Archive for agosto, 2020

agosto 31, 2020

“Rally San Marino: squalificato Paolo Andreucci”

L’equipaggio formato da Paolo Andreucci e Francesco Pinelli è stato squalificato dalla classifica finale del Rally San Marino per una presunta irregolarità tecnica al motore della Citroen C3 R5. Il garfagnino perde così il terzo posto conquistato nella prova di ieri, alle spalle del duo Bulacia – Campedelli. Il Collegio dei Commissari Sportivi decide di escludere dalla classifica del 48°San Marino Rally la vettura n.1 del concorrente Paolo Andreucci, per la non conformità tecnica della vettura segnalata nel verbale 3 del Commissario Tecnico Delegato. Nel particolare: passaggio di aria flangia aspirazione. Non si è fatta attendere la risposta di Andreucci, che presenterà appello: “Siamo rammaricati per quanto accaduto al San Marino Rally. Siamo certi che in fase di appello tutto verrà chiarito, così come già da noi esposto ai commissari. La flangia è stata misurata ed è risultata regolare, ma non si è riusciti a spegnere la vettura con un metodo che definiamo discutibile. Spiace constatare che questa esclusione, oltre a poter compromettere il nostro campionato, rechi notevoli danni, oltre che di immagine, anche economici, perché sia la vettura di proprietà del Team Prt, che il motore di proprietà di Fpf Sport, sono stati messi a disposizione dei commissari per ulteriori verifiche, a seguito della nostra comunicazione di presentare appello. Apprezziamo che sia stata compresa la nostra totale buonafede e auspichiamo che le dovute verifiche del caso vengano fatte nel minor tempo possibile, così da chiarire tutto e sbloccare la vettura per permettere al team di effettuare i noleggi già programmati.” Promossi quindi al terzo posto Daniele Ceccoli e Piercarlo Capolongo su Hyundai I20 R5.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it

Tag:
agosto 28, 2020

“LG Wing, lo smartphone con l’ala destra”

LG Wing, lo smartphone con l’ala destraLG prova a dare una scossa al mercato degli smartphone con LG Wing, un telefono diverso da tutto quello visto finora. Il dispositivo del produttore sudcoreano (ancora non ufficialmenge annunciato) vanta uno schermo secondario girevole da 4″, affiancato a quello principale da 6,8″. Il sito Android Authority, evidenzia le possibilità dello schermo secondario, come ad esempio la possibilità di visualizzare informazioni aggiuntive o sfruttarlo come lettore audio mentre la schermata principale mostra il percorso da seguire mentre usiamo il navigatore. A quanto pare sarà possibile utilizzare questa sorta di ala anche in configurazione a “T” (con lo schermo grande posizionato orizzontalmente sopra lo schermo più piccolo). Dal punto di vista della CPU bisognerà accontentarsi di uno Snapdragon 765 o 765G (non esattamente il massimo tra i SOC disponibili quest’anno). Non si sa quando LG annuncerà ufficialmente il dispositivo ma dovremmo sicuramente saperne di più prima della fine dell’anno. L’idea del secondo schermo non è nuova. I modello LG V50 ThinQ del 2019 vanta il doppio schermo, un secondo display OLED da 6,2 pollici raddoppiando di fatto le possibilità d’uso. Anche il modello LG G8X ThinQ vanta doppio display OLED da 6.4″, con il vantaggio di poter fare più cose insieme. Anche modelli come LG V60 o LG Velvet offrono il dual screen ma lo schermo a “T” laterale e girevole da 4″ è una novità.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 27, 2020

“Fotocamere Olympus come webcam per il Mac, disponibile il software”

Fotocamere Olympus come webcam per il Mac, disponibile il softwareSe la qualità della videocamera integrata nei Mac vi pare scarsa (e in effetti per alcuni modelli anche non troppo vecchi in effetti lo è…) e avete una fotocamera Olympus, potete disporre ora di un software che trasformare i dispositivi della azienda giapponese in webcam da collegare ai vostri computer. Il software consente di collegare alcuni modelli delle micro 4/3 Olympus ai Mac e sfruttando una nuova versione del software di gestione di utilizzare per videoconferenza o anche per monitorare un ambiente passando attraverso i ben più sofisticati, sistemi di gestione delle immagini e le ottiche Olympus invece che per la minuscola camera che si trova sopra lo schermo e che in alcuni casi è ferma al 2007 con i suoi 720p Per funzionare il software richiede macOS 10.5 (Catalina), 10.14 (Mojave), 10.13 (High Sierra) o 10.12 (Sierra) e un cavo USB. Un volta scaricata l’applicazione, si deve mettere la fotocamera in modalità video. È importante non spostare la rotella dalla modalità video e avere inserito nella macchina fotografica una scheda SD. Sfortunatamente per ora le fotocamere compatibili sono poche. Per la precisione sono solo i modelli top:E-M1X, E-M1, E-M1 Mark II, E-M1 Mark III ed E-M5 Mark II. Olympus si affianca a numerose altre aziende specializzate in fotocamere che hanno deciso di supportare i Mac trasformandoli in più potenti strumenti per videoconferenza. Anche Canon e Fujifilm hanno simili applicativi.

Questo articolo lo trovate su sito Macity 

agosto 26, 2020

“Bloomberg: AirPower avrà un fratello piccolo”

AirPower è viva, trapela una nuova immagineAirPower è morto ma un suo fratello quasi gemello, benché meno ambizioso, sarebbe in corso di sviluppo nei laboratori di Apple. Lo sostiene il solitamente ben informato Mark Gurman in un articolo pubblicato su Bloomberg. L’articolo non dice niente altro se non il fornire una generica informazione sull’argomento; da esso non si evincono altri dettagli di carattere tecnico visto che il resto del testo si concentra su un prodotto di una terza parte (Aira Inc.) che starebbe sviluppando qualche cosa di sostanzialmente vicino al precedente AirPower, un dispositivo che però funzionerebbe anche con prodotti non solo di Apple. Si può però ritenere il sintetico cenno di Gurman una conferma a quanto affermato da Ming Chi Kuo nell’ormai lontano gennaio del 2020. Il più affermato e attendibile degli analisti della Mela sosteneva che Apple non aveva del tutto abbandonato il progetto di un caricabatterie wireless capace di fare cose che gli altri sul mercato non erano capaci di fare.  La data di lancio è probabilmente stata differita in conseguenza dei problemi causati dal Coronavirus. Ricordiamo che Apple con la cancellazione di AirPower ha subito probabilmente uno dei peggiori smacchi tecnici degli ultimi anni. I suoi ingegneri hanno infatti imprudentemente sottovalutato gli ostacoli posti da un dispositivo molto più complesso da costruire di quanto avevano previsto, come appare chiaro anche da un prototipo che è apparso (foto qui sotto) smontato in alcune immagini recenti. A maggio si era appreso che Apple avrebbe risolto alcuni di questi problemi e avrebbe, appunto, dato il via alla progettazione di una versione rivista di AirPower. Nel frattempo però diversi concorrenti, non solo Aira Inc. stanno lavorando a tappetini per la ricarica wireless di più di un dispositivo anche se per ora non c’è traccia di uno che sia in grado di ricaricare oltre ad iPhone e AirPods anche Apple Watch. Un buco che l’AirPower “meno ambizioso” potrebbe colmare. Tutto quello che sappiamo su AirPower che non è mai arrivata è riassunto in questo articolo, invece tutti gli articoli di macitynet che parlano di AirPower sono disponibili da questa pagina. Per consultare invece tutti gli articoli che parlano di accessori per iPhone si parte da questo collegamento.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 25, 2020

“Il contatto con il cavallo”

Si dice che il cavallo è il miglior amico dell’uomo, effettivamente è un animale molto sensibile.  In questi giorni dopo molto tempo sono stato in un maneggio, non so come,  ma il cavallo ha compreso subito che io ho delle difficoltà, improvvisamente si è attaccato a me ed ha iniziato a leccarmi, al primo impatto mi sono spaventato ma abbiamo preso subito confidenza.  A conferma di ciò, il proprietario del maneggio mi ha raccontato che in Francia in un reparto oncologico, il cavallo in base all’odore riesce a comprendere che si tratta di tumore.  Questa testimonianza fa comprendere la sensibilità e l’intelligenza che ha il cavallo, di sicuro il cavallo è l’animale come la scimmia molto vicino come intelligenza all’uomo.  Si è trattato di un’esperienza molto emozionante che invito a tutti di provare, in quanto ti cambia radicalmente e ti fa riflettere sulla sensibilità degli animali.

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili.net

Tag:
agosto 24, 2020

“Crugnola-Ometto vincono il Rally del Ciocco!”

Andrea Crugnola e Pietro Ometto su Citroen C3 R5 sono i vincitori del 43° Rally il Ciocco e Valle del Serchio, secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally 2020. Il varesino bissa il successo in Gara 2 del Rally di Roma Capitale, regolando il diretto rivale per la conquista del titolo. Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, su Volkswagen Polo R5, perdono la battaglia ma non la guerra. Il trevigiano conclude a 18,9 secondi di distacco da Crugnola. Il pilota di Calcinate del Pesce, partito questo pomeriggio con 6,9 secondi di vantaggio rispetto a Basso, ha fatto sue le prime due prove del pomeriggio: il secondo passaggio nella tenuta de Il Ciocco e Careggine 2, estendendo il suo vantaggio a 12,7 secondi. Non si è fatta attendere la reazione di Basso, che vince con orgoglio le successive due prove, ma Crugnola è bravo a stargli vicino e gestire la pressione. L’ultima speciale è poi un monologo del varesino, che rifila 7,9 secondi al trevigiano e vince meritatamente la gara. Nella lotta per il terzo gradino del podio, è Stefano Albertini a spuntarla. Il bresciano, al quarto posto provvisorio al termine del giro di questa mattina, è riuscito a sopravanzare Marco Signor (VW Polo R5) nel corso dell’ottava speciale, lasciando il pilota di Asolo a giocarsi la medaglia di legno contro Giacomo Scattolon (Skoda Fabia) e Alessandro Re (VW Polo R5), arrivati alla vigilia dell’ultima speciale racchiusi in un fazzoletto di 1,7 secondi! A spuntarla è alla fine Alessandro Re che con un fantastico tempo nell’ultimo scratch ribalta le gerarchie e beffa i due diretti concorrenti chiudendo quarto assoluto. Signor è quinto, mentre Scattolon termina sesto. Rudy Michelini, protagonista in negativo della prima parte di gara, è autore di un pomeriggio da incorniciare. Messi da parte gli errori e la sfortuna, il pilota lucchese conclude al settimo posto assoluto, recuperando 4 posizioni in classifica. Tommaso Ciuffi (Skoda), Antonio Rusce (Citroen) e Gianluca Tosi (Skoda) completano i primi 10 dell’assoluta.

Questo articolo lo trovate su sito Rally.it

Tag:
agosto 21, 2020

“L’orologio per Amazon Echo Flex arriva anche in Italia a 19,99 euro”

Amazon mette un orologio digitale su Echo FlexPresentato una settimana fa, arriva oggi in Italia l’orologio intelligente per Amazon Echo Flex. Un’idea davvero semplice, ma utile, che potrebbe essere particolarmente interessante in cucina, ad esempio per visualizzare i timer senza dover richiedere l’ausilio continuo dell’assistente vocale. L’orologio intelligente è stato per aiutare i clienti a organizzare al meglio il proprio tempo in casa. Il display digitale dell’orologio intelligente regola automaticamente la luminosità dello schermo utilizzando il sensore di luminosità integrato, in modo da poter vedere facilmente l’orario oppure impostare il timer. Per poterlo utilizzare è sufficiente inserirlo nella porta USB di Echo Flex; a questo punto l’accessorio mostrerà automaticamente l’orario nel formato 12 o 24 ore a seconda del fuso orario che è stato impostato per Echo Flex. Il nuovo accessorio con orologio intelligente è realizzato da Third Reality e costa 19,99 Euro, già disponibile all’acquisto. Ricordiamo che per utilizzare questo orologio smart digitale è necessario avere già acquistato un Echo Flex, lo speaker intelligente della serie Amazon Echo più “basic” della gamma Alexa che è da tempo disponibile in Italia che permette di avere l’assistenza vocale in qualsiasi stanza della propria casa e che si inserisce direttamente in una presa elettrica standard. L’orologio intelligente si aggiunge alla luce notturna intelligente e al sensore di movimento come uno dei tre accessori certificati “Made for Amazon” per Echo Flex, anche se ovviamente sarà possibile utilizzarli una alla volta. Non necessita di alimentazione aggiuntiva, sebbene rimanga immutata la limitazione del Flex a un componente aggiuntivo alla volta; questo costringerà l’utente a scegliere se inserire questo accessorio, è un altro, come il sensore di movimento disponibile in Italia. Amazon Flex costa 29,99 euro e si acquista direttamente da qui. A questo indirizzo è già disponibile a 19,99 euro l’orologio aggiuntivo. Se vi mancano idee su come usare Echo Flex, provate a dare uno sguardo a questo indirizzo.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 20, 2020

“iPad Air 4 con USB-C e chip A14 atteso a marzo, ma prima una sorpresa”

iPad Air in sconto su Amazon: risparmiate sul piccolo iPad ProPer avere tra le mani un iPad Air 4 completamente rinnovato, non solo per hardware e specifiche ma anche per quanto riguarda il design, sembra dovremo attendere fino a marzo del 2021. Prima però Apple potrebbe sorprendere con un aggiornamento che potrebbe non essere gradito da tutti. Infatti anche se a marzo di quest’anno Apple ha introdotto un aggiornamento di iPad Pro, secondo nuove indicazioni che provengono dalla Cina Cupertino potrebbe comunque introdurre una nuova versione già questo autunno. La novità principale di iPad Pro 2020 è senza dubbio il sensore LiDAR per rilevare la profondità e altri piccoli miglioramenti, forse non sufficienti per giustificare la sostituzione per gli utenti che già possedevano un iPad Pro 2018.Per il possibile aggiornamento indicato per l’autunno è indicato lo schermo con tecnologia micro LED e presumibilmente anche il nuovo processore Apple A14 in arrivo sugli iPhone 12. Un refresh interessante ma che potrebbe spiazzare non poco gli utenti che hanno acquistato il nuovo iPad Pro a marzo. Decisamente più intrigante l’identikit del nuovo iPad Air 4 che dovrebbe cambiare completamente design, come anticipa il cinese MyDrivers, per allinearsi con quello degli iPad Pro, quindi più squadrato e con bordi più sottili intorno allo schermo, display che aumenterà di dimensioni fino a 11” o 10,8 pollici, come già indicato anche dall’affidabile Ming Chi Kuo. Tra le novità previste la sostituzione del connettore Lightning con USB-C, l’arrivo del processore Apple A14 degli iPhone 12 e il connettore Smart Connector per poter usare Apple Magic Keyboard, infine l’arrivo per la prima volta anche di quattro altoparlanti stereo, anche questa una caratteristica finora riservata agli iPad Pro. Tutti gli articoli di macitynet che parlano di iPhone, iPad e Mac sono disponibili ai rispettivi collegamenti. Tutto quello che c’è da sapere sulle prossime versioni di iOS 14, iPadOS 14, macOS Big Sur e Apple Watch 7 è riassunto negli approfondimenti di macirtynet ai rispettivi collegamenti.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 19, 2020

“La disabilità e l’avvicinamento agli animali”

vNoi da sempre purtroppo abbiamo bisogno di un aiuto per svolgere qualsiasi nostro bisogno,  siamo sempre fortunatamente circondati da esseri umani che ci aiutano.  Quando ero adolescente ebbi i primi contatti con il mondo animale, in quanto ho avuto la mia prima tartaruga. Premetto che sin a quel momento avevo sempre paura degli animali, forse perché essendo “indifeso” credevo stupidamente che mi facessero male. Da quando ho la tartaruga tutto è radicalmente cambiato, non ho più paura degli animali, anzi mi piace avere il contatto con essi. Sono un obiettivo giornaliero che ti cambia la giornata, in quanto ti rilassi stando con loro, anche che si tratta di piccoli animali come le tartarughe. Alcuni giorni fa ho avuto un contatto con un cane di grossa taglia il cane ha iniziato a leccarmi, si è trattata di un’emozione unica ed indimenticabile! Dato la mia esperienza, credo fermamente che quando si parla di pet terapy sia tutto ampiamente fondato, in quanto l’animale riesce a farti rilassare e calmarti, pertanto si possono diminuire anche eventuali crisi. Invito chi ha la possibilità di poterlo fare, prendete un animale ci aiuta per un po’ a “dimenticarci” dei nostri problemi. Auspico che nei vari percorsi di riabilitazione sin bambini, si inizi ad instaurare un rapporto con l’animale, il bambino avrà degli enormi benefici e si potrebbe catturare la sua attenzione in miglior modo. Inoltre non dimentichiamoci per esempio, l’aiuto che dà un cane ad una persona cieca, il cieco purtroppo senza l’aiuto del cane sarebbe ulteriormente invalidato in quanto non potrebbe svolgere neanche la minima azione, ovviamente resta sempre una “grande invalidità”, ma ricordiamoci che per un diversamente abile anche una piccolissima conquista di autonomia e come se tornasse normale e non avesse più alcuna disabilità. Sembra paradossale quello che ho appena scritto, ma credo vivamente che se non si prova personalmente difficilmente lo si può comprendere. Lancio una proposta assurda: A mio avviso lo Stato dovrebbe dare degli incentivi ad ogni diversamente abile per acquistare degli animali. Sembrerà assurdo ma in determinati casi può essere benissimamente inserito tra i bisogni primari del diversamente abile. NON SPAVENTIAMOCI PER ALCUN MOTIVO DEGLI ANIMALI!

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili.net

agosto 18, 2020

“Apple vuole condizioni migliori dei lavoratori per espandersi in Vietnam”

 

Arrivano gli AirPods Made in Vietnam, il nuovo modello (forse) è in ritardoApple sta attualmente trattenendosi dall’espandere la produzione in Vietnam fino a quando le condizioni dei lavoratori non miglioreranno. Questo è quanto si apprende da fonti locali, con i rapporti che indicano come i rappresentanti di Apple abbiano visitato il Vietnam all’inizio di questo mese per indagare sulle strutture Luxshare-ICT esistenti. Apparentemente Luxshare-ICT non ha ancora soddisfatto i requisiti richiesti da Apple, che includono dormitori adeguati e condizioni di vita adeguate per i lavoratori. Luxshare-ICT ha deciso di migliorare le condizioni così da espandere la produzione per Apple. Apple ha continuamente esaminato le fabbriche di Luxshare-ICT in Vietnam a Bac Giang per verificare le condizioni dei lavoratori e poter espandere la produzione di iPhone nel Paese. In particolare, la multinazionale di Cupertino richiede che i produttori offrano dormitori per i lavoratori vicino agli impianti di produzione. Poiché Luxshare-ICT non è in grado di soddisfare l’enorme domanda di lavoratori, la società ha cercato di assumere lavoratori da più lontano. Apple teme che questo imponga ai lavoratori  lunghi viaggi, e chiede quindi pertanto la costruzione di dormitori nelle vicinanze. La costruzione è in attesa di ricevere l’autorizzazione del governo locale. A maggio, in Vietnam si è dato inizio alla costruzione di AirPods Pro, e si vociferava che Apple avesse già iniziato la produzione delle sue prime cuffie indicate con il nome AirPods Studio all’interno del Paese. Luxshare spera di espandere la propria collaborazione con Apple e iniziare la produzione di iPhone e Apple Watch all’interno della regione. Secondo quanto riferito, i principali appaltatori di produzione Apple, ossia Foxconn, Pegatron e Compal Electronics stanno espandendo la produzione in Vietnam. Le aziende stanno riducendo la dipendenza dalla Cina e diversificando le catene di approvvigionamento per prevenire i rischi di concentrazione della produzione in un unico paese. Il Vietnam sta emergendo come un importante centro di produzione e assemblaggio per grandi aziende tecnologiche, e Samsung produce già la metà dei suoi smartphone lì.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: