento cadute purtroppo questa funzione progettata da Cupertino, ideale per monitorare le persone anziane, sta creando non pochi problemi ai servizi di soccorso nelle località sciistiche più gettonate degli Stati Uniti. In Colorado i centralini di soccorso sono presi d’assalto da falsi allarmi per emergenze generati proprio dal rilevamento cadute di Apple Watch 4 provenienti per lo più da persone in vacanza mentre sciano sulle piste e, nella maggior parte dei casi, protagoniste solo di piccole cadute senza alcun danno. I problemi però non si limitano alla super attività dei centralini, ma anche all’impegno delle unità di soccorso sul campo, prontamente inviate alle coordinate GPS contenute nel messaggio di emergenza, un impegno di uomini, mezzi e risorse che vengono costantemente sottratti per gli incidenti che invece richiedono un pronto intervento. Ricordiamo che il rilevamento cadute di Apple Watch 4 è disabilitato di serie e viene attivato di default solo per gli utenti over 65. Grazie alle rilevazioni di accelerometro e giroscopio lo smartwatch di ultima generazione di Apple permette di inviare rapidamente una richiesta di soccorso al numero 911 per le emergenze in USA, una comunicazione che contiene anche la posizione GPS dell’utente per facilitare i soccorsi. Nella maggior parte dei falsi allarmi rilevati nelle località sciistiche in Colorado si tratta di persone giovani che hanno in precedenza attivato manualmente il rilevamento cadute di Apple Watch 4, dimenticandosi poi di averlo fatto e di disattivarlo. Per questa ragione una responsabile dei soccorsi di Vail in Colorado consiglia a chi si appresta a fare una vacanza sugli sci nella regione di disattivare la funzione rilevamento cadute di Apple Watch 4. Per tutte le notizie su Apple Watch vi rimandiamo a questa sezione di Macitynetche raccoglie tutte le ultime novità, trucchi e consigli. Per un articolo che riassume tutto sul nuovo Apple Watch 4 vi rimandiamo a questa pagina. Su questa pagina trovate la nostra recensione di Apple Watch 4.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

gennaio 4, 2019

“L’auto affonda nella palude, si salva grazie ad Apple Watch”

Accade ancora una volta: una vita è salva grazie ad Apple Watch. In Florida una donna finisce con la propria auto nella palude. Quando il peggio sembra ormai vicino ecco la soluzione: chiamare il 911 dallo smartwatch di Apple. Il video con la chiamata originale fa venire i brividi. Capovolta in una palude nella strada di Tampa, Amanda Antonio iniziava ad affondare nel fango. Dopo qualche minuto di sconforto l’idea che le ha salvato la vita: chiamare i soccorsi con Apple Watch. Al telefono con i soccorsi, Amanda ha potuto comunicare la propria posizione utilizzando Google Maps: in soli 6 minuti i soccorsi sono arrivati sul posto, liberando la giovane da una morte certa. Non è chiaro quale modello di Apple Watch o iPhone avesse con sé la donna, ma probabilmente si è trattato di un iPhone 7, o modello successivo. E’ da qui, infatti, che Apple ha ufficialmente previsto l’impermeabilizzazione per i suoi smartphone, mentre con iPhone 6s il grado di protezione da liquidi era ben più basso. Non è la prima volta che iPhone o Apple Watch contribuiscono a salvare la vita di una persona. Lo sa bene il gruppo di turisti a largo della costa di Okinawa, mentre in passato l’orologio Apple ha salvato la vita di una teenager, oltre che di un avvocato cinquantenne, svegliato nel cuore della notte: senza l’avviso dell’orologio non si sarebbe più svegliato al mattino successivo.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

dicembre 19, 2018

“Apple Watch dominerà il mercato per altri 5 anni”

IDC pubblica le previsioni fino al 2022 riguardo al mercato degli smartwatch e indossabili e lo scenario prospettato è decisamente favorevole per Cupertino perché, secondo la società di analisi, Apple Watch continuerà a dominare la scena almeno per i prossimi 5 anni. La previsione non tiene conto degli ultimi modelli di Apple Watch 4, quelli da 40 e 44 mm, considerando che si tratta di un dispositivo ancora relativamente giovane sugli scaffali dei negozi. Anche senza Apple Watch 4, comunque, watchOS di Apple domina il mercato, e continuerà a farlo per i prossimi cinque anni, anche se il suo vantaggio si eroderà nel tempo. Il rapporto rileva in particolare che “tra i sistemi operativi indossabili intelligenti, watchOS rimarrà in testa, anche se la sua quota scenderà dal 44,4% del 2018 al 35,8% nel 2022, in virtù del fatto che altre piattaforme guadagneranno terreno”. A crescere negli anni sarà il sistema Android Wear, secondo più grande sistema operativo indossabile, che dovrebbe arrivare al 22,4% di share nel 2022. Il rapporto ha inoltre aggiunto che “WearOS, come piattaforma open source, catturerà il 19,8% di share nel 2022 grazie al fatto che venditori supplementari cominceranno a offrire prodotti basati su tale sistema”. Inoltre, proprio la piattaforma di Google riuscirà a crescere perché guadagnerà maggiori caratteristiche rispetto ai concorrenti. Ad esclusione di questi due sistemi, il panorama di indossabili vede come altre piattaforme quelle di Samsung, Fitbit, e Garmin, che da sole riescono comunque a presenziare nel panorama con piattaforme proprietarie.

Questo articolo lo trovate su sito  Macity

novembre 7, 2018

“Lusso hi-tech, Hermès presenta due nuovi cinturini per Apple Watch”

Per i fan della moda e della tecnologia arrivano due nuovi cinturini Hermès per Apple Watch. Apple ha reso disponibili su Apple Store due nuovi bracciali realizzati dalla firma di moda parigina, con l’obiettivo di rendere felici i fan degli indossabili che si dividono tra passione per l’hi-tech e quella per la moda.

La combinazione di colore Amber/Cappuccino/Rosa azalee è disponibile per il cinturino in pelle Swift Double tour (con un lungo cinturino che può essere avvolto due volte attorno il polso) e a Simple tour, ovvero un cinturino classico, a singolo giro. I cinturini sono coloratissimi, con diverse tonalità, una diversa per ciascuna sezione di Apple Watch.
Ecco due nuovi cinturini colorati firmati Hermès per Apple Watch

Il cinturino a doppio giro, Double tour, costa 519 euro, mentre a un giro unico, Simple Tour, costa 369 euro. Attualmente sono disponibili solo nello Store online di Apple, ma compariranno nei retail di Apple e in alcune boutique Hermès selezionate entro breve. Si affiancano ai modelli dell’ultima collezione Apple Watch Hermès, che si presenta con una gamma di cinturini audaci ed eleganti e un quadrante nuovo, disegnato da Apple.

La linea griffata Hermès – che Apple definisce “con un tocco chic e sofisticata” – rimane l’unico modello Apple Watch di lusso. Quando Apple Watch è stato lanciato nel 2015, la società ha venduto versioni Gold Edition che costavano tra 10mila e 17mila dollari. Apple è passata poi alla ceramica per le serie 2 e 3 e l’edizione speciale d’oro è scomparsa con la serie 4 di questo autunno. Apple Watch Hermes è disponibile sullo Store a partire da 1.329 euro.Ecco due nuovi cinturini colorati firmati Hermès per Apple Watch

Ora, dunque, i cinturini Hermès sono disponibili nelle varianti:

Double Tour oppure Simple Tour

  • In pelle Swift color Ambre/Capicine/Rose Azalee
  • In pelle Swift Indigo/Craie/Orange
  • In pelle Swift Bordeaux/Rose Extreme/Rose Azalee
  • In pelle Epsom color Feu
  • In pelle Barenia color Fauve
  • In pelle Swift Bleu Indigo

Simple Tour Rally solo per Apple Watch con cassa 44 mm

  • In pelle Barenia goffrata color Fauve

Simple Tour Déployant con cassa 44 mm in acciaio inossidabile

  • In pelle Barenia color Ebene
  • In belle Barenia color Fauve

Apple Watch 4, insieme con iPhone XR, è probabilmente il prodotto più innovativo tra quelli presentati durante l’evento Gather Round del 22 settembre 2018. Tutte le novità, tra cui un nuovo design, nuovi sensori, nuove funzioni e, per l’Italia, anche il collegamento su rete cellulare, sono presentate in modo approfondito nella nostra recensione di Apple Watch 4.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
luglio 13, 2018

“Ecco come potrebbero essere iPad Pro 11” e Apple Watch 4: le foto”

Se ieri avete letto il nostro articolo contenente tutte le supposizioni annunciate da Kuo riguardo i prossimi dispositivi Apple, oggi potete dare uno sguardo concreto a due dei prodotti più attesi grazie ad una serie di nuovi rendering.

Le immagini sono sostanzialmente una rappresentazione di tutte le caratteristiche preannunciate che riguardano il prossimo iPad Pro con schermo da 11 pollici e la nuova Series 4 di Apple Watch che, per la prima volta sullo smartwatch di Cupertino, dovrebbe montare un display più ampio.

Ecco come potrebbero essere iPad Pro 11” e Apple Watch 4: le foto

Gli attuali modelli con cassa da 38mm e 42mm hanno infatti uno schermo circondato da un’ampia cornice che, nella prossima generazione, dovrebbe essere sensibilmente ridotta. Nello specifico avranno uno schermo da 1.57’’ e 1.78’’, con angoli arrotondati che emulano quelli del display di iPhone X e accompagnati da una tecnologia tale da mantenere invariate le dimensioni fisiche della cassa rispetto alle precedenti generazioni.

Un piccolo cambiamento che dovrebbe di fatto migliorare significativamente l’usabilità dell’orologio, in grado di mostrare più dettagli e numeri più grandi per i quadranti proprio grazie alla maggiore superficie, che ridurrebbe perciò anche il numero di giri della Corona Digitale durante la lettura di lunghi testi.

Per quanto riguarda iPad Pro sappiamo invece che il prossimo modello dovrebbe avere uno schermo da 11’’ al fianco di una rinnovata versione da 12.9’’, entrambi pronti per abbandonare il tasto Home e il Touch ID in favore dell’implementazione di Face ID sulla scia di quanto fatto a settembre su iPhone con il nuovo modello X.

Anche qui le immagini pubblicate nelle scorse ore sono eloquenti: grazie a cornici più sottili iPad Pro da 12.9’’ dovrebbe riuscire a mantenere lo stesso display in un corpo però più piccolo mentre il modello da 11’’ dovrebbe avere all’incirca le stesse dimensioni dell’attuale iPad Pro da 10.5’’. Secondo la fonte, nonostante la presenza di Face ID, con iPad Apple dovrebbe riuscire ad evitare di avere una “tacca” sul display per i sensori utilizzando cornici leggermente più spesse.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
agosto 18, 2017

“Toto Apple Watch 3: è quasi pronto, arriva entro l’anno”

Non è un mistero che Cupertino sia al lavoro su Apple Watch 3, o come probabilmente si chiamerà, sulla Serie 3 del prossimo smartwatch. Lo si aspetta con connettività LTE, anche se il design sarà particolarmente simile all’attuale generazione. Da Quanta Computer, fornitore Apple con sede a Taiwan, arriva la notizia che in molti aspettavano: Apple Watch Serie 3 è nella fase di test finale e sarà pronto per il lancio entro l’anno. Secondo il quotidiano cinese Economic Daily, dunque, il prossimo orologio intelligente di Cupertino sarà pronto per la stagione natalizia, ed entrerà a breve nella fase di produzione industriale. Come già anticipato nelle precedenti anticipazioni, non ci saranno particolari novità a livello estetico, e anche le varianti disponibili saranno identiche agli attuali modelli, con misure di 38 e 42 millimetri. Una prima differenza di natura tecnica sarà la presenza del modulo LTE, per rendere ancor più autonomo l’orologio, così da non dover necessariamente essere abbinato ad iPhone per un completo funzionamento. Ciò nonostante, a giudicare dai rapporti precedenti, Apple Watch sembra non potrà effettuare chiamate senza smartphone abbinato, questo secondo l’affidabile Ming Chi Kuo. Alcuni ritengono che almeno inizialmente il prossimo smartwatch potrebbe supportare chiamate FaceTime, o magari Skype e altri servizi VoIP, per abilitare le chiamate vocali solo in un secondo tempo con un aggiornamento o addirittura in una versione ancora successiva del dispositivo. L’Economic Daily osserva, altresì, che la prossima generazione Apple Watch sarà svelata durante la presentazione di iPhone 8 e iPhone 7s, così da poter essere lanciato sul mercato qualche settimana dopo, probabilmente accanto ai nuovi modelli di smartphone. Non è escluso, però, considerando che il keynote iPhone proporrà tanta carne al fuoco, che Apple opti per una diversa soluzione, tenendo un altro evento apposito entro la fine dell’anno, proprio per dare risalto alla terza generazione di Apple Watch. Nello stesso evento Cupertino potrebbe tornare a parlare anche di HomePod, o di una Apple TV aggiornata con supporto 4K, sempre da rilasciare durante il periodo natalizio.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

luglio 21, 2017

“Apple ripara Apple Watch di prima generazione con componenti della Series 1”

Sostituite pure i componenti difettosi degli Apple Watch di prima generazione con quelli della Series 1. E’ l’autorizzazione di Apple agli Apple Store e ai negozi affiliati che da questo momento potranno utilizzare i componenti della generazione di Apple Watch più recente per riparare i primi modelli inviati in assistenza. Tale concessione è limitata ai modelli di Apple Watch in alluminio nei colori argento, grigio siderale, oro e oro-rosa e solo per alcuni paesi che non sono stati elencati nella direttiva diramata da Apple citata da MacRumors. Gli Apple Watch Series 1, presentati insieme alla Series 2 lo scorso settembre, sono praticamente identici alla prima versione, eccezion fatta per il processore. I Series 1 montano infatti il più potente chip S2 dual-core, lo stesso che troviamo sui Series 2 ma senza le funzionalità GPS. Gli Apple Watch di prima generazione non sono più coperti dalla garanzia Apple: gli unici a beneficiare di un’eventuale riparazione gratuita sono i clienti che hanno acquistato anche l’Apple Care, che per l’appunto estende la garanzia ad ulteriori 2 anni.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

maggio 25, 2017

“Apple Watch è il più accurato per misurare il battito, il peggiore Samsung Gear S2”

Un nuovo studio mette a confronto l’accuratezza di sette fitness tracker e da questo emerge che Apple Watch è l’accessorio con il più basso margine di errore nella misurazione della frequenza cardiaca, mostrando valori più accurati rispetto a Basis Peak, Fitbit Surge, Microsoft Band, Mio Alpha 2, PulseOn e Samsung Gear S2. I ricercatori hanno usato delle procedure per determinare l’accuratezza dei dispositivi da polso misurando sia il ritmo cardiaco sia il dispendio energetico (il consumo calorico nelle diverse attività sportive). Ai test hanno partecipato 60 volontari, 29 uomini e 31 donne, ognuno dei quali ha indossato vari fitness tracker e completato attività quali camminata, corsa, andare in bicicletta. I dati ricavati dai dispositivi sono stati confrontati con un sistema di riferimento, un elettrocardiografo (ECG) per misurare la frequenza cardiaca e con l’analisi calorimetrica di livello clinico (in grado di determinare precisamente le quantità di calorie prodotte dalle trasformazioni fisiche e chimiche di un campione). Un tasso di errore del 5% è stato considerato entro i limiti accettabili. Nelle varie attività Apple Watch si è dimostrato nella frequenza cardiaca il dispositivo con il tasso di errore più basso: mediamente 2% (tra l’1.2% e il 2,8%), mentre Samsung Gear S2 ha evidenziato il tasso di errore più elevato: mediamente 6,8% (tra il 4,6% e il 9%). Ancora, Apple Watch si è dimostrato il dispositivo più accurato nella misurazione della frequenza cardiaca durante le camminate: tasso di errore medio 2,5% (tra 1,1% e 3,9%), mentre gli altri dispositivi hanno evidenziato un tasso di errore compreso tra il 6,5% e l’8,8%. Per quanto riguarda la misurazione delle calorie attive bruciate, nessun dispositivo, Apple Watch incluso, è stato in grado di determinare correttamente i parametri. Il tasso medio di errore di tutti i dispositivi è variato dal 27,4% (Fitbit Surge) al 92,6% (PulseOn). Benché nessun dispositivo si sia dimostrato accurato da questo punto di vista, Apple Watch si è rivelato il migliore anche nello stimare il dispendio energetico. In conclusione, lo studio ha rivelato che molti fitness tracker sono in grado di misurare la frequenza cardiaca con un livello di errore accettabile in condizioni di laboratorio, ma le stime relative alle calorie sono alquanto imprecise. Lo studio completo della Stanford University e della Swedish School of Sport and Health Services, è disponibile su Journal of Personalized Medicine.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

agosto 8, 2016

“Nuovo Apple Watch in autunno, con Gps”

A poche settimane dall’evento di settembre di Apple (la data ufficiale ancora non c’è) si moltiplicano in rete le indiscrezioni sulle novità in arrivo, non solo nuovi iPhone, ma anche una seconda generazione di Apple Watch. Secondo l’analista KGI Ming-Chi Kuo, noto per le sue previsioni ‘azzeccate’ in materia, il nuovo smartwatch della Mela arriverà in autunno con l’aggiornamento del sistema operativo. Il design sarà simile al modello attuale, ma avrà Gps, barometro e batteria più longeva. Quanto all’iPhone, il nuovo ‘melafonino’ potrebbe arrivare anche in una versione blu.     La compagnia di Cupertino, secondo le analisi di Kuo ottenute dal sito Apple Insider, si sta preparando per il lancio di due nuovi Watch nella seconda metà dell’anno: un modello avrà aggiornamenti minori rispetto a quelli attuali, mentre un Apple Watch 2 avrà funzioni e prestazioni diverse. Quest’ultimo includerà Gps e barometro per funzioni di geolocalizzazione più avanzate. Non riuscirà invece ad essere più sottile. La forma rimarrà la stessa anche nel 2017, ma l’anno prossimo una nuova generazione di Watch potrebbe integrare connettività cellulare Lte.     Nell’appuntamento previsto a settembre Apple svelerà nuovi iPhone: un video che circola in rete, pubblicato dal sito MacRumors, mostra ben tre nuovi iPhone pronti per il lancio. Tra le varie caratteristiche ci sono la doppia fotocamera, bande antenne posteriori integrate nei bordi, niente jack audio e lo Smart Connector. Secondo un’altra clip, arriverà anche un melafonino di colore blu. Per il blogger Evan Blass, noto per i suoi ‘leak’, i preordini dei nuovi smartphone partiranno il 9 settembre, con disponibilità dal 16 settembre.

Questo articolo lo trovate su sito ANSA

giugno 30, 2016

“Apple Watch in esaurimento scorte: seconda generazione alle porte?”

Alcuni modelli di Apple Watch non sono più disponibili presso i negozi online della società. Lo hanno notato alcuni possessori dello smartwatch – riporta MacRumors – sfogliando le pagine degli Apple Store negli Stati Uniti e dopo un attento controllo nel nostro paese possiamo confermare che anche in Italia viene dipinto un quadro irregolare relativo alla disponibilità delle varie combinazioni di cassa e cinturino delle collezioni di Apple Watch.

Nello specifico, sono completamente esauriti gli Apple Watch Sport con cassa 42mm e cinturino in fluoroelastomero nella colorazione blu e gli Apple Watch con cassa 42mm in acciaio inox e cinturino loop in pelle color grigio tempesta. Molti dei nuovi modelli Sport, come quelli con il più recente cinturino di colore giallo, sono spediti entro 4-6 settimane, dimostrando una carenza delle scorte disponibili mentre altri ancora, in netta contrapposizione con quest’ultima situazione, sono spediti entro un giorno dall’acquisto.

Apple Watch esaurito 1

Apple Watch esauritoAltrettanto curiosa quanto chiarificatrice la situazione di Apple Watch con cassa 38mm in acciaio inossidabile con cinturino Modern azzurro fiordo. Qui si presentano tutte e tre le situazioni contemporaneamente: il modello con cinturino in misura Small mostra la dicitura “Esaurito” nel pannello delle disponibilità, la misura Medium è “Attualmente non disponibile”, mentre il Large viene spedito in 1 giorno. Mentre quindi per gli orologi “Attualmente non disponibili” è probabilmente previsto un prossimo rientro delle scorte, la dicitura “Esaurito” lascia chiaramente intendere che non ci sarà più disponibilità di quel preciso modello presso l’acquisto online.

Una situazione simile si presenta anche nell’acquisto dei soli cinturini, la cui disponibilità è in gran parte esaurita. Di fatto con l’acquisto online, alcune combinazioni di cassa e cinturino sono attualmente impossibili da ottenere: tanto per dirne una, il cinturino Sport blu è completamente esaurito sia come cinturino accessorio, sia in coppia con Apple Watch.

Secondo le prime supposizioni Apple potrebbe essere in procinto di rilasciare alcune speciali collezioni di cassa e cinturini per l’estate, per altri starebbe invece semplicemente preparandosi al lancio di Apple Watch 2 che potrebbe essere per l’appunto accompagnato da nuovi bracciali.

Questo articolo lo trovate su sito Macity