“Specifiche alla mano, l’iMac è più conveniente di Microsoft Surface Studio”

Macworld mette a confronto l’iMac di Apple con il Surface Studio, il nuovo all-in-one di Microsoft con Windows 10, un po’ da tutti identificato come il primo serio concorrente dell’all-in-one di Cupertino. La variante più economica del Surface Studio, che sarà in vendita dal 15 dicembre, parte negli USA da 2999 dollari. Per questo prezzo si ha un Intel Core i5 quad-core, 1 TB di storage, 8GB di RAM e una GPU NVIDIA GeForce GTX 965M con 2 GB di VRAM. Il Core i5 in questione è di sesta generazione (Skylake) giacché i chip Kaby Lake quad-core non saranno disponibili prima dell’inizio del 2017. L’unità di storage è presentata come “rapid hybrid drive”: in poche parole è lo steso concetto del Fusion Drive sull’iMac, una tecnologia che combina una unità allo stato solido con un disco rigido tradizionale. Non è possibile configurare un Surface Studio unicamente con unità SSD. Il processore grafico del Surface Studio è l’Nvidia GeForce GTX 965M con 2GB di memoria GDDR5 (la  variante più potente dell’all-in-one sfrutta la 980M con 4GB GDDR5). Si tratta di una GPU per notebook utilizzabile in ambito gaming, anche se il target dei Surface Studio sono i professionisti dalla creatività come dimostra lo schermo da 192ppi, il supporto alla modalità sRGB e ai profili DCI-P3. L’iMac da 27″ di Apple usa un quad-core Intel Core i5, lo stesso chipset Skylake del Surface Studio. A parità di configurazione l’all-in-one di Apple permette di risparmiare un migliaio di dollari. Per 1999 dollari (2.329 euro su Apple Store Italia) è possibile comprare un iMac intermedio con Core i5 quadcore a 3.2GHz, 8GB di RAM, Fusion Drive da 1TB e display Retina 5K con risoluzione 5120×2880 pixel, display con supporto profili P3. L’unica differenza è il chip grafico: l’iMac sfrutta l’AMD Radeon R9 M390 con 2GB di GDDR5 (Apple non consente di scegliere in opzione GPU di Nvidia). È possibile avere un Surface Studio con il doppio della memoria RAM (16GB) e un processore Intel Core i7 al posto del Core i5 aggiungendo 500 dollari e arrivando in totale a 3.499 dollari. Per la configurazione top possibile bisogna arrivare a 4.199 dollari: abbiamo un processore Intel Core i7, 32GB di memoria RAM, un drive ibrido da 2 TB e una GPU Nvidia GeForce GTX 980M con 4GB di memoria GDDR5. Di serie con il Surface Studio abbiamo tastiera Surface Keyboard, il Surface Mouse e la Surface Pen (una sorta di Apple Pencil). Opzionale (100 dollari) è invece il Surface Dial, accessorio che consente di visualizzare e navigare menu, gestire zoom e altre funzioni, utilizzabile sia appoggiato sulla scrivania oppure per eseguire altre operazioni appoggiandolo direttamente sullo schermo. Un iMac da 27″ con specifiche simili costa 700 dollari in meno: 3,399 dollari. Apple consente in fase di ordine di scegliere processore Core i7, (250 dollari in più da aggiungere ai 2299$), avere 32Gb di memoria RAM (+600$) e come grafica scegliere tra AMD Radeon M392 con 2GB di memoria video GDDR5 o la AMD Radeon R9 M395X con 4GB di memoria video GDDR5. Rispetto al Surface è possibile scegliere Fusion Drive da 2TB, 3TB, unità flash da 256, 512 e 1TB. La massima configurazione possibile dell’iMac 27″ costa sul sito Apple 4099 dollari (4.789 euro su Apple Store Italia) con lo stesso identico Core i7, 32GB of RAM e i 4GB di RAM video. Il Surface Studio integra di serie la Surface Pen (valore circa 60$) il Mac ovviamente arriva con macOS Sierra, il Surface Studio con Windows 10.

Questo articolo lo trovate su sito Macity

Annunci
Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: