Archive for ‘Le altre Notizie’

maggio 27, 2018

“CIR: Paolo Andreucci vince il 51° Rallye Elba”

Nuova gara, vecchio risultato. Paolo Andreucci e Anna Andreussi vincono la quarta gara di fila stagionale trionfando al 51° Rally Elba.

Una gara pressochè perfetta dell’equipaggio di Peugeot Italia, capaci di accelerare dove possibile e di conservare dove il rischio non andava preso. Una vittoria che dunque li prioetta saldamente al comando della classifica del Cir, in attesa della terra. Secondo gradino del podio per Umberto Scandola e Guido D’Amore sulla Skoda Fabia R5gommata DMACK, chiude sul gradino più basso del podio invece Andrea Crugnola e Danilo Fappani sulla Ford Fiesta R5.

Ma andiamo a scoprire quanto successo in questo pomeriggio isolano.

P.S.8 Bagnaia – Rio    9,95 Km

Dopo i tratti cronometrati della mattina, è ancora Andrea Nucita a fare la voce grossa. Il siciliano segna il miglior tempo e si getta a testa bassa verso la rimonta al terzo posto, al momento nelle mani di Scattolon (quarto parziale). Secondo Crugnola dinanzi a Scandola e Michelini. Ottavo il leader Andreucci con la 208 T16 R5. Scivola in fondo Dalmazzini.

P.S.9 Buonconsiglio – Accolta     14,90 Km

Lo scratch vincente è ancora di Andrea Nucita, che sfrutta a pieno il potenziale della Hyundai i20 R5: il terzo posto ora è più vicino. Secondi e terzi ancora Scandola e Crugnola, con quest’ultima alla disperata ricerca di rimonta dopo il pesante ritiro maturato alla Targa Florio. Quarto Andreucci che decide di non esagerare visto l’ampio margine di vantaggio sui diretti inseguitori, mentre Scattolon (quinto parziale) sente ora scricchiolare il terzo gradino del podio. Ancora in difficoltà il secondo pilota Ford Racing Italia, Giuseppe Testa, che non riesce a trovare il feeling sugli asfalti isolani. Nelle due ruote motrici è stavolta Ferrarotti a far segnare il miglior tempo su Canzian.

P.S. 10 Due Mari    22,35 Km

La prova parte con oltre 20′ di ritardo per motivi di sicurezza, da segnalare da subito una foratura sia per il siciliano Andrea Nucita che si ferma per cambiare il pneumatico, sia per Scattolon.  La prova va al varesino Andrea Crugnola, che approfitta delle forature di Nucita e Scattolon per arpionare la terza piazza.  Secondo tempo di prova per Scandola, seguito da Michelini, Testa ed Andreucci.

CLASSIFICA CIR DOPO 4 PROVE

1° Andreucci 57 punti
2° Scandola 32 punti
3° Crugnola 27 punti
4° Campedelli 22 punti
5° Michelini 18 punti
6° Panzani 15 punti
7° Scattolon 14 punti
8° Testa 8 punti.

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo

Annunci
Tag:
maggio 24, 2018

“Campedelli e Orange1 pronti per il Rally Isola d’Elba: Si punta alla vittoria, ma deve ancora arrivare!PS entusiasmanti!”

-Voltata la brutta pagina scritta alla Targa Florio dove, mentre erano in lotta per la vittoria Simone Campedelli e Tania Canton si sono dovuti ritirare, ripartono carichi e concentrati ad affrontare questo nuovo evento. Rally dell’Isola d’Elba che fa il suo attesissimo e meritato ritorno nel Campionato Italiano Rally dopo 25 anni di assenza.

Sentiamo ora le impressioni pre-gara del forte pilota romagnolo:

La prima parte di campionato è passata davvero molto in fretta. Sembra ieri che eravamo al via stagionale al Ciocco e stiamo già per affrontare la quarta gara! Segno che il succedersi degli eventi è stato appassionante e coinvolgente. Il nostro bilancio è un po’ da… bicchiere mezzo pieno perché se è vero che abbiamo sempre lottato per la vittoria è però altrettanto vero che non l’abbiamo ancora raggiunta. In più, c’è stata l’uscita di strada alla Targa Florio, che ci ha tolto punti pesanti. Le nostre aspettative restano alte: noi puntiamo sempre a vincere, anche se ci battiamo contro squadre ufficiali e Costruttori di auto e pneumatici fortemente impegnati nella rincorsa al titolo. Stiamo facendo la nostra parte, con la Ford Fiesta sempre competitiva e sempre seguita con abilità e passione dalla Vieffecorse, e con le gomme Michelin sempre all’altezza della situazione.

Non ho mai disputato questa bellissima corsa anche se abbiamo fatto una sessione di test prima del via del campionato. Ci sono speciali entusiasmanti, una su tutte quella del Volterraio, da vera università della guida. La grossa difficoltà – conclude la Pantera Alata di Orange 1 Racing – viene dal fatto che l’aderenza varia molto, da prova a prova, e si passa da tratti scivolosi ad altri con molto grip. Un terno al lotto, come sempre, la scelta delle mescole, ma questo fa parte del gioco….

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo
Tag:
maggio 22, 2018

“Verona. La «grande sfida» dei commessi disabili”

Ciao amici di Disabili Abili, oggi vi parlo del progetto “Commessi Disabili”, l’’obbiettivo di questa sfida è mettere la persona disabile al centro; per dimostrare le sue capacità al pubblico, ma in particolar modo far superare alle persone il pregiudizio verso di loro e farli guardare al di là della loro problematica; un progetto ambizioso e direi molto utile per noi, che subiamo quotidianamente pregiudizi ma anche ai “Normodotati” perché finalmente possano aprire gli occhi e credetemi, c’è ancora tanta gente che purtroppo tende a essere iperprotettiva e precludere a noi di sviluppare qualsiasi tipo di capacità o esperienza,  ve lo dico per esperienza diretta con piu’ persone. Questo aspetto però è solo il primo dei problemi, il secondo non viene neppure menzionato, cioè il lavoro; il commesso è una potenziale professione, perché questo tipo di iniziativa non può essere allargata ad eventuale corso di formazione o tirocinio lavorativo? Chi ha la possibilità dovrebbe sempre provare a prendere in considerazione questo aspetto, invece purtroppo fa piu’ comodo sfruttare il disabile qualche ora gratis….. personalmente lo considero un progetto sviluppato solo a metà mi auguro che in futuro si valuti anche l’ipotesi di far tenere un progetto lavorativo visto che il commesso è una mansione lavorativa! Alla prossima!

Simone

Di Luca Bortoli

Si chiama «Anch’io sono capace, negozi senza barriere» l’iniziativa che aiuta a dialogare con persone con disabilità. Protagonisti oltre 350 tra giovani e adulti. Quale sensazione provereste se stamattina entrando in un negozio di una delle più rinomate vie dello shopping italiano trovereste un ragazzo con disabilità a servirvi? Curiosità, spaesamento, un minimo di imbarazzo, forse. Ma se la cosa si ripete al secondo, terzo e quarto esercizio commerciale, diventa ‘normale’. È ciò che accade a Verona nella centralissima via Mazzini, che da piazza delle Erbe conduce all’Arena dove si chiude la decima edizione di ‘Anch’io sono capace!! Negozi senza barriere’. Merito della onlus La Grande sfida che per il 2018 ha scelto come slogan ‘Abitare il limite’ che nel tempo ha portato questa esperienza in 75 comuni della provincia scaligera (solo quest’anno Peschiera del Garda, Bussolengo, Cerea, Villafranca e Caldiero). «Inserimento, integrazione, inclusione… tutte belle parole, ma rischiano di rimanere vuote se prima non c’è un incontro reale, personale, emozionale – interviene il presidente Roberto Nicolis – Da qui l’idea di una grande rete per creare nel tempo un’alternativa ai centri diurni per persone con disabilità». La Grande sfida ha messo insieme Asl, associazioni di categoria, innumerevoli istituti scolastici di ogni ordine e grado, parrocchie: 480 enti ogni anno. Ne sono scaturiti centinaia di incontri e di relazioni. Solo quest’anno sono 350 le persone con disabilità rese protagoniste. «Abbiamo bisogno di un cambiamento culturale radicale – riprende Nicolis – Questi ragazzi sono potentissimi umanizzatori della società, basta solo entrarci in contatto. E su ‘Abitare il limite’ hanno moltissimo da insegnare: hanno imparato ad accogliere fin dal primo giorno i loro limiti più invalicabili».

«Lo scambio è meraviglioso – confida Cinzia Annighini che ha una gioielleria in via Oberdan e aderisce da otto anni all’iniziativa – Molti di loro sono abilitati al lavoro: da noi escono dalla campana di vetro in cui li confiniamo, crescono e si confrontano». «Nessuno dei miei clienti, per lo più turisti stranieri, fa caso alla disabilità di Davide che mi aiuta in questi giorni – racconta Emilia Geronzi, titolare di un banco frutta in piazza delle Erbe – Averlo con me è speciale perché mette il cuore in quello che fa». E lo stesso capita alla libreria Paoline di via Stella, dove i ragazzi vengono presentati ai clienti e sfruttano le loro capacità. Ma ‘Abitare il limite’, che si è aperto il 25 aprile per proseguire fino al 9 giugno, non è affatto tutto qui. Ci sono i progetti con le scuole, e c’è anche La Grande sfida on tour che domani tocca Belfiore (dopo Peschiera del Garda e Cerea) e prevede un pomeriggio di giochi in piazza, la messa in parrocchia e la sera uno spettacolo in palestra. E poi c’è ‘International’ che il 26 e 27 maggio porterà sport e ‘giochi di disabilità’ in piazza Bra a Verona, mentre sabato 2 giugno, festa della Repubblica, prenderà vita ‘Incontrarti’, 11° Festival internazionale di artisti di strada con diverse abilità pronto ad abbracciare tutto il centro storico della città nonché Mostra di opere d’arte nelle vetrine dei negozi e degli esercizi pubblici, che si tiene per il terzo anno consecutivo. Obiettivi per il futuro? «Rendere ordinaria l’esperienza: magari un giorno alla settimana in negozio, superando le rigidità normative. E poi condividere questo format – conclude Roberto Nicolis – Tutti possono superare l’idea che chi è fragile, scartato, sofferente rappresenti la domanda di un servizio. E se invece rappresentasse l’offerta di senso, di occasione, di partecipazione, di speranza?».

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag:
maggio 21, 2018

“WRC, Rally Portogallo, PS16-19 tutto tranquillo. Thierry Neuville resta in testa, lotta per il 4° Lappi-Sordo

Mattinata tranquilla in quel del Rally di Portogallo. I giochi sembrano ormai delineati e quindi c’è un certo approccio alle prove della mattina.Questa ultima giornata di gara, è cominciata con la PS16 “Montim 1” di 8.64 km. 2 Toyota a podio della prova con Lappi primo, Latvala terzo e Suninen a separare i due compagni di squadra. Grazie a questo ottimo tempo del giovane finlandese della casa nipponica, scavalca nella classifica generale lo spagnolo della Hyundai, Dani Sordoche, vittima di 10 secondi di penalità non è riuscito a difendere la sua quarta piazza.

L’evento continua con la PS17, la mitica “Fafe 1” di 11.18 km. La prova, che sarà poi teatro della Power Stage finale, ha visto un redivivo Seb Ogier segnare il migliore tempo. A una manciata di secondi si piazza Dani Sordo che così conquista la seconda piazza della generale appannaggio di Esapekka Lappi che ha chiuso terzo. Bella lotta tra i due.

Avanti con la PS18, “Luílhas” 11.89 km. Doppietta Toyota con Latvala davanti a Lappi. Se le prime tre posizioni della generale sembrano definite, continui ribaltamenti di fronte per una lotta al quarto posto senza esclusioni di colpi. Il giovane Toyota si riporta davanti all’esperto spagnolo Hyundai.

Continuano a marcarsi stretto i due duellanti anche nella PS19, “Montim 2” di 8.64 km.  Suninen vince la prova, Lappi è secondo e a soli 8 decimi si piazza Sordo. I due sono attualmente separati da 4 secondi, che si decideranno nella Power Stage. Classifica generale definita non ci resta che vedere chi si aggiudicherà la prova finale e ottenere i punti extra.

Nel WRC2 Pontus Tidemand, con al Fabia R5, salvo avvenimenti eccezionali, ha chiuso la pratica. 

Sotto la classifica aggiornata alla PS19 e la generale:

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo

Tag:
maggio 18, 2018

“Coppa Italia Prima Zona. Alba apre le iscrizioni, il Lanterna si presenta”

Il Rally di Alba, seconda prova del Coppa Italia di Prima Zona, ha ufficialmente aperto le iscrizioni. La gara piemontese, sino al 8 Giugno potrà ricevere gli equipaggi che vorranno partecipare alla manifestazione.
Dopo il Valli cuneesi, gara d’apertura del trofeo, Alessandro Gino , su Ford Fiesta WRC, è il leader della serie davanti alle due Skoda Fabia R5 di Corrado Pinzano e del francese Anthony Puppo.
Il biellese Pinzano è leader del 1° raggruppamento, Roberto Vescovi (Renault Clio S1600) del 2°, Matteo Giordano (Peugeot 208 R2) del 3°, Vincenzo Torchio (Saxo) del 4° e Paolo Iraldi (Peugeot 106) del 5°, tutti protagonisti al prossimo Rally di Alba, dove sono annunciate nuove presenze al Trofeo Pirelli di Prima Zona.

Nel frattempo, Martedì 22 maggio alle ore 18, presso l’Hotel NH Centro in Via Martin Piaggio 11 a Genova, il 34° Rally della Lanterna – 2° Rally Val d’Aveto sarà presentato ufficialmente alla stampa ed al pubblico.
In occasione della premiazione dei Soci Sportivi dell’Automobile Club di Genova, la Lanternarally svelerà tutti i dettagli dell’edizione 2018 della gara valida per la Coppa Italia Prima Zona – Trofeo Pirelli, serie che comprende anche il Rally Valli Cuneesi, il Rally di Alba ed il Rally del Rubinetto.
Anche per il 2018 è confermata la sinergia con il territorio della Val d’Aveto, in particolar modo con il Gruppo Sportivo Allegrezze e con le istituzioni locali, che contribuiscono in maniera fondamentale alla buona riuscita della manifestazione.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it
Tag:
maggio 14, 2018

“Il motociclismo paralimpico scende in pista: tutti gli appuntamenti per seguire le gare”

Adrenalina, velocità, coraggio e tanta passione: sono questi gli ingredienti delle gare di motociclismo paralimpico, che vedono centauri sfidarsi in sella a moto adattate per provare tutta l’ebbrezza del circuito. Un’emozione per chi corre ma anche una per chi segue queste gare: ecco perché, per gli appassionati delle due ruote, segnaliamo due appuntamenti da non perdere:

– La prima gara del Campionato Italiano Motociclismo riservato ai piloti con disabilità, la Octo Bridgestone Cup, il 12-13 maggio a Vallelunga

– La prima gara dell’International Bridgestone Handy Race (sotto l’egida della Federazione Internazionale Motociclistica), che si svolgerà quest’anno su tre tappe prestigiose, all’interno della MOTOGP e della SUPERBIKE, a partire dalla gara di Le Mans (Francia) il prossimo 20 maggio

OCTO BRIDGESTONE CUP

La Octo Bridgestone Cup  è il Campionato italiano motociclistico riservato ai piloti con disabilità. Giunta alla sua quinta edizione, la competizione parte quest’anno da Vallelunga, con diciotto piloti iscritti. E’ una competizione affascinante, che consente a piloti con diversi tipi di disabilità di gareggiare il più possibile ad armi pari, grazie ad una scala di coefficienti in base al tipo di disabilità, (come avviene per le paralimpiadi), messa a punto dalla Onlus Di.Di. insieme ad Igor Confortin, allenatore della nazionale di Para Snowboard , in modo da equilibrare le prestazioni dei piloti.

La partenza è lanciata, in stile Le Mans, con i piloti schierati sulle loro moto sorretti dal proprio staff, di fronte alle tribune.

Due le gare della Octo Bridgestone Cup:
– Vallelunga, 12/13 maggio
– Tazio Nuvolari, 16/17 giugno

Appuntamenti prima gara a Vallelunga:

Sabato 12 maggio 2018
– Prove libere 14.25/14.45
– Qualifiche 16:40/17:00

Domenica 13 maggio 2018
– Qualifiche 09:50/10:10
– Gara 15:15 (10 giri)

moto paralimpiadi


INTERNATIONAL BRIDGESTONE HANDY RACE

Alla sua seconda edizione, l’International Bridgestone Handy Race è la manifestazione di moto paralimpico internazionale, dedicata a piloti disabili provenienti da tutto il mondo.
Quest’anno si corre su tre tappe prestigiose all’interno delle gare della MOTOGP e della SUPERBIKE:
– Le Mans (Francia) – 19/20 maggio in MotoGP
– Mugello (Italia) – 25/26 agosto in Coppa FMI
– Magny Cours (Francia) – 29/30 settembre in SBK

Appuntamenti prima gara a Le Mans:
– Venerdì 18 maggio ore 17.10/17.25 prove libere – 17.35/17.50 prove ufficiali
– Sabato 19 maggio ore 17.30 gara (8 giri)

E’ inoltre possibile seguire l’appuntamento:
– In diretta su: Eurosport France www.eurosport.fr
– Servizi in diretta su: Sky MotoGP (Canale 208)
– Speciali di Alberto Naska www.facebook.com/albertonaska

moto paralimpiadi 2

Questo articolo lo trovate su sito Disabili.com

maggio 11, 2018

“Basso al Rallye d’Antibes con una livrea celebrativa”

Per Basso e Lorenzo Granai si tratterà di una gara premio per aver conquistato il titolo 2017 del TER. Avrà a disposizione una Hyundai i20 R5 del team italiano HMI che sfoggerà per l’occasione una livrea celebrativa. Il campione italiano 2016, già vincitore di un’edizione di questo rally, dovrà guardarsi le spalle dai suoi diretti avversari del TER; saranno infatti in gara tre Skoda Fabia R5 guidate da due giovani promettenti come il monegasco Riberi e il britannico Yates, mentre l’ultima vedrà alla guida il pilota del Lussemburgo Steve Fernandes. Completano l’elenco TER la Mitsubishi Evo X di Henk Bakkens e quattro Peugeot 208 R2 che si sfideranno per il titolo due ruote motrici.

Come detto però il rally vedrà in gara tutti i protagonisti del campionato francese asfalto per un elenco che appare certamente importante. Favorito n°1 è Yoann Bonato che continuerà anche a far crescere la nuova C3 R5, ma occhio anche ad un certo Bryan Bouffier (Hyundai i20 R5) che conosce molto bene queste strade avendoci vinto già in due edizioni. Roché, Berfa, Giordano, Gilbert, Guigou, Robert sono certamente fra i nomi che innalzano il livello della competizione. Nicolas Ciamin sarà alla guida della 124 Abarth della Milano Racing in classe GT, dove affronterà i rivali Rouillard (Porsche 997 GT3) e Perrouse (Nissan 350 Z). Pronti a stupire anche tutti i giovanissimi che correranno per il titolo Junior francese e il Volant Peugeot. Presente anche un altro equipaggio italiano composto da Dino Romano e il copilota Renzo Fraschia su una Ford Fiesta R2

Il Rallye d’Antibes partirà il week end prossimo, 19-20 Maggio. Il rally si articolerà su dodici prove speciali per un totale di 204,38km.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it

Tag:
maggio 9, 2018

“Accessibilità e divertimento: il nuovo servizio di Gardaland per visitatori con disabilità”

Easy Rider è il nuovo servizio del Parco per accompagnare e guidare sulle attrazioni gruppi di persone con disabilità

L’estate si avvicina e con lei anche la voglia di spostarsi e fare qualche uscita in più; tra camminate in montagna e gite alla scoperta delle bellezze artistiche e culturali dell’Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta su cosa scegliere per i propri svaghi.
Tra le varie alternative per chi voglia trascorrere una giornata in compagnia non manca da valutare l’opzione parchi divertimento, tanto più ora che l’interesse ad unire divertimento e accessibilitàsta fortunatamente crescendo.

Gardaland, uno dei parchi divertimento più frequentati e conosciuti in Italia, si sta muovendo proprio in questa direzione: ha presentato infatti in questi giorni una collaborazione con ProgettoYeah! dalla quale è nato Easy Rider, un servizio di accompagnamento dedicato alle persone con disabilità all’interno del parco. Si tratta di un servizio che si propone, attraverso la scelta di percorsi accessibili e di attrazioni adatte, di organizzare al meglio la propria giornata nel parco divertimenti più famosi d’Italia.

UN SERVIZIO PERSONALIZZATO – A contraddistinguere Easy Rider è la personalizzazione del percorso: lo staff di accompagnatori realizza un itinerario su misura in base alle esigenze del gruppo di visitatori –  che si tratti di persone con disabilità visive, motorie, con autismo o Sindrome di Down. Gli ospiti vengono inoltre accompagnati all’ingresso di ogni attrazione e, prima di salire, ne vengono descritte le caratteristiche: dal funzionamento fino alla spiegazione relativa alle fasi di salita, discesa e percorso.
Lo staff di Easy Rider, inoltre, effettua prenotazioni per conto degli ospiti all’interno dei ristoranti del Parco.

ORARI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO – Il servizio Easy Rider è disponibile nei giorni di apertura del Parco da aprile a luglio e nel mese di settembre; le fasce orarie vanno dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 14.00 alle 17.00.
Easy Rider è dedicato a gruppi da minimo 4 fino ad un massimo di 12 partecipanti e prevede un numero equilibrato di visitatori con disabilità e accompagnatori. Lo staff di Easy Rider non si sostituisce agli accompagnatori delle persone con disabilità ma è da considerarsi quale valore aggiunto per il gruppo al cui interno è strettamente necessaria la presenza di un adeguato numero di accompagnatori (uno per ciascun visitatore con disabilità). Compito degli accompagnatori è inoltre supportare i visitatori negli spostamenti all’interno del Parco dove ciò risulti necessario.

Per usufruire del servizio occorre prenotarsi, almeno 3 giorni prima della data prescelta, chiamando il numero 045 6449777. Lo staff di Easy Rider accoglierà il gruppo al Welcome Desk situato al castello medievale di ingresso.
Per il servizio Easy Rider è richiesto un contributo di 5,00 € per ciascun membro del gruppo.

L’ingresso a Gardaland è gratuito per le persone con disabilità non autosufficienti mentre è atariffa ridotta per le persone con disabilità autosufficienti e per gli accompagnatori. Il pagamento potrà essere effettuato direttamente all’arrivo al Welcome Desk. Eventuali modifiche e/o l’annullamento della prenotazione dovrà essere effettuato almeno 3 giorni prima della data della visita. 

Questo articolo lo trovate su sito Disabili.com

maggio 7, 2018

“Rally Appennino Reggiano 2018: festa per Razzini-Marcomini”

C’era grande attesa per la seconda prova della Coppa Italia Zona 2 (Lombardia, Emilia-Romagna e Nord-Ovest), ed il Rally Appennino Reggiano ha confermato le aspettative: trama imprevedibile, grazie anche ad un percorso che ha messo alla prova i 59 equipaggi che hanno preso il via.

A spuntarla, alla fine, sono stati il parmigiano Marcello Razzini ed il piacentino trapiantato a Lodi Gianmaria Marcomini, alla loro prima vittoria assoluta in carriera. A podio con loro le Ford Fiesta (R5) del modenese Riccardo Gatti con il reggiano Marco Mori (vincitore del Trofeo Luciano Lombardini) e dei sassolesi Paolo Zanni e Faustino Mucci. A bordo di una Peugeot 208 (classe R5) di MM Motorsport, l’equipaggio di Collecchio Corse ha interpretato la gara con grande sagacia tattica, tenendo sempre un ritmo molto elevato ma non superando il limite. Sempre tra i più veloci nelle primissime prove, dominate da Tosi-Del Barba (Hyundai i20 – classe WRC) e Medici-De Luis (Ford Fiesta – R5), Razzini-Marcomini hanno agguantato il primato quando i due equipaggi che li precedevano sono usciti di strada, praticamente in contemporanea, sulla quarta speciale. Il tempo perso da Miele-Mometti sulla prova seguente ha spianato ulteriormente la strada ai due, ma i neo-leader non hanno smesso di tenere il proprio ritmo, risultando i più veloci in quattro delle ultime prove speciali.

“Che felicità. Siamo soddisfatti soprattutto per il passo molto elevato e costante che abbiamo tenuto per tutta la gara; questo ci dice che stiamo iniziando a comprendere bene la vettura, con la quale abbiamo corso, sinora, solo quattro gare. Al successo abbiamo iniziato a pensare dopo la sesta prova speciale, quando avevamo una ventina di secondi di margine. Poi pensavamo di amministrare, ma poi abbiamo preferito tenere il nostro ritmo per non perdere la concentrazione, e così abbiamo vinto anche le ultime speciali. Ci fa molto piacere aver conquistato il nostro primo successo proprio qui, in una gara che apprezziamo molto per le qualità organizzative e  per la difficoltà delle prove speciali”.

Bello il duello per l’argento: un derby tra piloti modenesi, vinto da Riccardo Gatti al termine di una gara di buona intensità (il sassolese non correva dalla precedente edizione del rally organizzato da Grassano Rally Team).

Un podio che ci dà grande gioia – sorride il portacolori di ABS Motorsport -, maturato grazie ad una macchina molto ben preparata, che abbiamo condotto su ritmi più che soddisfacenti. Abbiamo avuto anche un po’ di fortuna, approfittando di quale disavventura altrui per arrivare alla piazza d’onore, ma siamo comunque del tutto soddisfatti della nostra prova”. Microfono anche al navigatore Marco Mori: “Sono onorato di aver conquistato il Trofeo Lombardini, intitolato all’indimenticato navigatore novellarese; averlo vinto sul podio del mio paese è ancora più bello. Complimenti al mio pilota,  davvero bravissimo per tutta la giornata di gara, ed al team Balbosca che ci ha affidato una vettura perfetta”.

Sorridono anche il pilota di Formigine Paolo Zanni ed il suo coequipier di Sassuolo Faustino Mucci:

Abbiamo perso il secondo posto nelle ultime prove, in particolare con un testa-coda nel finale. Ma queste sono le corse, il podio è un comunque un risultato del quale andiamo fieri e che abbiamo raggiunto anche grazie all’ottimo lavoro di G.B.Motors sulla nostra Fiesta”

 

Appennino Reggiano da dimenticare, invece, per Tosi-Del Barba e Medici-De Luis: i primi, all’esordio su una vettura di massima categoria, la Hyundai i20-HMI, hanno illuso all’inizio, ma sono poi incappati in un’uscita di strada sulla PS4 (San Polo), finendo a testa in giù:

Non posso che recitare il mea culpa – ha ammesso con apprezzabile onestà il pilota di Carpineti -, ho commesso un errore nell’inserimento della vettura in una veloce curva mancina: stavo guidando come se fossi stato ancora al volante di una vettura a due ruote motrici… Peccato, non ero neanche al limite e ci stavamo divertendo molto”.

Pochi istanti dopo, è toccato ad un altro grande favorito della vigilia sciupare tutto: il vezzanese Davide Medici ed il valtellinese Daniele De Luis, in quel momento secondi a 5”4 dagli ormai ex battistrada, hanno sbattuto violentemente la loro Ford Fiesta (R5); l’uscita ha costretto la direzione gara a far percorrere la prova in trasferimento, assegnando i tempi imposti. In questo frangente, da segnalare la velocità con la quale è stato risistemato il guard-rail danneggiato.

Classifica Finale Rally Appenino Reggiano 2018

1° 1.Razzini-Marcomini (Peugeot 208 T16 – R5) in 1:06’15.7; 2° Gatti-Mori (Ford Fiesta –  R5) a 44”0; 3° Zanni-Mucci (Ford Fiesta – R5) a 49”4; 4° Vellani-Amadori (Peugeoet 208 – R5) a 1”59”3; 5° Miele-Mometti (Ford Fiesta WRC) a 2’12”5; 6° Paccagnella-Bianco (Ford Fiesta – R%) a 2’16”3; 7° Milioli-Maletti (Peugeot 208 – R5) a 2’47”1; 8° Gianesini-Fomiatti (Skoda Fabia – R5) a 3’04”4; 9° Beggi-Alicervi (Peugeot 207 – S2000) a 3’18”1; 10° Belli-Albertini  (Mitsubishi Evo X -R4)

C’era grande attesa per la seconda prova della Coppa Italia Zona 2 (Lombardia, Emilia-Romagna e Nord-Ovest), ed il Rally Appennino Reggiano ha confermato le aspettative: trama imprevedibile, grazie anche ad un percorso che ha messo alla prova i 59 equipaggi che hanno preso il via.

A spuntarla, alla fine, sono stati il parmigiano Marcello Razzini ed il piacentino trapiantato a Lodi Gianmaria Marcomini, alla loro prima vittoria assoluta in carriera. A podio con loro le Ford Fiesta (R5) del modenese Riccardo Gatti con il reggiano Marco Mori (vincitore del Trofeo Luciano Lombardini) e dei sassolesi Paolo Zanni e Faustino Mucci. A bordo di una Peugeot 208 (classe R5) di MM Motorsport, l’equipaggio di Collecchio Corse ha interpretato la gara con grande sagacia tattica, tenendo sempre un ritmo molto elevato ma non superando il limite. Sempre tra i più veloci nelle primissime prove, dominate da Tosi-Del Barba (Hyundai i20 – classe WRC) e Medici-De Luis (Ford Fiesta – R5), Razzini-Marcomini hanno agguantato il primato quando i due equipaggi che li precedevano sono usciti di strada, praticamente in contemporanea, sulla quarta speciale. Il tempo perso da Miele-Mometti sulla prova seguente ha spianato ulteriormente la strada ai due, ma i neo-leader non hanno smesso di tenere il proprio ritmo, risultando i più veloci in quattro delle ultime prove speciali.

“Che felicità. Siamo soddisfatti soprattutto per il passo molto elevato e costante che abbiamo tenuto per tutta la gara; questo ci dice che stiamo iniziando a comprendere bene la vettura, con la quale abbiamo corso, sinora, solo quattro gare. Al successo abbiamo iniziato a pensare dopo la sesta prova speciale, quando avevamo una ventina di secondi di margine. Poi pensavamo di amministrare, ma poi abbiamo preferito tenere il nostro ritmo per non perdere la concentrazione, e così abbiamo vinto anche le ultime speciali. Ci fa molto piacere aver conquistato il nostro primo successo proprio qui, in una gara che apprezziamo molto per le qualità organizzative e  per la difficoltà delle prove speciali”.

Bello il duello per l’argento: un derby tra piloti modenesi, vinto da Riccardo Gatti al termine di una gara di buona intensità (il sassolese non correva dalla precedente edizione del rally organizzato da Grassano Rally Team).

Un podio che ci dà grande gioia – sorride il portacolori di ABS Motorsport -, maturato grazie ad una macchina molto ben preparata, che abbiamo condotto su ritmi più che soddisfacenti. Abbiamo avuto anche un po’ di fortuna, approfittando di quale disavventura altrui per arrivare alla piazza d’onore, ma siamo comunque del tutto soddisfatti della nostra prova”. Microfono anche al navigatore Marco Mori: “Sono onorato di aver conquistato il Trofeo Lombardini, intitolato all’indimenticato navigatore novellarese; averlo vinto sul podio del mio paese è ancora più bello. Complimenti al mio pilota,  davvero bravissimo per tutta la giornata di gara, ed al team Balbosca che ci ha affidato una vettura perfetta”.

Sorridono anche il pilota di Formigine Paolo Zanni ed il suo coequipier di Sassuolo Faustino Mucci:

Abbiamo perso il secondo posto nelle ultime prove, in particolare con un testa-coda nel finale. Ma queste sono le corse, il podio è un comunque un risultato del quale andiamo fieri e che abbiamo raggiunto anche grazie all’ottimo lavoro di G.B.Motors sulla nostra Fiesta”

 

Appennino Reggiano da dimenticare, invece, per Tosi-Del Barba e Medici-De Luis: i primi, all’esordio su una vettura di massima categoria, la Hyundai i20-HMI, hanno illuso all’inizio, ma sono poi incappati in un’uscita di strada sulla PS4 (San Polo), finendo a testa in giù:

Non posso che recitare il mea culpa – ha ammesso con apprezzabile onestà il pilota di Carpineti -, ho commesso un errore nell’inserimento della vettura in una veloce curva mancina: stavo guidando come se fossi stato ancora al volante di una vettura a due ruote motrici… Peccato, non ero neanche al limite e ci stavamo divertendo molto”.

Pochi istanti dopo, è toccato ad un altro grande favorito della vigilia sciupare tutto: il vezzanese Davide Medici ed il valtellinese Daniele De Luis, in quel momento secondi a 5”4 dagli ormai ex battistrada, hanno sbattuto violentemente la loro Ford Fiesta (R5); l’uscita ha costretto la direzione gara a far percorrere la prova in trasferimento, assegnando i tempi imposti. In questo frangente, da segnalare la velocità con la quale è stato risistemato il guard-rail danneggiato.

Classifica Finale Rally Appenino Reggiano 2018

1° 1.Razzini-Marcomini (Peugeot 208 T16 – R5) in 1:06’15.7; 2° Gatti-Mori (Ford Fiesta –  R5) a 44”0; 3° Zanni-Mucci (Ford Fiesta – R5) a 49”4; 4° Vellani-Amadori (Peugeoet 208 – R5) a 1”59”3; 5° Miele-Mometti (Ford Fiesta WRC) a 2’12”5; 6° Paccagnella-Bianco (Ford Fiesta – R%) a 2’16”3; 7° Milioli-Maletti (Peugeot 208 – R5) a 2’47”1; 8° Gianesini-Fomiatti (Skoda Fabia – R5) a 3’04”4; 9° Beggi-Alicervi (Peugeot 207 – S2000) a 3’18”1; 10° Belli-Albertini  (Mitsubishi Evo X -R4) a 3’59”0;

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo
Tag:
maggio 7, 2018

“5 domande ad Andrea Nucita, vincitore della Targa Florio 2018”

Finalmente un siciliano, dopo Totò Riolo nel 2010, ha scritto il proprio nome nell’Albo d’oro della gara più antica e una delle più famose del mondo. Si tratta di Andrea Nucita, pilota 28enne nato a Catania. Ha condiviso la vittoria con il tradizionale navigatore Marco Vozzo.

Nel corso del rally abbiamo raccolto questa breve intervista al Parco Assistenza di Termini Imerese.

D.1Come ti trovi con la Hyundai i20 R5? R.Molto bene, è una vettura veloce. 

D.2 –  Che livello di preparazione ha? E’ competitiva? R.Si, certamente, un ottimo livello, ha gli ultimi aggiornamenti, ma anche le altre sono competitive e i miei rivali sono tutti molto forti. 

D.3 Beh, è la tua “gara di casa”, ma Andreucci è come se fosse siciliano, ha vinto 10 volte qui….. R. Si, io conosco bene la gara, ma lui penso meglio di me, l’ha fatta un mare di volte. 

D.4 – Perchè non sei iscritto al CIR? R. – Perchè non farò tutte le gare, e comunque non tutte nella stessa categoria (il Rally di Roma lo farà con l’Abarth ndr).

D.5 – Farai altre gare con l’Abarth 124 oltre quelle che restano del FIA R-GT? R.Beh, penso di si. Intanto farò le due rimanenti del Campionato del Mondo RGT, poi ne farò altre……..

A quanto mi ha lasciato intendere potrebbe proseguire, disputandolo interamente, nel Campionato Sloveno Rally, dove ha esordito, come noto, nel “Rally Vipavska dolina”, con un prestigioso 3° posto assoluto e 1° RGT-2RM.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag: