Archive for agosto 3rd, 2017

agosto 3, 2017

“Montaggio video: Media Composer si rilancia con una versione gratuita” 

Tra le applicazioni per il montaggio video il confronto sembra limitato a Final Cut di Apple e Premiere Pro di Adobe, sarebbe però sbagliato non considerare anche Avid perché il software della casa americana ha una forte base di utenti affezionati nel mondo cinematografico. Potrebbe non bastare per attirare le nuove generazioni di videomaker ed ecco che Avid rilancia con un prodotto gratuito per l’editing video. Si tratta di una versione ridotta di Media Composer che è stata battezzata Media Composer First ed è disponibile sia per Mac sia per PC Windows. L’interfaccia per il montaggio video è praticamente la stessa del fratello maggiore come lo è anche il “motore” sottostante MediaCentral. I requisiti di sistema però non sono particolarmente proibitivi ed è plausibile che qualsiasi Mac recente sia supportato. I limiti della versione gratuita rispetto a Media Composer “full” sono nel numero di tracce che si possono gestire durante il montaggio video (quattro video, otto audio), nella risoluzione video (al massimo Full HD, niente 4K) e in altri elementi più tecnici come gli spazi colore e i plugin utilizzabili. Dato il pubblico a cui si rivolge sono state potenziate le funzioni per l’esportazione veloce dei video verso i social network e i siti di video sharing.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag:
agosto 3, 2017

“Offerta bomba: iPad Pro 9,7” a solo 399 euro con spedizione gratis”

Sconti ghiotti su eBay, dove è possibile acquistare iPad Pro 9,7 pollici a 399 euro. Non si tratta del modello rilasciato, ma della prima revisione. In ogni caso, è certamente un acquisto obbligato a questo prezzo. Il tablet pesa 437 grammi (444 grammi la versione WiFi + cellular), ha uno spessore di 6.1mm e include un display Retina che offre “Luminosità superiore, una gamma di colori più ampia e una minore riflettività” come dichiarato da Apple al lancio e poi verificato in tutte le prome, rispetto a tutti gli iPad rilasciati prima di questo modello. Al suo interno il chip di serie è Apple A9X a 64 bit, e un sistema audio a quattro altoparlanti. Dal punto di vista multimediale presenta una fotocamera iSight da 12 megapixel, che consente di scattare Live Photos e girare video 4K, una videocamera FaceTime HD da 5 megapixel. Ricordiamo che iPad Pro supporta Apple Pencil (che rileva pressione e inclinazione) e la cover Smart Keyboard, progettata per adattarsi al nuovo formato, due accessori che permettono di usare il tablet anche per disegnare, scrivere, colorare e molto altro ancora. Acquistando iPad Pro 9,7″ a prezzo scontato si ha la possibilità di mettere le mani su un tablet professionale con un sensibile risparmio, ma che ha tutte le carte in regola per diventare ancora più utile e versatile non appena Cupertino rilascerà iOS 11 con nuove funzioni per gestione file, multitasking e produttività, semplicemente installando il nuovo sistema operativo come aggiornamento gratuito. Infine notiamo che il prezzo di listino ufficiale di iPad Pro da 9,7 partiva da 689 euro, mentre adesso è possibile acquistarlo a 399 euro direttamente a questo indirizzo.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
agosto 3, 2017

“DIVERSAMENTE AMORE”, UN PROGRAMMA TV PER ABBATTERE I PREGIUDIZI E GLI STEREOTIPI SULLA DISABILITÀ”

Il 20 luglio scorso è andata in onda in prima serata su Rai 2 una puntata speciale e inedita del programma “diversamente amore”, dove è stata toccata la delicata tematica dell’amore e della disabilità.

Al timone di “Diversamente amore” Bebe Vio (nota campionessa paralimpica,) che ha introdotto via via 5 storie di 5 coppie miste, in cui solo uno dei due aveva delle disabilita motorie. Ogni vicenda raccontata era costituita da un episodio autoconclusivo dalla durata di 45 minuti circa.

I primi ad aprire la puntata sono stati Luca e Sarah: i due si sono conosciuti su Facebook due anni fa; all’epoca lei viveva in Ohio, lui invece era un alpino di Bergamo in missione in Afghanistan, luogo in cui a seguito di una sparatoria, quest’ultimo è diventato tetraplegico. Appresa la terribile notizia Sarah è salita sul primo aereo diretto in Italia per non tornare più negli Stati Uniti

A distanza di due anni dall’incidente, oggi Luca si ritiene fortunato ad avere accanto a se sua moglie e sua figliaBianca di un anno circa. Alla fine dell’episodio, proprio per dimostrare l’immenso amore che l’uomo prova nei confronti della sua dolce Sarah, consegna a quest’ultima una lettera molto commovente di ringraziamento scritta da lui stesso.

Anche Lorenza all’età di diciotto anni è rimasta vittima di un incidente che le ha causato la perdita dell’uso delle gambe e con loro si è soprattutto volatilizzata la sua gioia di vivere, in quanto non accettava la sua nuova condizione di vita. Tuttavia, una volta riemersa dalla depressione ed essere ritornata a sfoggiare tutta la sua femminilità come faceva un tempo, ha conquistato Marco, diventato in seguito suo marito.

Dal primo incontro di Lorenza e Marco sono trascorsi quattordici anni ma entrambi ammettono di amarsi ancora come se fosse il primo giorno. Da questa indissolubile unione è nata Chiara che oggi ha dieci anni, quest’ultima descrive sua mamma come una vera forza della natura e inoltre fa notare che per lei è assolutamente normale che Lorenza stia seduta in carrozzina, anzi sarebbe insolito se non lo fosse.

A unire Emiliano e Chiara è invece la passione per la moto, si sono infatti conosciuti in un circuito a Mugello. Il fatto che Emiliano avesse perso una gamba in un brutto incidente stradale non ha impedito a Chiara di innamorarsi di lui. Paradossalmente è proprio la disabilità di quest’ultimo a diventare oggetto di leggero sarcasmo durante la vita quotidiana della coppia in questione. Tutto questo crea un clima esilarante e disteso allo stesso tempo. D’altronde è stata la personalità non vittimistica, lusinghiera, empatica e sui generis di Emiliano a far breccia nel cuore di Chiara.

Se la storia di Emiliano e Chiara è costellata da momenti grotteschi, la relazione di Lorenzo (non udente) e Martina è costituita da tanti e bei momenti romantici ed emozionanti: primo fra tutti è stato quando, dopo aver seguito un operazione di impianto cocleare, Lorenzo stringendo tra le braccia la sua amata, ha udito per la prima volta il rumore del mare. Ancora più struggente la dichiarazione del ragazzo in seguito: “Se mio nonno mi ha insegnato a parlare, con tanto esercizio e grazie alla persona più importante della mia vita imparerò a sentire.”

L’ultima coppia, quella formata da Caterina e Domenico, deve invece fronteggiare con le tre malattie rare più un tumore benino sopraggiunto di lei.

Come per Luca e Sarah, anche questi ragazzi si sono conosciuti su facebook, e non appena si sono visti dal vivo per la prima volta, Domenico non ha esitato neanche per un attimo all’idea di trasferirsi da Torino a Padova per restarle accanto, seppur consapevole di correre il rischio di perdere la sua ragazza anche solo per un virus stagionale, non poteva fare altrimenti

Ciò che emerso dalle singole storie raccontate è che la potente forza dell’amore vince sempre su qualsiasi disabilità, malattia o stereotipo che sia. Oltretutto la testimonianza concreta della figlia di Lorenza abbatte la falsa credenza, (alimentata dal pregiudizio) secondo la quale avere come genitore una persona con disabilità potrebbe compromettere il normale svolgimento dello sviluppo psicofisico del proprio figlio, in quanto quest’ultimo potrebbe risentire dei disagi che una situazione atipica del genere potrebbe comportare. Questa opinione generalizzata non prende in considerazione il fatto che un bambino, come nel caso di Chiara, vivendo a stretto contatto con i limiti della disabilità di un genitore fin da piccolo, si approccia nei confronti di essa in maniera del tutto naturale, poiché impara che quest’ultima fa parte della sua quotidianità. Fino a prova contraria è stato dimostrato che chi cresce in queste circostanze sviluppa un grado di empatia, di sensibilità verso i bisogni del prossimo ben superiori alla norma, una dote più unica che rara, soprattutto in una società dove l’egoismo, l’edonismo e l’egocentrismo vanno per la maggiore.

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili