luglio 14, 2017

“Ostberg e Floene: si separano le strade”

Dopo una stagione e mezza, il norvegese Mads Ostberg si separa dal copilota Ola Floene. La coppia norvegese debuttò al Rallye Montecarlo 2016, vedi foto copertina, quando Floene si separò da Mikkelsen e Ostberg dallo svedese Jonas Andersson. Oggi il comunicato del Team Adapta: “Questa è una decisione del team. Abbiamo visto che in questo periodo ci sono state delle difficoltà nel rapporto tra Mads e Ola. Alla fine dobbiamo pensare a ciò che è meglio per la squadra. A livello di prestazioni, tutto deve funzionare per il meglio. Stiamo lavorando per una soluzione permanente, Mads sarà aiutato dai copiloti di Adapta Motorsport, Torstein Eriksen e Patrik Barth per i prossimi rally, partendo da Eriksen al Rally Finlandia. Sappiamo bene, e siamo certi, che hanno l’esperienza e l’abilità per fare bene in quel ruolo. Ola sarà ancora nel team Adapta Motorsport. Stiamo lavorando insieme a diversi piani, separati dal programma di Mads nel WRC “.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it

Tag:
luglio 14, 2017

“Rally San Marino, le dichiarazioni alla vigilia della gara da parte di Andreucci e Pollara”

Manca poco al via del Rally di San marino, secondo ed ultimo appuntamento su terra in programma in questo CIR. Il Team Peugeot Sport Italia è determinato a consolidare il vantaggio accumulato nel campionato costruttori e la coppia Andreucci – Andreussi vuole mettere una seria ipoteca sul 10° titolo tricolore. Non solo Ucci-Ussi questo San Marino, ma occhi puntati anche sull’equipaggio Pollara – Princiotto che cercherà di accumulare punti preziosi per il campionato Junior. Mancano poche ore al via della gara e andiamo a sentire cos’hanno dichiarato i piloti, cominciando da Paolo Andreucci: Il rally di San Marino è una gara bella ed interessante per diversi aspetti. Le strade sono più lente dell’Adriatico ma bellissime e tecniche da guidare e da seguire come spettatori. Il primo giorno è prevista la classica prova speciale di Sestino che veniva fatta anche nel mondiale ma ora è divisa in due corte prove speciali. Quest’anno ci sarà poi una prova speciale di 5 km, mai fatta finora. I tempi sono ristretti ed un errore si può pagare caro. A fine giornata ci sarà la prova speciale su asfalto della salita di San Marino che spesso è stata determinante per vincere o perdere il rally. Per gara 2 avremo una prova speciale nuova più lunga ed una già fatta in passato, molto guidata e bella in zona Apecchio. Noi nella nostra 208 T16 abbiamo previsto una piccola variazione di assetto che potrebbe darci un leggero vantaggio. L’auto va davvero molto bene e beneficiamo del grande vantaggio delle gomme Pirelli, davvero determinanti e qui sempre molto competitive. Siamo ben consapevoli del valore dei nostri avversari ma daremo il massimo perché noi siamo il loro primo avversario da battere! Chiudiamo col giovane Marco Pollara: E’ la seconda volta che corro al Rally di San Marino e devo dire che mi piace. Rispetto all’Adriatico le prove speciali sono molto meno veloci, ci sono più curve e molti tratti guidati. Ci vuole quindi molta più tecnica di guida. Useremo molto la testa perché vogliamo portare a casa punti importanti per Peugeot in questo bel campionato che si sta avvicinando alla fine. Gli avversari saranno sicuramente col coltello fra i denti ma noi siamo determinatissimi a portare a casa anche questa volta un bel risultato.

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo

Tag:
luglio 13, 2017

“Sconti a cascata su molti accessori e dispositivi Xiaomi e non solo”

Xiaomi Mi6 nella versione con 64GB di capacità è in sconto a 354,18 euro. Il nuovissimo smartphone presentato dall’omonimo produttore cinese tra le caratteristiche di punta offre ben 6 GB di RAM e processore Qualcomm Snapdragon 835, lo stesso che monta il nuovo top di gamma Samsung Galaxy S8. A livello estetico la società non ha fatto scelte estreme come Samsung e LG: il nuovo Mi6 si presenta come uno smartphone più tradizionale, con display da 5,15 pollici con vetro curvo su tutti i lati. Sul lato posteriore monta invece un doppio modulo fotografico, con un sensore da 12 megapixel che combina un obiettivo grandangolare con un obiettivo zoom. Il terminale presenta anche una batteria da 3.350mAh, mentre manca il jack per cuffie da 3,5mm. Anziché 497,89 euro è possibile portarselo a casa per 354,18 euro: è sufficiente inserire il codice PZ0041D nel carrello prima dell’acquisto. Tra le altre offerte attive su Cafago cè l’action camera di Xiaomi, che scende a 37,19 dollari con il codice PA35GYC, oppure lo smartwatch Amazfit per 99,99 dollari grazie al codice PW02B. Xiaomi Mi Band 2 lo potete pagare invece 16,99 euro usando il codice PA3642S mentre se state cercando un box TV 4K per portare la tecnologia Smart su qualsiasi televisore, trovate H96pro+ a 56 dollari usando il codice V2799S.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 13, 2017

“Disabili, arriva il via libera al programma per la tutela e l’integrazione”

Ciao Amici di Disabili Abili, che dire Siamo davanti ha una svolta o ad una bufala? mi auguro la prima per tutti noi; gli obbiettivi ormai sono sempre i soliti, vedremo se dalle parole e le carte si passerà effettivamente ai fatti. Non per essere pessimista ma vista l’aria che tira a livello politico Nazionale non nutro tantissime speranze sull’ attuazione di questa proposta non noto attualmente candidati politici che spiccano per particolare sensibilità nei nostri riguardi ma mi auguro di essere smentito ovviamente; L’articolo che potrete leggere di seguito non è molto preciso e già questo mi lascia un pochino perplesso; Ma sognare non costa nulla ed è giusto che ognuno di noi nel proprio cuore tenga viva la fiammella della speranza negli ambiti nella quale sente il bisogno. Quindi attendiamo SPERANZOSI novità positive riguardo questa comunque lodevole intenzione. Se ciò venisse attuato ovviamente i benefici sarebbero enormi, perchè parliamo di ambiti fondamentali per la vita di un essere umano che sono: SALUTE, ISTRUZIONE E LAVORO; speriamo che ciò si traduca in facilità di collocamento lavorativo, stipendio dignitoso; insegnanti di sostegno competenti ed accesso veloce alle cure; se tutto questo diventasse realtà sarebbe a livello pratico un passo enorme di uguglianza agli occhi anche di chi è meno sensibile in questo settore, ma proprio da qui che dovrebbe passare un altro fondamentale passo :cioè la sensibilizzazione delle persone alla disabilità in generale! non so voi ma io da parecchi mesi ormai noto sempre meno sensibilità molto più razzismo ed un esagerato menefreghismo non sono con noi diversamente abili ma in Ogni contesto! mi auguro di essere troppo paranoico per il bene di tutti! ma questa sensazione ormai la provo ogni giorno ed è ormai diventata una seconda pelle. Con questo vi lascio all’ articolo buona SPERANZA e lettura a tutti. Simone Di Qui Finanza Nuove norme a favore dei disabili, per tutelare i loro diritti e l’integrazione. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, approvando il secondo Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità. Il Programma, predisposto dall’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, dovrà essere adottato con apposito decreto del Presidente della Repubblica, ma verrà prima inviato alla Conferenza unificata per l’acquisizione del parere obbligatorio. L’obiettivo del Programma è quello di garantire il principio di uguaglianza sostanziale delle persone con disabilità rispetto al resto della popolazione. In sostanza, il programma prevede 8 aree di intervento: riconoscimento e certificazione della disabilità; politiche e servizi per l’autonomia e l’inserimento nella vita sociale; salute, diritto alla vita, abilitazione e riabilitazione; processi formativi ed inclusione scolastica; lavoro e occupazione; promozione e attuazione dei principi di accessibilità e mobilità; cooperazione internazionale e sviluppo del sistema statistico e di reporting sull’attuazione delle politiche.

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag:
luglio 12, 2017

“N.2 Apple’all’asta’ per lotta ad autismo”

Il vicepresidente di Apple Eddy Cue si mette all’asta per una buona causa, combattere l’autismo. Eddy Cue, a capo della divisione Internet Software and Services della Mela, si offre per un pranzo ‘blindato’ all’Apple Park, il nuovo faraonico Campus di Cupertino in California. L’asta ha un valore stimato di 50mila dollari e per fare un’offerta c’è tempo fino al 25 luglio. La cifra raccolta sarà destinata all’Autism Movement Therapy, una organizzazione californiana senza scopo di lucro che assiste persone con autismo attraverso un programma speciale che combina musica e movimento.     Per partecipare bisogna aver compiuto almeno 18 anni, la data del pranzo verrà fissata compatibilmente con gli impegni di entrambi i partecipanti tra il 1 agosto 2017 e il 30 giugno 2018. Nel testo dell’asta viene espressamente citato il divieto di scattare fotografie.     Eddy Cue è già protagonista di una simile iniziativa: si è messo all’asta per beneficenza su Charitybuzz per la fondazione statunitense NABC (National Association of Basketball Coaches) che supporta iniziative nel campo dell’istruzione.

Questo articolo lo trovate su sito ANSA

Tag:
luglio 12, 2017

“In foto il presunto Google Pixel XL 2017, un piacevole déjà vu”

Appare in rete la prima immagine esclusiva, seppur presunta, di Google Pixel XL 2017, successore dell’attuale line up degli smartphone di Mountain View, mai arrivati ufficialmente sul nostro territorio. A prima vista non sembra troppo originale, ed anzi sembra riprendere le forme di un altro dispositivo già noto. L’immagine viene pubblicata dalla redazione di AndroidPolice, che cita fonti anonime ma ritenute altamente affidabili. Il dispositivo risponderebbe al nome in codice di “Taimen”, e si tratterebbe della versione XL, quindi del dispositivo più grande in termine di dimensioni. La caratteristica principale del terminale, la si distingue chiaramente, è l’ampio display anteriore, che restituisce una sensazione di déjà vu, apparendo come un mix tra Galaxy S8 e LG G6. Proprio LG sarebbe il produttore partener nella realizzazione del dispositivo. Se il frontale richiama quello degli attuali top di gamma LG e Samsung, la parte posteriore è leggermente ricurva ai lati, con un design che spacca completamente a metà lo chassis. A livello di caratteristiche tecniche, Pixel XL 2017 presenterebbe un sensore di impronte digitali posto al di sotto del vetro posteriore. Non si comprende, invece, se la fotocamera sia completamente livellata al case posteriore, o se sporga leggermente, ma l’anello argentato intorno alla copertura dell’obiettivo suggerisce un leggerissimo rialzo. Sull’anteriore, un vistoso display di matrice LG, con tecnologia Amoled e diagonale da ben 6 pollici, con un aspect ration di 2:1. La dimensione del display, peraltro, sembrerebbe confermare alcuni rapporti apparsi in rete nei giorni scorsi. Tra gli altri dettagli, il frontale mostra l’altoparlante superiore e la camera frontale, mentre nessun dato certo è possibile cogliere dalla immagine. Nessuna informazione, invece, è trapelata sul prezzo o sulla data di lancio. Non si sa neppure se il terminale prenderà il nome di Google Pixel XL 2: si presume che il terminale possa essere “schiacciato” ai lati quando impugnato per interagire con Google Assistant, come è possibile fare con HTC U11, o in modo comunque simile. Si pensa a un lancio entro l’anno, forse in ottobre, anche per far concorrenza al prossimo iPhone 8, la cui presentazione è attesa per settembre. Inoltre, nonostante Pixel sia stato accolto positivamente da pubblico e critica, c’è chi pensa che il suo design sia invecchiato rapidamente. Se così fosse, un terminale con un ampio display siffatto, servirebbe a proiettare Google nell’era moderna degli smartphone, fatti ormai di display “infiniti”.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 11, 2017

“Orfani di Windows Phone 8.1, oggi termina il supporto ufficiale”

Le quote di mercato parlano chiaro: ormai da diversi trimestri Windows Phone 8.1 è considerato defunto, Microsoft è assente nel settore smartphone ma il vero funeral party avviene oggi. Infatti nella pagina di supporto Microsoft informa che l’11 luglio 2017 termina il supporto mainstream, questo significa che il sistema operativo mobile non riceverà più aggiornamenti con nuove funzionalità. In preparazione a questo passaggio il colosso del software ha rilasciato Upgrade Advisor, permettendo così agli utenti di dispositivi Windows Phone 8.1 di passare al più recente Windows 10 Mobile. Occorre però ricordare che questa opzione non è risultata disponibile per tutti gli smartphone Windows Phone 8.1 perché dipende dall’operatore telefonico, dal costruttore, dalla regione in cui si trova l’utente e naturalmente dalle specifiche hardware del dispositivo. Si stima così che oltre il 70% degli smartphone Microsoft in circolazione funzioni ancora con Windows Phone 8.1, un parco terminali che ora rimane cristallizzato nel tempo privo di update. Ma non ci sono solo brutte notizie: anche se la piattaforma non riceverà più aggiornamenti con nuove funzioni Microsoft continuerà a rilasciare update per la sicurezza. Questo permetterà agli utenti di poter continuare a usare il proprio terminale in tutta tranquillità, almeno per quanto riguarda le funzioni telefoniche di base e fino a quando app ormai considerate imprescindibili continueranno a girare, una su tutte WhatsApp.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 11, 2017

“Usa, 2mila testate contro Google e FB: chiedono legge contro monopolio news”

Basta allo strapotere di Google e Facebook e all’utilizzo gratuito da parte loro di contenuti prodotti dalle redazioni. Questa la richiesta arrivata al Congresso Usa dalla News Media Alliance (Nma) – associazione che rappresenta oltre 2mila quotidiani negli Stati Uniti, tra cui “New York Times” e “Washington Post”. La proposta è quella di varare una legge antitrust per proteggere i giornali americani dai colossi del web. La tesi dell’associazione è che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l’economia dell’informazione. Insieme infatti gestiscono il 60% della pubblicità digitale in America e il 50% a livello globale, mentre la pubblicità su carta è crollata di due terzi rispetto a 10 anni fa. E non è tutto: Nma sostiene che il dominio di Facebook e Google ha creato un sistema economico malato nel settore dei media e nella distribuzione di notizie, un sistema nel quale i benefici vanno tutti ai due colossi, mentre i lettori non arrivano più ad avere un collegamento diretto con i giornali. Per questo le 2mila testate avanzano richieste precise, innanzitutto quella di aumentare la distribuzione dei ricavi da pubblicità. Facebook, per esempio, ha aggiornato i termini per la spartizione degli introiti con Instant Articles, anche se per Nma non è abbastanza. Il gruppo chiede anche di creare un maggiore sostegno per un modello che preveda abbonamenti, magari con l’aiuto di Facebook e Google. Ci sono voci che Facebook stia lanciando una funzione mobile che permette di pagare gli articoli. La terza richiesta è legata a una maggiore condivisione dei dati raccolti dai due colossi con i giornali. Infine i quotidiani chiedono ai due colossi tech di dare maggiore visibilità ai marchi dei singoli giornali. Secondo una ricerca di Pew/Knight Foundation il 10% degli intervistati crede che la fonte dell’articolo sia Facebook, anche se è stato prodotto da altri. Questa azione da parte dell’Nma apre uno scenario inedito: è la prima azione concreta contro il duopolio Google-Facebook, mentre in Europa i due colossi sono già finiti nel mirino dell’autorità Ue.

Questo articolo lo trovate su sito Tgcom24

luglio 10, 2017

“Niente Huawei P11, dopo P10 forse arriva direttamente Huawei P20” 

Se i troppi numeri seguiti dalla lettera “P” nel titolo potrebbero generare qualche confusione, il rumor apparso in rete in queste ore è più semplice di quanto si creda: Huawei avrebbe intenzione di non rilasciare Huawei P11, per passare direttamente alla serie P20. All’inizio di quest’anno, Huawei ha annunciato P10 e P10 Plus al Mobile World Congress. Si tratta degli attuali modelli top di gamma, successori diretti di P9 e P9 Plus, rilasciati lo scorso anno con successo. Anche i P10 hanno riscosso consensi tra pubblico e critica ed è facile aspettarsi che la società continui con la serie. A quanto pare, però, non ci sarà nessun Huawei P11, ma direttamente un modello identificato come P20. L’indiscrezione proviene dalla redazione di GSMArena, ed è basata unicamente sul deposito del reltivo marchio da parte di Huawei nei giorni scorsi. Ovviamente, registrare il nome Huawei P20 non fornisce alcuna garanzia che il prossimo terminale prenda questo nome, né che esisterà mai un Huawei P20. E’ certo, però, che la mossa di Huawei potrebbe lasciare intendere qualcosa in tal senso. Peraltro, alcune voci apparse in rete nei giorni scorsi, scommetterebbero sul fatto che il successore della linea P non sarà svelato entro l’anno, ma che prenderà vita solo nel 2018. Tra le voci sulle possibili caratteristiche tecniche dei successori della linea top di gamma Huawei, si ipotizza l’utilizzo del SoC Kirin 970, che prenderà posto anche all’interno del prossimo Mate 10. Non ci sono molti dettagli sul chip in questione, ma un precedente rapporto aveva affermato che il processo di produzione sarà a 10nm, e che il chip utilizzerà quattro core ARM Cortex-A73 e quattro ARM Cortex-A53. Ad ogni modo, che Huawei stia già lavorando ai prossimi top di gamma non vi è dubbio, ma è impossibile che molti dei dettagli emergano a breve.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
luglio 10, 2017

“Cornice digitale 15‘’ con telecomando in offerta a metà prezzo: 76,65 euro”  

Se volete regalare o regalarvi una cornice digitale da posizionare in salotto o sulla scrivania dell’ufficio, date un’occhiata all’offerta attiva con un codice su quella di Andoer. Con ampio schermo da 15‘’ e telecomando per controllarla a distanza, la pagate la metà: solo 76,65 euro spedizione inclusa. Macitynet ha provato una versione molto simile, con display da 13‘’. Qui trovate la nostra recensione. Oltre che per le dimensioni dello schermo, differisce per i controlli sulla cornice, che si trovano davanti anziché nascosti dietro, quindi sono più comodi e facili da raggiungere. In confezione c’è comunque un telecomando per scorrere le foto e gestire le varie funzioni anche a distanza. Questa cornice si può appoggiare su qualsiasi superficie piana grazie al cavalletto incluso in confezione, oppure si può fissare al muro. Necessita di alimentazione per funzionare (il caricatore è incluso in confezione) e può leggere i file da una chiavetta USB oppure una scheda SD. In entrambi i casi, oltre alle foto, può riprodurre anche i video e la musica, il cui audio viene riprodotto attraverso uno speaker incorporato (l’audio può essere anche potenziato collegando la cornice a una cassa tramite la presa AUX). Il sistema può essere completamente personalizzato, bloccando la visione di una sola foto o riproducendo in sequenza – a un tempo predefinito – tutte quelle contenute in una cartella. E’ anche possibile sfruttare la cornice digitale per visualizzare un orologio insieme al calendario in alternativa allo slideshow delle foto. Questa cornice digitale costa 153,30 euro. Usando il codice UMACITKY potete ottenere il 50% di sconto pagandola quindi soltanto la metà: 76,65 euro, praticamente circa 20 euro in più del modello da 13 pollici. La spedizione è inclusa nel prezzo.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: