Archive for gennaio 10th, 2018

gennaio 10, 2018

“Assunzioni lavoratori disabili: gli obblighi per le aziende dal 1 gennaio 2018”

Lavoro e disabilità: torniamo a parlarne perché dal 1 gennaio 2018 è scattato l’obbligo, per aziende che occupano da 15 a 35 dipendenti, di assumere un lavoratore con disabilità, anche se non ci sono nuove assunzioni. Tale novità era stata annunciato per il 2017 ma poi fatta slittare a inizio del nuovo anno con il Milleproroghe 2017. Ricordiamo che l’obbligo di assumere lavoratori con disabilità è previsto dalla legge 12 marzo 1999, n. 68; la differenza sostanziale rispetto a prima è che adesso non è più necessario che l’azienda che occupa almeno 35 lavoratori assuma un nuovo dipendente: l’obbligo scatta indipendentemente da questo, poiché basta che sia presente il requisito numerico dei dipendenti.

TEMPISTICHE –
Cambiano anche i tempi che l’azienda deve rispettare per mettersi in regola: se prima si poteva regolarizzare tale posizione ricorrendo alla presa in organico di un lavoratore con disabilità entro 12 mesi, tale periodo si riduce a 60 giorni. Entro due mesi, quindi, dal 1 gennaio 2018, le aziende che occupano almeno 15 dipendenti dovrà essere in regola, assumendo, entro il 2 marzo del 2018, un lavoratore disabile, in caso non l’abbia già fatto.

GLI OBBLIGHI PER LE AZIENDE – Ricordiamo che l’obbligo di coprire posizioni riservate a persone con disabilità scatta, per il datore di lavoro, a partire dal 15esimo lavoratore della sua azienda.
dai 15 ai 35 lavoratori l’azienda è obbligata ad assumere un lavoratore con disabilità
dai 36 ai 50 lavoratori l’azienda è obbligata ad assumere due lavoratori con disabilità
oltre 50 lavoratori: la quota del 7% deve essere riservata a lavoratori con disabilità
Nel calcolo il datore di lavoro deve considerare tutti i lavoratori assunti con vincolo di subordinazione, a parte alcune eccezioni, come i lavoratori da cooperative, i dirigenti ed altri casi specifici.

COME SI CALCOLA L’ORGANICO – Per calcolare l’organico valido ai fini di conteggiare quanti lavoratori disabili debba avere l’azienda che voglia essere in regola, si deve fare riferimento ad alcune regole. Qui citiamo alcuni casi, rimandando alla lettura completa della casistica per una più approfondita analisi dei singoli casi (alcuni dei quali qui).

Per quanto riguarda:
–   I lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato parziale, essi  sono computati per la quota di orario effettivamente svolto, tenendo conto che il computo delle unità lavorative fa riferimento all’orario previsto dalla contrattazione collettiva del settore.
Nel computo le frazioni percentuali superiori allo 0,50 sono considerate unità.
In caso di lavoratori con contratto  a termine, il datore di lavoro deve fare riferimento all’arco temporale del periodo di attività previsto dal contratto di lavoro stipulato con ciascun lavoratore.  Il lavoratore occupato con contratto a tempo determinato superiore a sei mesi mesi dovrà essere computato come unità.
–    Anche i lavoratori licenziati per i quali sia stato adottato il provvedimento di revoca devono essere inclusi nella base di computo.
–    Per i datori di lavoro  che svolgono attività stagionale il periodo di durata del contratto si calcola
sulla base delle corrispondenti giornate lavorative effettivamente prestate nell’arco dell’anno solare, anche se non continuative.

Non vanno computati nella quota di calcolo:
–  gli apprendisti (articolo 7, comma 3, D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167edi articolo 7, comma 3, D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167), fatte salve specifiche previsioni di legge o di contratto collettivo.
–  i lavoratori assunti con contratto di formazione e lavoro (questo secondo l’articolo 3, comma 10, D.L. 30 ottobre 1984, n. 726, convertito in legge, con modificazioni, dall’art. 1, L. 19 dicembre 1984, n. 863)
–  i lavoratori assunti con contratto di reinserimento (secondo l’articolo 20, comma 4, della legge 23 luglio 1991, n. 223)
–  i lavoratori assunti per attività da svolgersi all’estero
–  i lavoratori occupati con contratto di somministrazione. Essi non vanno calcolati né dall’utilizzatore (azienda ),  per effetto dell’art. 22, comma 5, del decreto legislativo 276/2003, né dall’agenzia di somministrazione (ai sensi dell’art. 4, comma 1, della legge 68/99 così come modificato dall’art. 4, comma 27, lettera a) della L. 92/2012)
–  i lavoratori assunti con contratto a termine per sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto di lavoro
–  il personale direttamente operante nei montaggi industriali o impiantistici e nelle relative opere di manutenzione “svolte in cantiere”. Per attività svolta “in cantiere” si fa espresso riferimento al concetto di cantiere fatto proprio dall’art. 89 del D.lgs n. 81/2008.

 SE CI SONO GIA’ LAVORATORI DISABILI  IN ORGANICO – I lavoratori che divengono inabili allo svolgimento delle proprie mansioni in conseguenza di infortunio o malattia (art. 4 c. 4 l. 68/99) possono essere computati esclusivamente in ambito privatistico.
In considerazione soprattutto del fatto che, qualora per questi lavoratori non sia possibile l’assegnazione a mansioni equivalenti o inferiori nella stessa azienda, spetta al Servizio provinciale competente l’avviamento degli stessi presso un’altra azienda, individuando le attività compatibili con le residue capacità lavorative di essi.
Va ricordato inoltre che, se in una azienda è già in carico un lavoratore con capacità lavorativa superiore al 60%, anche se non fu assunto attraverso il collocamento obbligatorio, questo lavoratore va scorporato dalla base “imponibile”.  Inoltre, in caso di future scoperture, questo lavoratore si considererà a copertura della quota di riserva.

IL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI – L’azienda ha l’obbligo di produrre il Prospetto Informativo Disabili: un documento che va trasmesso telematicamente al servizio provinciale di competenza, dove si indica la situazione occupazionale dell’azienda – ovvero quanti lavoratori conta – per la verifica degli adempimenti rispetto all’assunzione di persone appartenenti alle categorie protette o disabili. Il mancato invio di tale prospetto fa scattare una multa pari a 635,11 euro, oltre 30,76 euro per ogni giorno di ritardo.

Questo articolo lo trovate su sito Disabili.com

Annunci
Tag:
gennaio 10, 2018

“CES 2018: SKAGEN lancia Falster, il suo primo smartwatch touchscreen”

Il marchio SKAGEN espande il proprio portafoglio di smartwatch con il lancio del suo primo smartwatch touchscreen. In quattro tonalità, con cinturini in acciaio mesh rosa e silver, il nuovo smartwatch SKAGEN Falster integra tecnologia Android Wear 2.0 e sfrutta la piattaforma Qualcomm Snapdragon Wear 2100.

Il produttore danese presenta il modello in questione come «Equilibrio perfetto tra forma e funzionalità» evidenziando il «Design moderno e minimalista» che «Unisce le linee sobrie e intramontabili con l’innovazione di oggi».

SKAGEN Falster

Falster presenta un quadrante touchscreen completamente rotondo: le varie schermate mostrano le informazioni con chiarezza e senza fronzoli. I quadranti sono sobri, basati sulle funzionalità, permettendo di accedere rapidamente alle funzioni preferite. Le notifiche consentono di visualizzare chiamate, SMS ed e-mail in arrivo a portata di polso.

Sono presenti funzioni per il monitoraggio delle attività, si possono personalizzare modalità, colore e app del quadrante. È possibile pronunciare comandi con vocali grazie a Google Assistant e gestire musica tramite app di terze parti, tra cui Google Play. Il dispositivo è compatibile (grazie al Bluetooth) con iPhone (iOS 9 e seguenti) e Android 4.4 e versioni successive. I cinturini sono intercambiabili. I prezzi non sono stati annunciati.

Fondata nel 1989, SKAGEN si ispira alla città costiera danese da cui prende il nome, produce orologi, wearable, gioielli e articoli in pelle. Ha cinque negozi negli Stati Uniti e in Europa, con distribuzione all’ingrosso in 80 Paesi di tutto il mondo. È una divisione di Fossil Group, con sede centrale a Richardson, Texas.

Questo articolo lo trovate su sito Macity
Tag:
gennaio 10, 2018

“Il team ceco correrà con il solo Kopecky iscritto al Wrc2, ma ci saranno anche Veiby e Rovanpera”

A poco più di due settimane da via del mondiale rally 2018, Skoda Motorsport ha annunciato la sua line-up per il primo appuntamento della nuova stagione, il Rally di Montecarlo. Protagonista del mercato piloti grazie al quale ha costruito una squadra eccezionale, il team campione del mondo in carica Wrc2 sarà però al via del prologo stagionale a ranghi ridotti.

L’unico pilota iscritto al Wrc2 al via con Fabia R5 ufficiale è, infatti, Jan Kopecky che sarà l’unico alfiere in grado di portare punti iridati alla squadra ceca. Presenti a Montecarlo, ma non in lizza per il mondiale Wrc2, saranno invece le due giovani stelle del team campione in carica. Stiamo parlando di Ole Christian Veiby e Kalle Rovanpera. Il primo sarà al via con una Fabia R5 gestita dal team di Toni Gardemeister mentre il finlandese correrà con una medesima vettura ma iscritta dal team Wevers.

E se per il norvegese questa sarà la terza apparizione al Monte, dopo quelle del 2015 e 2016 entrambe corse con una Citroen DS3 R3T, per Kalle si tratterà dell’esordio nella gara monegasca. Che, tra l’altro, coinciderà anche con il primo rally iridato al volante di una Skoda Fabia R5. Per quanto riguarda invece Kopecky, il team va sul sicuro considerando l’esperienza e la concretezza di risultati del pilota ceco. L’anno passato, dopo diversi anni di assenza dal giro di Montecarlo, conquistò un ottavo posto assoluto e secondo di classe dietro ad Andreas Mikkelsen; risultato che garanti’ la doppietta per la squadra nel Wrc2.

Quest’anno il medesimo epilogo non sarà possibile, ma Skoda Motorsport promette ugualmente battaglia per il trono di campioni Wrc2. Che, attendendo l’elenco iscritti ufficiale, si preannuncia davvero ricco di tanti partecipanti e vetture di livello.

Questo articolo lo trovate su sito
Tag: