Archive for marzo 19th, 2019

marzo 19, 2019

“Quarti di finale per il tennis in carrozzina di Cuneo”

Nel Tabellone femminile le sfide della semifinale vedranno fronteggiarsi la russa Lvova (16° nel rank mondiale) contro la francese Morch. E ancora una atleta russa la Bubnova sfiderà l’inglese Hunt nella seconda semifinale. Grande attesa per la finale del Doppio Maschile e Femminile di sabato 16 e per le finali di domenica 17 marzo del singolo maschile e femminile. I campi del “Tennis Park” di Cuneo, non sono stati soltanto protagonisti del grande tennis in carrozzina, ma anche dell’assegnazione di un importante riconoscimento che la Polisportiva senza ostacoli ha voluto assegnare ad Angelo Pollio. Persona precisa e corretta che è stato collaboratore storico della P.a.s.s.o Cuneo sin dal 2003, contribuendo in modo significativo alle gare dell’Handbike e del Torneo wheelchair Tennis Tour L’attività organizzativa del tennis in Carrozzina ad opera della P.a.s.s.o è stata celebrata dall’emozionate mostra fotografica tra i campi da gioco, allestita grazie all’archivio del fotografo Mario Giordano e al prezioso contributo delle redazioni della La Stampa e della Guida si Cuneo. Se oggi si può aver il vanto di un Torneo così importante a livello internazionale è anche grazie all’impegno dei tanti volontari che si adoperano per la sua buona riuscita. Ed ecco che i ringraziamenti vanno al servizio navetta Autonomy Fiat Merlo Viaggi – Assistenza medica del Dott. Biolè, Servizio di fisioterapia Davide Petrone, i giovani volontari della C.R.I Cuneo e Ass. Nazionale Polizia di Stato. Per il servizio carrozzine: ITOS Cuneo srl, il servizio tecnico attrezzature: il Podio Sport. Servizio Ass. tecnica veicoli: Autoriparazioni Ramonda. Un ringraziamento al Giudice Arbitro Fabio Buccolini e il suo assistente Federico Gonella e al Direttore del Torneo Paolo Ponzio. Una menzione di merito agli ufficiali di gara forniti dalla C.R.FIT e ai servizi Coadiuvanti di campo del Tennis Park. Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo – Dorotea Maria Guida

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili

Tag: