Posts tagged ‘Surface’

maggio 19, 2017

“Sorpresa rovinata, le foto del nuovo Microsoft Surface Pro sono già online”

Il 23 maggio si svolgerà un evento a Shanghai nel corso del quale Microsoft dovrebbe presentare la versione aggiornata del Surface Pro 4, quelli che molti chiamano semplicemente Surface Pro. Non c’è a ogni modo bisogno di aspettare per capire come sarà fatto perché a quanto pare si tratterà soltanto di un refresh (un ritocco dal punto di vista hardware e non estetico), quello che per Intel si chiama un “tock” o, se vogliamo restare in ambito Apple, un po’ come fa Cupertino con gli iPhone di generazione “S”. Il sito Venturebeat spiega che le opzionali Cover con tastiera e la Surface Pen saranno disponibili in quattro tonalità di colore simili ma non identiche a quelle viste nei giorni passati con i nuovi Surface Laptop. Come si evince dalle foto, il nuovo modello non presenta particolari differenze sul fronte estetico rispetto all’attuale Surface Pro 4. Le porte sembrano essere le stesse, con connettore jack per cuffie, una Mini DisplayPort e una USB Type-A. Contrariamente ad Apple, Microsoft non sembra ancora credere alle potenzialità delle porte USB-C. Secondo Venturebeat il nome sarà semplicemente “Surface Pro”. L’unica novità riguarderà probabilmente solo i processori (si passa agli Intel Kaby Lake). Sembra invece che durante l’evento in programma a Shanghai Microsoft non presenterà la nuova generazione dei portatili top di gamma Surface Book. Ne dovremmo ad ogni modo sapere di più nei prossimi giorni, inclusi modelli e prezzi del nuovo Surface Pro.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 11, 2017

“Per utenti Surface è meglio di iPad”

Il Surface di Microsoft è il miglior tablet in commercio. A incoronare per la prima volta il dispositivo della compagnia di Redmond è un sondaggio di J.D. Power, che da sei anni chiede ai consumatori Usa un’opinione sui tablet. Il Surface trionfa in tre categorie: connettività internet, disponibilità di accessori originali e varietà di applicazioni preinstallate.     Stando al sondaggio, che ha preso in esame oltre 2mila utenti, Microsoft ha totalizzato 855 punti su mille e cinque stelle su cinque, seguito dall’iPad di Apple a 849 punti e dai tablet di Samsung a 847, entrambi con quattro stelle. Fuori dal podio, con tre stelle su cinque LG (836) e Amazon (834), con due stelle Acer (814) e Asus (812). In barba ad Apple, il Surface viene premiato anche per l’estetica, e in particolare per le dimensioni, la qualità dei materiali usati e il design accattivante. “Microsoft Surface ha ampliato il ventaglio di cosa può fare un tablet, e ha fissato lo standard della soddisfazione del cliente”, ha detto il vicepresidente di J.D. Power, Jeff Conklin. “Questi tablet hanno prestazioni elevate come quelle dei pc portatili, ma possono funzionare anche come tablet normali. Tale versatilità è fondamentale per l’appeal e il successo del dispositivo”.

Questo articolo lo trovate su sito ANSA

Tag:
dicembre 5, 2016

“Microsoft Surface Pro 5, le specifiche attese puntano al top”

Il nuovo Microsoft Surface Pro 5 è atteso per la prossima primavera, ma in rete cominciano già a circolare le specifiche tecniche attese. Per il computer 2 in 1 della multinazionale di Redmond è già prevista una configurazione hardware di tutto rispetto che include non solo i processori Intel Kayby Lake di ultima generazione ma anche updgrade sotto ogni punto di vista, come per esempio opzioni per SSD fino a 512 GB. Miglioramenti previsti anche per la batteria e l’autonomia, alcuni si spingono a prevedere anche schermi PixelSense di nuova generazione con risoluzione 4K. A questo proposito però occorre rilevare che la risoluzione 4K è supportata di serie dai processori Intel Kaby Lake ma non è detto che Microsoft intenda sfruttare questa caratteristica in Microsoft Surface Pro 5. Secondo altri invece gli schermi non arriveranno alla risoluzione 4K ma puntano all’integrazione di un sensore di impronte nello schermo, funzionalità suggerita da un brevetto Microsoft depositato già alcuni anni fa. Miglioramenti sono attesi anche per lo stilo: invece della batteria sostituibile sembra arriverà una nuova versione con batteria integrata e ricarica wireless tramite apposito dock che dovrebbe essere incluso nella confezione. Non mancano punti in comune con computer e portatili di ultima generazione, inclusi i MacBook Pro 2016. Tra le specifiche attese, sembra che Microsoft Surface Pro 5 metterà a disposizione non solo porte USB-C ma anche la tecnologia Thunderbolt 3. Considerando la provenienza ancora poco precisa delle indiscrezioni e anche i mesi che mancano al lancio atteso, è consigliabile accogliere queste anticipazioni con un pizzico di cautela.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
novembre 27, 2016

“Satya Nadella faremo il dispositivo mobile definitivo. È Surface Phone?”

Il CEO di Microsoft, Satya Nadella, ha alimentato le speranze di chi è ancora in attesa del fantomatico “Surface Phone”, lo smartphone di Microsoft di cui si chiacchiera in rete da diversi mesi e che potrebbe essere lanciato nel prossimo 2017. In un’intervista all’Australian Financial Review, Nadella detto che l’azienda sta conducendo la ricerca innovativa che garantisca a Redmond di continuare ad avere una presenza nel mercato degli smartphone. Piuttosto che seguire la tendenza attuale, Microsoft starebbe però cercando di ridefinire il settore, tentando di realizzare il “dispositivo mobile definitivo”. Sottolineando la sua filosofia, Nadella ha detto che la società non vorrebbe lanciare una categoria di dispositivi senza portare qualcosa di diverso per il segmento: Microsoft è più interessata a come gli individui e le organizzazioni usano dispositivi, non tanto ai dispositivi stessi. “Noi non vogliamo essere guidati solo dall’invidia di ciò che altri fanno, la domanda è: cosa possiamo portare? Ecco perché penso a qualsiasi fattore di forma per un dispositivo o qualsiasi tecnologia, anche l’intelligenza artificiale” ha detto Nadella. “Noi continueremo ad essere nel mercato della telefonia non nella maniera in cui esso è definito dai leader di settore, ma in base a quello che sapremo realizzare in modo univoco in quello che sarà il dispositivo mobile definitivo.” L’introduzione di un Surface Phone rappresenterebbe un importante ritorno di Microsoft nel settore smartphone, soprattutto considerando i pessimi risultati ottenuti dall’azienda dopo l’acquisizione di Nokia, che avrebbe dovuto consegnare a Microsoft un’importante fetta di mercato ma che ha invece riservato solo delusioni e fallimenti, drasticamente riducendo (ma forse sarebbe meglio dire cancellando) la sua presenza nel settore.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
ottobre 27, 2016

“Specifiche alla mano, l’iMac è più conveniente di Microsoft Surface Studio”

Macworld mette a confronto l’iMac di Apple con il Surface Studio, il nuovo all-in-one di Microsoft con Windows 10, un po’ da tutti identificato come il primo serio concorrente dell’all-in-one di Cupertino. La variante più economica del Surface Studio, che sarà in vendita dal 15 dicembre, parte negli USA da 2999 dollari. Per questo prezzo si ha un Intel Core i5 quad-core, 1 TB di storage, 8GB di RAM e una GPU NVIDIA GeForce GTX 965M con 2 GB di VRAM. Il Core i5 in questione è di sesta generazione (Skylake) giacché i chip Kaby Lake quad-core non saranno disponibili prima dell’inizio del 2017. L’unità di storage è presentata come “rapid hybrid drive”: in poche parole è lo steso concetto del Fusion Drive sull’iMac, una tecnologia che combina una unità allo stato solido con un disco rigido tradizionale. Non è possibile configurare un Surface Studio unicamente con unità SSD. Il processore grafico del Surface Studio è l’Nvidia GeForce GTX 965M con 2GB di memoria GDDR5 (la  variante più potente dell’all-in-one sfrutta la 980M con 4GB GDDR5). Si tratta di una GPU per notebook utilizzabile in ambito gaming, anche se il target dei Surface Studio sono i professionisti dalla creatività come dimostra lo schermo da 192ppi, il supporto alla modalità sRGB e ai profili DCI-P3. L’iMac da 27″ di Apple usa un quad-core Intel Core i5, lo stesso chipset Skylake del Surface Studio. A parità di configurazione l’all-in-one di Apple permette di risparmiare un migliaio di dollari. Per 1999 dollari (2.329 euro su Apple Store Italia) è possibile comprare un iMac intermedio con Core i5 quadcore a 3.2GHz, 8GB di RAM, Fusion Drive da 1TB e display Retina 5K con risoluzione 5120×2880 pixel, display con supporto profili P3. L’unica differenza è il chip grafico: l’iMac sfrutta l’AMD Radeon R9 M390 con 2GB di GDDR5 (Apple non consente di scegliere in opzione GPU di Nvidia). È possibile avere un Surface Studio con il doppio della memoria RAM (16GB) e un processore Intel Core i7 al posto del Core i5 aggiungendo 500 dollari e arrivando in totale a 3.499 dollari. Per la configurazione top possibile bisogna arrivare a 4.199 dollari: abbiamo un processore Intel Core i7, 32GB di memoria RAM, un drive ibrido da 2 TB e una GPU Nvidia GeForce GTX 980M con 4GB di memoria GDDR5. Di serie con il Surface Studio abbiamo tastiera Surface Keyboard, il Surface Mouse e la Surface Pen (una sorta di Apple Pencil). Opzionale (100 dollari) è invece il Surface Dial, accessorio che consente di visualizzare e navigare menu, gestire zoom e altre funzioni, utilizzabile sia appoggiato sulla scrivania oppure per eseguire altre operazioni appoggiandolo direttamente sullo schermo. Un iMac da 27″ con specifiche simili costa 700 dollari in meno: 3,399 dollari. Apple consente in fase di ordine di scegliere processore Core i7, (250 dollari in più da aggiungere ai 2299$), avere 32Gb di memoria RAM (+600$) e come grafica scegliere tra AMD Radeon M392 con 2GB di memoria video GDDR5 o la AMD Radeon R9 M395X con 4GB di memoria video GDDR5. Rispetto al Surface è possibile scegliere Fusion Drive da 2TB, 3TB, unità flash da 256, 512 e 1TB. La massima configurazione possibile dell’iMac 27″ costa sul sito Apple 4099 dollari (4.789 euro su Apple Store Italia) con lo stesso identico Core i7, 32GB of RAM e i 4GB di RAM video. Il Surface Studio integra di serie la Surface Pen (valore circa 60$) il Mac ovviamente arriva con macOS Sierra, il Surface Studio con Windows 10.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
ottobre 26, 2016

“Surface Studio, così potrebbe chiamarsi l’anti iMac di Microsoft”

Con Surface Studio, Microsoft sfiderà iMac di Apple. Sarebbe questo il nome del computer tutto in uno di cui abbiamo già ampiamente parlato qui e che la società di Redmond dovrebbe presentare alle 19:00 italiane odierne in un evento che si potrà seguire in diretta attraverso l’apposita pagina nel sito ufficiale. Ad anticiparlo è Brian Conroy, avvocato specializzato in marchi che più di una volta in passato ha segnalato i nomi di altri dispositivi poco prima della presentazione ufficiale, come nel caso degli AirPods e della Touch Bar di cui probabilmente sentiremo parlare domani a riguardo dei nuovi MacBook che Apple presenterà con l’evento “Hello Again”. La procedura è sempre la stessa: anche in questo caso il legale irlandese avrebbe infatti avvistato la registrazione di una serie di marchi Surface Studio da una misteriosa società slovena per conto di Microsoft, depositati sia nella categoria hardware che software, motivo per cui potrebbe essere proprio questo il nome del computer in arrivo. Per conferme o smentite, non resta che attendere ancora qualche ora.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 29, 2016

“New Surface Pro 4 Ad Compares Tablet PC With MacBook Air”

Microsoft ha lanciato oggi un nuovo spot per la sua superficie Pro 4, confrontando direttamente il computer tablet di Apple MacBook Air.

L’annuncio, intitolato “Surface Pro 4 è quello per me”, è stato pubblicato su YouTube e dispone di una donna che cerca fuori alcune delle caratteristiche della superficie Pro 4 e poi il tentativo di replicare la funzionalità su un MacBook Air, senza alcun risultato. Per tutto il tempo, un uomo melodia gioca una tastiera musicale e canta le lodi di allestimenti originali offerta PC di Microsoft contro la macchina di Apple, che egli definisce “meno utile, come un cappello per il vostro gatto”.

L’annuncio spensierata svolge delle funzioni disponibili sulla firma Surface Pro 4 di come la tastiera staccabile, penna e touch screen, nonché relativa leggerezza della macchina rispetto al MacBook Air, che è “più lento, più pesante, e un quadrato po ‘”, canta la tastiera giocatore. L’annuncio termina con lo slogan: “Surface fa più Proprio come te.”.

Lo spot segue un simile tema anti-Apple ha adottato da Microsoft in annunci recenti, che hanno in precedenza rispetto l’iPad Pro con la superficie Pro 4, il Libro di superficie con il MacBook Pro, e Windows 10 con OS X.

La superficie 12,3 pollici Pro 4 parte da $ 899 per 128 GB di memoria interna e 4GB di RAM, e va fino a un massimo di $ 1799 per 256 GB di memoria interna e 16 GB di RAM.

Comparativamente, il 11-inch MacBook Air comincia a $ 899, con 128 GB di spazio di archiviazione e 4GB di RAM, aumentando a $ 1099 per 256 GB di spazio di archiviazione e 8GB di RAM, mentre il modello da 13 pollici parte da $ 999 per 128 GB di spazio di archiviazione e 8GB di RAM , e l’aumento di $ 1199 per 256 GB di spazio di archiviazione.

Questo articolo lo trovate su sito MacRumors

 

Tag:
maggio 31, 2016

“Surface Phone con tastiera cover e fino a 8 GB di RAM trapela in render”

Microsoft sembra abbia abbandonato gli smartphone consumer per dedicarsi ai terminali di fascia superiore e aziendali: da mesi circolano voci su Surface Phone ed ora in rete appare un render insieme a specifiche hardware top. Nell’immagine che riportiamo da Neowin è visibile il presunto Surface Phone munito di cover con tastiera, come da tempo avviene per i tablet Surface 2 in 1 e anche per iPad Pro. Nel lato inferiore è visibile quello che sembra essere un connettore USB-C, sul retro fotocamera e doppio flash LED simile a Lumia 950 XL infine in alto si intravvede il jack audio. Si raccomanda cautela per questo render perché potrebbe essere il lavoro di un appassionato o, anche se originale di Microsoft, design e dettagli potrebbero cambiare prima del lancio atteso solo in aprile del 2017, quindi a grande distanza di tempo e suscettibile di cambiamenti anche profondi. Interessanti le presunte specifiche tecniche di Surface Phone circolate nelle scorse ore per ben tre modelli diversi: un base con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria, una versione intermedia con 6 GB di RAM e 128 GB di storage, infine un modello top con addirittura 8 GB di RAM e 500 GB di memoria. Si prevedono schermi da 5,7” e hardware basato sul processore Qualcomm Snapdragon 830 che deve ancora essere annunciato.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
dicembre 16, 2015

“Il computer ninja è zoppo, grandi dolori per gli utenti Surface Book e Surface 4”

Come le migliori storie d’amore è stato un lampo: al lancio media e recensioni in USA hanno accolto positivamente Microsoft Surface Book e Surface 4, salvo poi ricredersi non appena i due dispositivi sono arrivati sul mercato e sono cominciati a comparire seri problemi di funzionamento. L’elenco è lungo e consistente: instabilità di sistema, sfarfallio dello schermo e soprattutto gravi problemi di alimentazione. A questo alcuni aggiungono anche crash e blocchi improvvisi, mancato avvio, problemi hardware nel sistema di aggancio e sgancio dello schermo.

Microsoft è a conoscenza dei problemi, come dimostra la patch rilasciata al volo nello stesso giorno di lancio di Surface Book. In un articolo di Engadget alcuni ingegneri della divisione hardware di Redmond assicurano che un team dedicato sta lavorando a ritmo sostenuto per risolvere ogni problema: il numero delle patch rilasciate lo conferma, ma sembra persistano ancora alcuni degli inconvenienti più gravi, tra cui quelli di alimentazione. Sia per il primo notebook di Microsoft che per Surface 4 diversi utenti lamentano l’eccessivo consumo di energia in standby, ne consegue la brutta sorpresa di trovarsi il dispositivo a secco quando occorre invece usarlo per lavorare.

Surface BookQuello che più sorprende però è che praticamente tutti i problemi e le relative lamentele degli utenti sono emersi solo dopo la commercializzazionedelle macchine, ragione per cui si sospetta che la fase di test interna di Microsoft debba essere modificata per includere più macchine e utenti di prova. Da questo punto di vista la situazione risulta più comprensibile per Microsoft Surface Book il primo portatile di sempre di Redmond, meno invece per Surface 4 che è è già appunto alla sua quarta generazione.

Da parte sua sembra che Microsoft stia facendo tutto il possibile per aiutare gli utenti dei dispositivi Surface, con sostituzioni rapide quando si rendono necessarie, in alcuni casi addirittura con l’invio del prodotto sostitutivo ancora prima di ricevere quello difettoso. Alcuni utenti hanno scelto di tenere Surface e di aspettare le patch, altri invece hanno optato per la restituzione e il rimborso. È un peccato che tutto questo si verifichi per macchine accolte come innovative e originali per il loro mix di hardware, design e funzioni ma, se la storia di Microsoft insegna, è lecito attendersi un graduale recupero.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

surface pro 4

Tag: