Archive for aprile, 2017

aprile 28, 2017

“Disabilità grave: vale la firma col puntatore oculare?”

Una persona immobilizzata nei movimenti, ma capace di intendere e di volere ha tutto il diritto di veder valere la sua firma, anche se fatta attraverso l’ausilio di strumenti dedicati a superare l’impedimento, come il puntatore oculare. E’ questo, in sostanza, il succo di una sentenza del tribunale di Venezia che ha riconosciuto la validità delle firma di un uomo che ricorre al puntatore oculare per comunicare. Lo rende noto Redattore Sociale, che riporta la notizia del Consiglio notarile di Milano, da tempo promotore di questo diritto per quelle persone, come quelle colpite da Sla in maniera grave che per comunicare, attraverso movimento degli occhi, quello che intendono esprimere, utilizzano lo strumento dell’eye tracking, a cui segue traduzione da parte di un sintetizzatore vocale. Il riconoscimento giuridico che arriva a questa forma di comunicazione si traduce, nel concreto,  nella possibilità, per le persone immobilizzate nei movimenti o dalle facoltà del linguaggio compromesse, di prendere parte a contrattazioni giuridiche e notarili, con firma dei relativi documenti, usando il puntatore oculare e senza bisogno di un interprete che esprima le sue volontà. Riporta Redattore Sociale il commento del  presidente del Consiglio notarile di Milano,  Arrigo Roveda: “La firma è un diritto per chiunque, limitato fisicamente, conservi una piena capacità intellettiva ed è un diritto che deve poter essere esercitato personalmente e senza deleghe.” Non si può, quindi, che salutare con entusiasmo questa sentenza, che tra l’altro tocca un argomento assai sensibile, e che apre a considerazioni su quanto si potrebbe fare (e ancora non si fa) per favorire la persona disabile nel disbrigo delle pratiche burocratiche, ad esempio rendendo il più accessibile possibile la firma elettronica, o alla possibilità di aprire anche ad altre forme (ad esempio multimediali e sonore) i contenuti da poter sottoscrivere. Ricordiamo che attualmente il Decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 110 in materia di ammodernamento dell’Ordinamento del Notariato, prevede ad esempio l’obbligatorietà per il notaio, di redigere e rogare atti pubblici o autenticare scritture private anche in formato elettronico quando in presenza di un non vedente (col consenso di tutte le parti interessate).

Questo articolo lo trovate su sito Disabili.com

aprile 28, 2017

“Rallylegend 2017: parata di stelle con 15 campioni del mondo WRC”

Walter Rohrl, Ari Vatanen, Hannu Mikkola, Stig Blomqvist, Timo Salonen, Juha Kankkunen, Miki Biasion, Didier Auriol, Tommi Makinen, Marcus Gronholm, Petter Solberg, Sebastien Loeb e Sebastien Ogier, Sandro Munari e Markku Alen. Quante volte avete sognato di leggere un simile elenco iscritti per poi risvegliarvi tutti sudati? Bene. Sappiate che da oggi è pura realtà. Il 21 e 22 ottobre 2017 varrà la pena spostarsi verso San Marino per godere di uno spettacolo unico al mondo e che ha tanto il sapore di irripetibile. Un evento nell’evento spinto dalla voglia di ricordare la leggenda di Colin McRae a 10 anni dalla sua scomparsa come spiegato dal General Manager di RallyLegend Vito Piarulli. Volevamo ricordare Colin Mc Rae e rendergli un grande omaggio e quando, parlando con Luis Moya, ci è balenata, quasi contemporaneamente, questa idea, ci è piaciuta subito. E unendo le forze siamo riusciti nell’impresa. Gli fa eco Luis Moya, appassionato “ambasciatore” di Rallylegend nel “circus” iridato rally: Mi sono attivato subito nel “giro” del Mondiale Rally, dove ho tanti amici, e l’adesione dei campioni che ho contattato è stata immediata e calorosa. Sarà davvero un evento unico. Dopo la Conferenza Stampa di sabato 21 ottobre, alla presenza di tutti i Campioni del Mondo, a disposizione di media e pubblico, il giorno successivo, domenica 22 si svolgerà una Parata, sulla prova speciale “The Legend”, di tutti questi assi leggendari, ognuno a bordo della vettura da lui portata al titolo iridato, come omaggio “rombante” a Colin Mc Rae. Sarà uno spettacolo unico e indimenticabile, un momento che rimarrà indelebile nella memoria degli spettatori. Altro momento imperdibile quello che, sempre domenica 22 ottobre, vedrà Rallylegend ricordare Colin Mc Rae, sulla classica prova speciale “The Legend”, con una emozionante parata di tutte le vetture pilotate dal campione scozzese nei vari Campionati del Mondo Rally. Sfilata che sarà aperta da Alister Mc Rae, anch’egli pilota di rally e fratello dell’indimenticabile Colin, navigato da Derek Ringer. Insomma gli ingredienti per una due giorni da sogno ci sono tutti. Non ci resta che iniziare il conto alla rovescia.

Questo articolo lo trovate su sito Rallyssimo

Tag:
aprile 28, 2017

“Google Trips, l’applicazione per i viaggiatori si aggiorna con alcune novità”

Google ha introdotto lo scorso anno Google Trips per aiutare le persone a organizzare i loro piani di viaggio e scoprire cosa fare una volta arrivati ​​a destinazione e ora l’applicazione ha guadagnato da poco alcune novità che la rendono ancora più utile. In primo luogo, Google Trips archivierà automaticamente nella sezione delle prenotazioni anche i biglietti di treni e bus che sono stati inviati all’indirizzo Gmail. L’applicazione è già in grado di raccogliere tutte le prenotazioni di voli, hotel, ristoranti e auto, quindi l’aggiornamento rende molto più completa la panoramica del piano di viaggio. Google ha anche introdotto l’opzione per aggiungere manualmente le prenotazioni, funzionalità utile per aggiungere altre tipologie di prenotazioni che al momento non vengono riconosciute automaticamente dall’email. L’ultima aggiunta è la capacità di condividere viaggi con altre persone; sarà così possibile presentare il proprio itinerario a chi partecipa allo stesso viaggio, senza dover inviare loro direttamente le email di conferma da Gmail. Infine le informazioni possono essere salvate sull’applicazione per la visualizzazione offline, funzione ottima se il viaggio prevede di raggiungere zone in cui non è possibile ottenere facilmente una connettività wi-fi o radio cellulare. Google Trips è disponibile sia per utenti Apple sia per utenti Android e può essere scaricata gratuitamente su Apple Store o su Google Play Store.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 27, 2017

“LeEco Le Max 2, il phablet da 5.7″ in sconto su TomTop a partire da 186 euro”

Se volete comprare un phablet Android senza spendere una fortuna, LeEco Le Max 2 potrebbe essere una valida alternativa specialmente se lo si compra adesso su TomTop dove, grazie ad un’offerta lampo, costa soltanto 186,11 euro. Il prezzo più basso riguarda il modello con 4GB di RAM e 64GB di capacità, mentre scontata a 240,63 euro è possibile acquistare la versione potenziata con 6GB di RAM e ben 128GB di capacità. In entrambi i casi si tratta di uno smartphone con ampio schermo da 5.7 pollici con risoluzione 2K, pari a 2.560 x 1.440 pixel a 551 PPI, è Dual SIM ed è alimentato dal processore quad-core Qualcomm Snapdragon 820 a 64 bit e 2.15 GHz. E’ dotato di due fotocamere, una posteriore da 21MP per fotografie con risoluzione massima a 5.312 x 3.984 pixel e video in 4K a 3.840 x 2.160 pixel, dotata di sistema OIS per ammortizzare le vibrazioni, PDAF e autofocus; quella frontale è invece da 8MP. C’è un sensore per il riconoscimento delle impronte digitali dedicato allo sblocco del dispositivo che opera su Android 6.0 Marshmallow, mentre la batteria è da 3.100 mAh e dotata di tecnologia Qualcomm Quick Charge 3.0 per la ricarica ultraveloce che avviene tramite presa USB-C. Sono entrambi dispositivi 4G con Bluetooth 4.2 e, come dicevamo, si possono comprare in sconto su TomTop grazie ad un’offerta lampo. Il modello 4GB RAM 64GB ROM scende a 186,11 euro, quello con 6GB RAM 128GB ROM costa invece 240,63 euro. Per ulteriori informazioni sui costi e tempi di spedizione, eventuali oneri e gestione degli ordini, è possibile consultare il sito del venditore.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 27, 2017

“Google Foto si aggiorna con AirPlay”

Novità per Google Foto in versione iOS, un’app che per Big G appare evidentemente di rilievo perché continua ad aggiornarla con varie funzioni anche seguendo l’evoluzione di Apple e di iOS. Una novità aggiunta nella recente versione 2.14 riguarda un aspetto che era ancora mancante rispetto alla gestione delle foto in iOS: la compatibilità AirPlay. Con la nuova versione di Google Foto è ora possibile invece visualizzare le fotografie e i video sul grande schermo di uno Smart TV, a patto ovviamente di avere una periferica AirPlay che trasmetta contenuti video allo Smart TV stesso, il che al momento significa essenzialmente una Apple TV. Per chi “vive” maggiormente il mondo Google è anche possibile eseguire la visualizzazione di immagini e video usando un dispositivo Chromecast, funzione che peraltro era già disponibile da un certo tempo. L’aggiunta della compatibilità AirPlay rende Google Foto un’app più paragonabile a Foto di iOS, da usare in particolare se volete mantenervi una porta sempre aperta verso il mondo Android. Mancano ovviamente le funzioni di integrazione con iCloud.

Questo articolo lo trovate su sito Applicando

Tag:
aprile 27, 2017

“Rendi “Smart” qualsiasi televisore con Vorke Z3, Android e 4K in sconto a 146,45 euro”

Chi ha un vecchio televisore che però funziona ancora bene e non vuole sostituirlo con uno di nuova generazione per portare le funzionalità “Smart” sul grande schermo può affidarsi a Vorke Z3, un box TV Android attualmente in offerta su GeekBuying a 146,45 euro grazie ad un codice sconto. Questo box TV è alimentato dal processore Rockchip RK3399, un hexa-core basato sui dual-core ARM Cortex-A72 MPCore e Quad-core ARM Cortex-A53 MPCore ed affiancato da GPU quad-core Mali-T860MP4, 4GB di RAM e 32GB di capacità, con spazio quindi sufficiente per app e contenuti multimediali da visualizzare sul televisore in qualsiasi momento. Peculiarità di questo prodotto è la risoluzione 4K a 60fps, eccellente per guardare senza rallentamenti anche i video più recenti, con supporto ad H.265 e VP9. Si collega alla rete tramite AC WiFi oppure tramite cavo Ethernet, offre inoltre una presa USB 2.0, una USB 3.0 e una porta USB-C per il collegamento di qualsiasi periferica esterna, come chiavette USB, hard disk e molto altro ancora. Si collega al televisore anche tramite HDMI 2.0 ed è offerto con Android 6.0.1, assicurando quindi ampia compatibilità anche con i software più recenti. Vorke Z3 è in vendita su GeekBuying per 155,61 euro. Con il codice HJJIWDQM è tuttavia possibile ottenere uno sconto pagandolo 146,45 euro. Per ulteriori informazioni sui costi e tempi di spedizione, eventuali oneri e gestione degli ordini, è possibile consultare il sito del venditore.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

aprile 26, 2017

“iPhone 8 bianco con chassis in ceramica mostrato nel video concept”

Dopo sei anni, l’iPhone col dorso completamente bianco potrebbe tornare in vita. Merito della ceramica, materiale già adottato da Apple per la cassa di Apple Watch Series 2 e, secondo le idee dei designer Thiago M. Duarte e Ran Avni, impiegato per la realizzazione anche di un iPhone 8 completamente bianco. Guardando il filmato realizzato dai due artisti il concept risulta decisamente familiare: da un lato le linee del dispositivo sono simili a quelle di iPhone 6, 6s e dei più recenti iPhone 7, dall’altro Apple ci ha in effetti già abituati a un telefono tutto bianco fin dal 2008 con iPhone 3G, mentre l’ultimo iPhone col dorso completamente candido è stato il 4s; nel 2012 infatti iPhone 5 nella versione argento aveva di colore bianco soltanto le due bande posteriori dedicate alle antenne con rivestimento in vetro. Il resto del design del dispositivo segue in parte le voci che si sono susseguite fino ad oggi riguardo le caratteristiche del prossimo iPhone che celebrerà i 10 anni dal lancio del primo: schermo borderless, Touch ID implementato nel display, e poco altro. Non è invece disposto in verticale il componente relativo alla doppia fotocamera e, a meno che Apple non adotti un nuovo sistema di trasmissione audio, manca il foro per la capsula auricolare. In quest’ottica potrebbe essere di dubbio gusto poi la scelta di implementare la fotocamera frontale al di sotto del display che, se da un lato permette a quest’ultimo di essere più ampio pur mantenendo compatte le dimensioni del dispositivo, dall’altro si avrà un cerchio nero onnipresente a “sporcare” l’interfaccia grafica dell’iPhone. Tutto sommato il concept è bello da vedere e permette di farsi già un’idea di quello che potrebbe essere il prossimo smartphone di Cupertino, realizzato dai designer ovviamente anche nell’accattivante colorazione Jet Black.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 26, 2017

“Solo oggi: Ultimi giorni: sconto a 7,99 euro per fascia da braccio per smartphone”

Se siete tra quelli che fanno jogging (ma non solo) e desiderate portare con voi iPhone riducendo l’ingombro al minimo, solo oggi, pagate soltanto 7,99 euro la fascia da braccio di Mpow nei colori nero e verde fluo compatibile con iPhone 6/6s/7, ma anche smartphone Samsung Galaxy, Huawei, ecc. La fascia è realizzata in neoprene con inserti in lycra. E’ dotata di una classica mini tasca per la chiave dell’armadietto in palestra ed una doppia asola per far scorrere la fascia vera e propria, scelta intelligente che riduce la lunghezza della fettuccia lasciando all’utilizzatore la facoltà di scegliere la zona di presa. Interessante segnalare la presenza di tessuto rifrangente sulla fascia frontale, utile per chi corre al buio ed ha necessità di farsi vedere, oltre al foro in corrispondenza della presa del jack per gli auricolari: in questo modo non si sarà obbligati ad usare cuffie Bluetooth (eccezion fatta per iPhone 7, per il quale invece manca l’apposito foro in prossimità della presa Lightning). La fascia costa 9-10 euro in base al colore scelto, praticamente un prezzo già stracciato se consideriamo le caratteristiche della fascia, specialmente in rapporto alle soluzioni concorrenti del tutto simili ma sicuramente più costose. Con il codice KD2C3RH4 per la versione di colore nero oppure il codice 3OVYSG49 per il modello verde fluo il prezzo scende a 7,99 euro, un affare da non farsi sfuggire per chi, con una spesa minima, vuole mettere iPhone al braccio durante l’attività fisica e non solo. Lo sconto scade oggi, mercoledì 26 aprile alle 24.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 26, 2017

“G-Hold, il supporto a ventosa per tablet che piace ad Apple e Microsoft”

Il britannico Daily Record parla di Alison Grieve, una mamma single che tre anni addietro ha lanciato G-Hold, un supporto a ventosa per tablet (36,30 euro su Amazon) che non è stato ritenuto degno di attenzione nel reality show Dragons’Den (un programma nel quale si sfidano una serie di imprenditori presentando idee di business a una giuria di investitori per ottenere finanziamenti alla loro startup) ma che è stato invece apprezzato da Microsoft e Apple. L’idea della Grieve ha colpito Microsoft che ha chiesto di progettare l’accessorio per i suoi Surface. Con Apple sono stati siglati accordi di fornitura per apparecchiature destinate in sedi nelle quali c’è particolare attenzione per gli aspetti ergonomici. Cupertino ha previsto la distribuzione del G-Hold a membri del suo staff che lavorano nei magazzini, agli addetti alle vendite e alle divisioni che si occupano del testing di software. Tra i vantaggi di questo semplice accessorio la semplicità con la quale permette di tenere in mano un tablet, un supporto che si rivela utile in vari contesti e ambienti, con ovvi vantaggi del punto di vista ergonomico. Secondo ricercatori della University of the West of Scotland, è utile ad esempio per chi usa tutto il giorno il tablet, consentendo di ridurre dolori da sforzi ripetitivi.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Tag:
aprile 25, 2017

“Free Wheels Onlus, Un convegno su Disabilità, esempi di normalità, amore e affettività alla Microsoft House”

Milano, 12 aprile 2017- Sì è svolto alla Microsft, un convegno su “Disabilità, esempi di normalità” e “Amore e affettività. Questa manifestazione organizzata da Pietro Scidurlo, fondatore di Free Wheels Onlus, ha accolto 7 magnifici relatori: Ferdinando Acerbi (atleta e allenatore paraolimpico equestre), Alessandro Bordini (nonostante sia non vedente a causa di un incidente, ha girato in sette anni 90 paesi da solo, in completa autonomia), Martina Gerosa (esperta nell’ambito dell’accessibilità e manager della cooperativa Accaparlante), Luca De Doris (storico archivista), Max Ulivieri (fondatore del progetto Diversamente Agibile) e Fabrizio Marta (Fondatore dell’associazione “Rotellando”). Moderatore dell’incontro è stato Claudio Arrigoni (Giornalista di RCS). “Nel secolo scorso si è transitati dalla cultura della disabilità a quella dell’integrazione e successivamente dell’inclusione. Ora l’obiettivo è entrare nella cultura delle abilità: guardare alle abilità delle persone, ognuna con la propria condizione e diversità. In questo modo, si valorizza la persona così come essa è e per quello che può esprimere, ognuno secondo la propria condizione, è risorsa per la comunità”. Cosi ha introdotto l’evento Claudio Arrigoni. Dalle parole ai fatti: Alessandro Bordini ha iniziato a raccontare che ha girato più di 90 paesi da solo ma in compagnia della gente toccando con mano la loro bontà e disponibilità durante i suoi viaggi. In un’epoca in cui viene solo messa in evidenza tanta violenza e cattiveria questo ultimo, ha dimostrato il contrario. A seguire Martina Gerosa (non udente) ha proiettato un video in cui diverse persone con differenti disabilità, sostenevano che la propria caratteristica intrinseca è un valore aggiunto e non deve essere vissuta come una tragedia personale. L’emblema del superamento dei limiti è stato ben rappresentato da Ferdinando Acerbi, campione equestre e mieloleso parziale il quale nel 2004, a causa di un incidente, ha dovuto stravolgere la sua vita. Oggi allena atleti paraolimpici equestri. A concludere questa prima sezione è intervenuto Luca De Doris, che ha proiettato un video di debutto per il festival del cinema, formato da un cast di soli attori sordi. Un reportage a seguire ha evidenziato che alla domanda:” che cosa fosse il cinema dei sordomuti”, l’opinione pubblica rispondesse: “dei film per i sordomuti con i sottotitoli”; erroneamente a ciò che si crede, questo genere cinematografico ha ampio seguito soprattutto all’estero. Purtroppo è evidente che non vengono fornite in Italia informazioni adeguate in merito. Nella seconda parte, ad affrontare il tema della sessualità sono intervenuti Max Ulivieri e Fabrizio Marta (Rotex): se il primo ha sottolineato l’importanza dell’istituzionalizzazione dell’assistente sessuale per i disabili gravi, il secondo ha parlato della sua condizione di vita da disabile omosessuale, di come è stata complicata da accettare e da gestire soprattutto da adolescente. Martina Genosa, in un commento conclusivo, ben riassume il pensiero condiviso da tutti i presenti al Convegno: “È rassicurante che tutti coloro che hanno partecipato a questo evento, sia sul palco che in platea, desiderano strutturare una società più aperta, rispettosa delle differenze, solidale, accessibile e inclusiva”.

Questo articolo lo trovate su sito DisabiliAbili