Archive for maggio 27th, 2019

maggio 27, 2019

“Assegni familiari: rivalutazione 2019-20. Ecco i nuovi livelli di reddito 21 maggio 2019”

Cosa significa? Semplice, chi intende chiedere e ottenere i nuovi assegni al nucleo familiare dovrà controllare a quale livello reddituale rivalutato appartiene, per comprendere se e quanto percepirà di Anf. Questo perché i livelli di reddito familiare utili a calcolare gli assegni si aggiornano annualmente. Vediamo allora i dettagli contenuti in questa circolare e in cosa consistono le rivalutazioni. > Assegni familiari 2019: cosa cambia, nucleo, reddito, importi, domanda < Assegni familiari: rivalutati i livelli di reddito  Come specificato nella circolare, i livelli di reddito familiareai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente. Questo dice la legge (la legge 153/88). Assegni familiari: come si rivalutano i livelli di reddito dal 1° luglio 2019 La variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo calcolata dall’Istat tra l’anno 2017 e l’anno 2018 è risultata pari a +1,1 per cento. In relazione a quanto sopra, sono stati rivalutati i livelli di reddito delle tabelle contenenti gli importi mensili degli assegni per il nucleo familiare, in vigore per il periodo 1° luglio 2019 – 30 giugno 2020 con questo indice. L’inps ha anche allegato alla circolare le tabellecon i livelli specifici. I nuovi livelli reddituali, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione da applicare, dal 1° luglio 2019 al 30 giugno 2020, alle diverse tipologie di nuclei familiari. Gli stessi livelli di reddito avranno validità per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione. Facciamo alcuni esempi di Reddito familiare annuo valido dal 1° luglio 2019 Reddito familiare annuo fino a 14.701,55 euro: per 3 componenti 137,50 euro per 4 componenti 258,33 euro per 5 componenti 375, 00 euro Reddito familiare annuo da14.701,56 euro a 14.819,15 euro: per 3 componenti 136,73 euro per 4 componenti 257,25 euro per 5 componenti 374,04 euro Reddito familiare annuo da20.111,70 euro a 20.229,32euro per 3 componenti 101,08 euro per 4 componenti 207,42 euro per 5 componenti 329,96 euro Assegni familiari: come chiederli Per le famiglie che ne hanno diritto è entrata in vigore dal 1° aprile 2019 la nuova procedura di domanda: in pratica da questa data in avanti gli Assegni al nucleo familiare si possono chiedere solo online. > Domanda Assegni familiari: solo online o tramite patronati. Chiarimenti” < L’importo dell’ANF varia in base a: Numero componentiil nucleo familiare; Importodel reddito familiare. L’INPS pubblica ogni anno con apposita circolare gli importi distinti in tredici tabelle dalla 11 (nuclei composti da entrambi i genitori e almeno un figlio minore senza componenti inabili) alla 21 D (nuclei monoparentali dove il richiedente è celibe / nubile senza figli e con almeno un fratello, sorella o nipote). Per ogni tabella è specificato l’importo mensile dell’ANF in base al numero dei componenti il nucleo e il loro reddito complessivo. Dal 1° aprile scorso i dipendenti dovranno presentare le domande ANF direttamente all’INPS in via telematica, collegandosi al sito www.inps.it se in possesso di PIN dispositivo o credenziali SPID ovvero tramite i Patronati. Nessun problema per chi ha già presentato in modalità cartacea la richiesta di ANF per il periodo 1° luglio 2018 – 30 giugno 2019. In questi casi non si dovrà inoltrare nuovamente la domanda. In precedenza, le domande di ANF dovevano essere presentate in modalità cartacea al datore di lavoro utilizzando il modello ANF/DIP (codice SR16). Prescrizione rimasta per i soli operai agricoli a tempo indeterminato (cosiddetti “OTI”).

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag:
maggio 27, 2019

“AMD ha mostrato le prime GPU Radeon basate su architettura Navi”

In occasione del Computex 2019 di Taiwan, la CEO di AMD, Lisa Su, ha presentato i nuovi Ryzen 9 di terza generazione e rivelato i primi dettagli su Navi, architettura alla base delle nuove schede video Radeon RX 5000 (nome dedicato al cinquantesimo anniversario dalla fondazione dell’azienda). Peculiarità di questa nuova famiglia è il processo produttivo a 7 nanometri che il produttore ha chiamato RDNA (Radeon DNA) e che vanta, tra le altre cose, il supporto a memorie GDDR6 e all’interfaccia PCIe 4.0. La prima di queste nuova schede, RX 5700, è una scheda video mid-range che dovrebbe essere in grado di competere di pari passo con la GPU RTX 2070 di NVIDIA. Per conoscere le specifiche definitive bisognerà attendere l’E3, la fiera di videogiochi per console e computer organizzata annualmente dall’Entertainment Software Association (ESA) nella città di Los Angeles. Il chip nelle Radeon RX 5000 Le nuove schede sfruttano PCI Express 4.0 ma anche un progetto di nuova generazione per le unità di calcolo, una gerarchia multi-livello di nuova generazione per la cache e una pipeline più parallelizzata. AMD parla di prestazioni per clock superiori del 25% rispetto all’architettura VEGA e del 50% di prestazioni in più per watt. La demo con una scheda grafica denominata Radeon RX 5700 ha evidenziato con il frame rate prestazioni di oltre il 10% migliori rispetto una RTX 2070 usando il gioco Strange Brigade. L’arrivo delle schede video della serie AMD Radeon RX 5700 è previsto per luglio di quest’anno; altri dettagli, come accennato, saranno rilevati nel corso dell’evento E3 di Los Angeles, il 10 giugno.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag: